Cristianesimo/Christianity, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Specola Vaticana/Vatican Observatory, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

Annunci
Specola Vaticana/Vatican Observatory, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

🔵 MAURO BIGLINO – Chiesa e UFO 🔵

Pubblicato il 1 dic 2017

Quanto manca prima che la Chiesa dichiari che ESISTONO gli UFO?
E’ importante che questo video venga subito condiviso!
Per supportare il canale : https://streamlabs.com/ytcommunication Grazie!
Iscriviti ORA per rimanere sempre aggiornato!
Specola Vaticana/Vatican Observatory, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

Copertina di 'La Chiesa e gli extraterrestri'

Descrizione

Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Cristianesimo/Christianity, Fisica/Physics, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

8 agosto 2014

“GLI EXTRATERRESTRI ESISTONO E SONO NOSTRI FRATELLI” LO DICE LA CHIESA CATTOLICA

Il cosmo è popolato da altri esseri: gli extraterrestri quindi esistono e sono nostri fratelli: ecco le testimonianze di figure di spicco della chiesa cattolica i quali con le loro parole hanno dato un prezioso contributo alla divulgazione della realtà extraterrestre e allaverità. Ecco le dichiarazioni.
Iniziamo con Padre Pio, personaggio molto amato oggi Santo che così affermava: “L’onnipotenza di Dio non si limita al solo pianeta Terra. In altri pianeti esistono delle creature e altri esseri che non hanno peccato come noi e che pregano Dio”.
Il compianto monsignor Corrado Balducci, demonologo, che si è speso con coraggio a favore della presenza extraterrestre tra di noi e gli UFO, molto noto nell’ambiente, il quale, in una celebre intervista al quotidiano Il Tempo aveva dichiarato con forza che: “Non credere agli Ufo e alla presenza di altri esseri viventi è peccato. La loro esistenza non solo è provata da circa un milione di testimonianze, tra cui anche quelle di molti scienziati atei, ma è anche confermata da alcuni brani della Sacra Scrittura che in alcuni punti chiariscono la presenza di extraterrestri”.
 
Balducci, inoltre, aveva citato il Salmo 23 che così recita“Del Signore è la Terra, l’universo e i suoi abitanti”, domandandosi perché mai il salmista abbia voluto, dopo aver citato la Terra, ricordare anche l’universo con i suoi abitanti? “Questo – dice Monsignor Balducci – vuol dire che la presenza di altri esseri viventi è certa. Gli alieni esistono, e anche la teologia è d’accordo con questa tesi. La presenza di alieni nell’universo, magari superiori a noi non solo perché più intelligenti ma anche perché meno peccatori, giustificherebbe lo sbalzo che c’è tra noi uomini e gli angeli. Lucrezio scriveva che “natura non facit saltum” (la natura non fa salti) e quindi, nell’ordine provvidenziale della creazione, Dio ha pensato bene di creare anche altri esseri”.
Altro autorevole esponente del clero è padre Guy Consolmagno, gesuita e astronomo della «Specola vaticana»: “Tommaso d’Aquino – scrive il sacerdote in un libro – parla di molteplici mondi. La Bibbia è scienza divina, un lavoro su Dio. Non vuole essere scienza fisica” e l’universo “potrebbe includere altri pianeti con altri esseri creati dallo stesso Dio di amore. L’idea che ci siano altre razze e altre intelligenze non è contraria al pensiero tradizionale cristiano. Non c’è nulla nella Sacra Scrittura che possa confermare o contraddire la possibilità di vita intelligente altrove nell’universo”.
 
Il teologo don Piero Coda, che nel 1995 fu incaricato dal SIR (l’agenzia promossa dalla Conferenza Episcopale) di dare una risposta alla questione aliena così si è espresso: “Anche gli extraterrestri, se esistono, sono creature di Dio – aveva detto nel suo rapporto – e, per la solidarietà che coinvolge tutta la creazione, rientrerebbero anche loro nel riscatto dal peccato originale. Sul piano teologico, quindi, nessuna differenza con gli umani, né uno shock di fronte ad una eventuale conferma dell’esistenza di esseri intelligenti extraterrestri, casomai sorpresa e impreparazione di fronte ad una notizia che comporterebbe una novità nel nostro modo normale di concepire il mondo e il rapporto con la creazione. […] Nessun pericolo, quindi, anzi l’esistenza di extraterrestri potrebbe essere un arricchimento, così come in passato è avvenuto quando la cultura europea è entrata in contatto con mondi che prima erano assolutamente sconosciuti”.
Monsignor James Schianchi, docente di Morale all’Istituto di Scienze Religiose di Parma, già Vicerettore della Basilica magistrale di Santa Maria della Steccata, ha affermato che non esiste “alcun contrasto tra la dottrina cristiana e l’eventuale esistenza di intelligenze extraterrestri. Non possiamo certo precludere alla grandezza di Dio la possibilità di avere creato altri mondi ed esseri. Un atteggiamento di chiusura nei confronti di quest’ipotesi sarebbe per lo meno provinciale”.
 
Per chiudere non si può dimenticare la posizione di padre José Luis Funes, gesuita argentino, proprio come Papa Francesco, che qualche anno fa aveva sorpreso tutti lanciando la memorabile affermazione: “Gli extraterrestri esistono e sono nostri fratelli”.
 
A cura di Noiegliextraterrestri
Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Fisica/Physics, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Specola Vaticana/Vatican Observatory

La Specola Vaticana, l’osservatorio astronomico del Papa

La Specola Vaticana, l’osservatorio astronomico del Papa: le parole di Padre Gabriele Gionti.

Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Fisica/Physics, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

Ufo e Alieni. Gli Usa decidono per il silenzio, ma per il Vaticano gli extraterrestri ci sono, eccome!

di Gialli.it
28 novembre 2009

Barack Obama e gli Stati Uniti non fanno dichiarazioni sugli extraterrestri. Intanto, però, altri governi sembrano molto impegnati sul fronte Ufo-Files. Dalla Bulgaria al Brasile, passando per la piccola Città del Vaticano, ecco una serie di notizie sulle quali dovremmo ragionare per capire cosa sta realmente accadendo nel mondo.

di ARTURO PIRA

La prima news arriva dall’est. Il Novinar, un quotidiano che si pubblica a Sofia, ha stupito i suoi lettori raccontando una storia incredibile. Gli alieni sarebbero uscito allo scoperto! E lo avrebbero fatto rispondendo ad una serie di domande poste dall’Accademia delle Scienze di Bulgaria.

Il sistema utilizzato per entrare in contatto con gli studiosi è complesso. Gli alieni avrebbero usato pittogrammi e cerchi nel grano per rispondere a una trentina di domande. Le risposte? Sono tranquillizzanti. “Vogliono aiutarci – ha spiegato al quotidiano il vicedirettore dell’Accademia Lachezar Filipov – il problema però è proprio il livello di comunicazione. Noi, secondo quando emerge dalle risposte ottenute, stiamo sbagliando le domande. E loro non possono fare nulla”.
A voler interpretare la criptica dichiarazione di Filipov ci sarebbe, dunque, un problema di comunicazione forse legato ai diversi livelli di conoscenza che ci sono tra noi e le eventuali altre razze aliene presenti nell’Universo. Fatto sta che Filipov ritiene che orami siamo vicini ad un “contatto” definitivo.
E a sostegno della sua tesi ha tirato in ballo nientemeno che il Vaticano.

Il gesuita che credeva agli Ufo
La storia che all’ombra della Santa sede qualcuno cominciasse a credere a presenze extraterresti non è nuova. Se ne era parlato spesso, ma nessuna dichiarazione ufficiale sosteneva le voci insistenti. Poi è arrivato padre Fùnes, e le cose sono cambiate. Andiamo per ordine.
Padre Josè Fùnes, 46 anni, nato a Cordoba, in Argentina, è da qualche anno il nuovo direttore della Specola Vaticana, l’osservatorio astronomico della Santa Sede.
Laureato in astronomia, con un faccione simpatico e sereno, padre Fùnes è sempre stato interessato agli Ufo. E quando è arrivato alla direzione dell’Osservatorio non ha fatto niente per nascondere la sua passione. Fino a quando, qualche giorno fa, durante la settimana di studi sull’astrobiologia organizzata dall’Osservatorio ha spiegato che “nonostante l’astrobiologia sia un campo nuovo e un argomento ancora in fase di sviluppo, le domande riguardanti l’origine della vita e la sua esistenza da qualche altra parte nell’universo sono molto interessanti e meritano seria considerazione. Questi interrogativi hanno molte implicazioni filosofiche e teologiche”.

Bingo. Con tale dichiarazione le speranze di tutti quelli che hanno sempre creduto nella presenza extraterrestre hanno trovato finalmente nuova linfa.

La notte degli UFO in Brasile
E dal Vaticano la notizia è rimbalzata in tutto il mondo. Ma neanche il tempo di prendere fiato e un altro governo è uscito allo scoperto. Questa volta dobbiamo spostarci in America Latina. E precisamente in Brasile dove pare siano stati resi pubblici, proprio alcune settimane fa, una serie di documenti top-secret sugli UFO, tutti relativi agli anni ‘80.

Il dossier è composto da ben 800 pagine. Tra i documenti c’è anche quello riguardante la notte del 19 maggio 1986, la “notte ufficiale degli UFO in Brasile”.  Allora 21 oggetti sferici, di circa 100 metri di diametro, avrebbero letteralmente bloccato il traffico aereo negli aeroporti delle principali città.
La notizia era stata seguita dall’esercito ed era finita in un dossier a lungo secretato.

Dopo la decisione del governo brasiliano di declassare i documenti segreti, il ministro Octavio Moreira Lima è andato sulle reti televisive nazionali per spiegare cosa accadde quella notte. Ed anche i piloti hanno potuto parlare liberamente.
Inutile dire che tutto il Brasile è rimasto incollato alla tv per ore.
La relazione sulla notte degli Ufo è reperibile facilmente anche in Rete.

Borghezio e gli extra…terrestri
Mezzo mondo, dunque, parla di Ufo. E in Italia? Per ora nessuna dichiarazione ufficiale, o ansia di confessioni. L’unico che sembra interessato agli alieni e il signor Mario Borghezio, il “condottiero” leghista appassionato di crociate contro gli extracomunitari.

A Borghezio la parola “extra” deve far accapponare la pelle e qualche giorno fa si è lanciato in una clamorosa dichiarazione. “Stati Uniti, Russia e anche le autorità militari italiane nascondono numerose segnalazioni di Ufo”. Detto ciò ha deciso di costituire un gruppo di studio a Milano che partirà dagli avvistamenti di Caselle del 1970.

Quella sera all’aeroporto torinese ci fu un avvistamento radar-visuale. Ne parlò anche La Stampa di Torino, ma poi non se ne seppe più nulla. Ora Borghezio vuole fare luce su questo e altri episodi.