La prima simulazione di un buco nero in realtà virtuale

Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Geologia/Geology, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

https://www.lescienze.it/images/2018/11/20/104525936-ea1d8a83-41af-4ae1-a56b-7981b1219638.jpg

Per la prima volta, è possibile vedere un buco nero in realtà virtuale. Il protagonista è Sagittarius A*, il buco nero supermassiccio che si trova al centro della Via Lattea ed è da tempo oggetto dell’interesse degli astrofisici.

Ricercatori della Radboud University, nei Paesi Bassi e della Goethe University, in Germania, hanno utilizzato i recenti modelli astrofisici di Sagittarius A* per creare una serie di immagini che sono state poi assemblate in modo da ottenere una simulazione di realtà virtuale a 360 gradi, che può essere visualizzata sulle consolle VR disponibili e di cui qui vi mostriamo la normale versione video.

Ma non si tratta di un esercizio estetico: secondo gli autori, questa simulazione di realtà virtuale potrà essere usata per studiare i buchi neri e sarà un importante strumento di divulgazione per il grande pubblico, I dettagli del lavoro sono disponibili in un articolo pubblicato sulla rivista “Computational Astrophysics and Cosmology”

(Credit: Radbound University/J. Davelaar e al., 2018)(red)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...