Per alcune città è iniziata la lunga notte polare, durerà 65 giorni.

Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Geologia/Geology, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

A causa dell’inclinazione dell’asse terrestre che regola l’esposizione della faccia della terra alla radiazione luminosa, al di sopra del circolo polare artico nel nord emisfero, il sole a seconda della latitudine, ad un certo punto del periodo invernale finisce sotto l’orizzonte e non ricompare più fino alla fine dell’inverno.
Ci sono molte città costrette a vivere periodi di buio più o meno prolungati a causa di questo fenomeno, alcune anche di grandi dimensioni.
Vediamo le principali.
Sicuramente per durata della notte polare, si distinguono Utqiacvik in Alaska e Hammerfest in Norvegia entrambe a circa 71° di latitudine Nord.
Per le due città rispettivamente di 4400 e 10200 abitanti il buio è cominciato ufficialmente il 23 Novembre 2018 e durerà per più di due mesi, esattamente 65 giorni.
Il sole rifarà capolino da dietro l’orizzonte soltanto il 19 Gennaio del 2019.
Tra pochi giorni, esattamente il 28 Novembre toccherà anche alla grande città di Tromso di 71mila abitanti, sempre in Norvegia che si trova leggermente più a sud 69° e 40′ di latitudine nord.
Qui la notte polare dura meno delle altre due città, solo 55 giorni, il sole riapparirà infatti il 14 Gennaio 2019 con 5 giorni di anticipo rispetto a Hammerfest e Utqiacvik.
 Ancora meno durevole il buio artico nella grande città di Murmansk in Russia, circa 300mila abitanti.
Qui la luce del sole scomparirà definitivamente il 2 Dicembre 2018 per ricomparire del tutto il 10 Gennaio 2019 dopo 49 giorni di buio.

Fonte 3BMeteo

Annunci

Scoperto pianeta abitabile a ”solo” 14 anni luce, si chiama Wolf 1061C

Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Geologia/Geology, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

Scoperto un nuovo pianeta abitabile come la nostra Terra.
Dal nome Wolf 1061C si trova a solo 14 anni luce dalla Terra, nella costellazione di Ofiuco, e secondo i ricercatori dell’università del Nuovo Galles del Sud, presenterebbe una struttura perlopiù rocciosa con una zona, denominata Riccioli d’Oro, in cui potrebbe esserci presenza di acqua liquida.
Questo potrebbe essere quindi sinonimo di possibile forme di vita extraterrestre.
Il gemello della Terra è 4 volte più grande del nostro pianeta e soprattutto si trova ad una distanza davvero piccola.
 Fa parte di un sistema planetario di tipo roccioso che comprende altri due oggetti, ma sarebbe l’unico a trovarsi nella zona di Goldilocks: orbita intorno alla stella madre, la nana rossa Wolf 1061, ad una distanza dove l’acqua liquida può esistere sulla sua superficie.
 “Il nostro team ha sviluppato una nuova tecnica che migliora l’analisi dei dati provenienti da questo preciso strumento appositamente costruito – ha detto Chris Tinney a capo del dipartimento di Exoplanetary Science all’ University of New South Wales –  abbiamo studiato per più di un decennio Wolf 1061 e questi tre pianeti si uniscono al piccolo ma sempre più nutrito gruppo di possibili pianeti rocciosi abitabili che orbitano attorno a stelle più fredde del Sole”.
 Di sicuro verrà studiato più nel dettaglio nei prossimi mesi e vedremo quali sorprese ci riserverà.

Fonte 3BMeteo

Fratello Guy Consolmagno, SJ

Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Città del Vaticano/Vatican City, Cristianesimo/Christianity, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Geologia/Geology, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Papa Francesco/Pope Francis, Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life


BR. GUY CONSOLMAGNO·SABATO 2 GIUGNO 2018

Fratello Guy Consolmagno SJ, è nato a Detroit, Michigan, si è laureato alla Scuola superiore gesuita dell’Università di Detroit nel 1970. Ha studiato scienze planetarie al MIT (SB 1974, SM 1975) e all’Università dell’Arizona (PhD 1978), è stato un ricercatore presso Harvard e il MIT, prestò servizio nel Corpo di pace degli Stati Uniti in Kenya e insegnò fisica al Lafayette College prima di entrare nei gesuiti nel 1989.
Dal 1993 ha lavorato come astronomo presso l’Osservatorio Vaticano ed è stato curatore della collezione di meteoriti vaticane fino alla sua nomina 2014 come presidente della Fondazione Osservatorio Vaticano –
(Vatican Observatory Foundation). Il dott. Consolmagno è stato eletto membro del consiglio di amministrazione di un certo numero di organizzazioni scientifiche internazionali, tra cui l’Unione astronomica internazionale e la Società meteoritica; nel 2006 ha servito un anno come presidente eletto della divisione della Società Astronomica Americana per le Scienze Planetarie.

Nel 2014 gli è stata assegnata la medaglia Carl Sagan – 
(Carl Sagan Medal) di quella divisione per l’eccellenza nell’istruzione e nella sensibilizzazione del pubblico. Oltre a più di 200 pubblicazioni scientifiche, è autore di sei famosi libri di astronomia, in particolare il Turn-Left più venduto di Orione (con Dan M. Davis) e Would You Baptize an Extraterrestrial? (con P. Paul Mueller SJ).

Hawking vs Einstein: ”Se finite in un buco nero, un’uscita c’è”

Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

Uscire da un buco nero si può, o meglio “SE FINITE in un buco nero, non datevi per vinti.
Un’uscita c’è”.
Sono le parole pronunciate da Stephen Hawking, il celebre astrofisico britannico, fra i più importanti e conosciuti del mondo, noto soprattutto proprio per i suoi studi sui buchi neri e l’origine dell’universo.
In una sua conferenza a Stoccolma, il fisico britannico ha annunciato la sua nuova teoria sui buchi neri.
 Egli sostiene di aver scoperto un meccanismo «attraverso il quale le informazioni riescono a trovare una uscita dal buco nero», focalizzando l’attenzione sul paradosso delle informazioni.
Ma cosa è? Secondo le sue precedenti teorie i buchi neri emettono delle radiazioni che farebbero perdere energia al buco stesso fino a farlo scomparire.
Ma cosa resta della materia all’interno del buco nero? Sparisce a sua volta? Lo scienziato ha proposto una possibile soluzione a questo quesito: «Io credo che le particelle che entrano in un buco nero, lasciano traccia delle loro informazioni .
Quando con il fenomeno della radiazione le particelle escono fuori nuovamente, portano fuori le informazioni, conservandole».
Hawking sostiene che le informazioni che entrano nei buchi neri possono trasformarsi in due modi: o in una sorta di ologrammi sul ciglio del buco nero, oppure trovano una via d’uscita verso un universo alternativo.
«Il buco nero avrebbe bisogno di ingrandirsi e così facendo, ruotando, si scava un passaggio in un altro universo.
Ma non si può più tornare al proprio universo.
Il senso di questa conferenza è che i buchi neri non sono così neri come li abbiamo pensati fino ad oggi.
Non sono quelle eterne prigioni.
Qualcosa può uscirne, magari sbucando in un altro universo».
Una nuova teoria che sfida la relatività generale elaborata ad inizio secolo da Einstein, la quale sostiene che il campo gravitazionale, in un buco nero, è così forte che qualsiasi cosa ci caschi dentro non riesce più a uscirne, luce compresa.
Se la teoria fosse corretta allora i buchi neri non sarebbero più quei pozzi senza fondo pronti a inghiottire qualsiasi cosa si avvicini, ma bensì una “porta” per uscire dall’altra parte.

Dando grazie per te

Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life
[Starry sky with cornucopia full of exoplanets. ] Happy Thanksgiving from all of us at the SETI Institute!
La missione dell’Istituto SETI è esplorare, capire e spiegare l’origine e la natura della vita nell’universo
e l’evoluzione dell’intelligenza.
Siamo grati di averci raggiunto in questo epico viaggio!



SETI Institute – 189 Bernardo Ave, Suite 200, Mountain View, CA 94043 United States

Un universo di bambole russe? – Il codice di tutti i codici! The Theory (Or Reality) che siamo semplicemente un codice creato dal codice X!

Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Fisica/Physics, Neuroscienze/Neuroscience, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics
6D900C2E-BFB1-4073-91F1-6C1DA3FBBC99

Mentre è buona Filosofia interrogarsi sui nostri piccoli sé in questo universo – come adattarci allo schema delle cose e come miglioriamo o vogliamo migliorare se tutto questo fosse vero?

Nel corso della storia gli umani hanno fatto le loro simulazioni per uno scopo o per un altro e inevitabilmente ci stiamo dirigendo collettivamente verso quel posto speciale nel tempo in cui siamo in grado di produrre la simulazione perfetta. Questo dimostrerà scientificamente a noi stessi una volta per tutte che gli “noi” esistono all’interno di altre simulazioni e così via, una delle tante bambole russe – solo l’inizio.

EC3C5795-C050-49CB-B0EE-58010045D21D

Adottiamo già i potenti risultati della codifica in possibilità di ricerca estreme. Questi dati vengono chiamati informazioni e quindi individuiamo i modi per raggiungere ulteriormente senza fine in vista. Che questa capacità sia utilizzata nella ricerca scientifica, nei giochi per l’intrattenimento, nell’educazione per generare nuova fame per ulteriori ricerche, Spurious Intelligence e / o War.

Le simulazioni che creiamo di altri esseri viventi danno nuova luce a complessi sistemi comportamentali come api e formiche per i sistemi direzionali e altri piccoli comportamenti che non abbiamo ancora iniziato a comprendere fino in fondo. Tutto questo e fino al comportamento delle galassie – o anche The Human Soul.

Il pensiero di impiantare processi decisionali puramente umani in questi programmi per computer stiamo sviluppando per la cognizione umana e il ragionamento che lavorano insieme con le macchine e il trasporto. Le simulazioni sviluppate da noi salvaguarderanno la sicurezza di tali esercizi semplicemente nascendo da simulazioni precedenti che irradiano sistematicamente l’errore da (vecchi) tentativi ed errori.

19644F72-B19E-4CF9-9818-13D4BD283BFE

La possibilità per noi di creare automi non con intelligenza artificiale ma con pura coscienza! Ironia della sorte, ulteriori esperimenti avanzati nelle simulazioni di calcolo quantistico ci porteranno ancora più vicini all’intera mappatura dei nostri stessi pensieri – e cosa penseremo in seguito.

L’enorme numero di queste simulazioni può persino iniziare a prendere coscienza completamente nuova e forse lasciarci completamente fuori dal giro. Realisticamente ci sono statisticamente milioni di altri sistemi di vita intelligenti come i nostri che sono persino molto più avanzati dei nostri con probabilità reali che questi esseri abbiano già raggiunto o superato questo punto. Allora, allora?

La legge delle medie aggiunge sempre più peso a questa supposizione ogni giorno, portando la teoria della fantascienza alla realtà e disegnando i nostri scenari “what if” a nuovi livelli mai così tanto in alto. Lo sforzo umano per perseverare in questa direzione supera la paura del futurismo del religioso creazionismo – poiché la sana etica umanistica supera di gran lunga il desiderio di ignoranza scientifica ed entropia.

9C79AA49-621C-48D4-A974-C25F4C1BA2C8

Gli indizi sono proprio di fronte a noi: la messa a punto definitiva della fisica quantistica della vita intorno a noi È la matematica dell’ingegneria. Numeri che tengono insieme l’universo, numeri che tengono insieme i nostri corpi, siamo incuriositi da questi stessi numeri, costantemente in questo viaggio umano di conoscenza che un giorno hanno il potere di un giorno di emulare l’universo e oltre! Numeri e componenti in natura, tuttavia quanto minuti sono, essendo la carta da visita indizio del design intelligente della razza umana.

La vita è impossibile da seguire o addirittura esiste senza complicate accordature che rende possibile in primo luogo che il sistema valido sia presente ed esista.

Zoom su una fontana galattica

Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, European Southern Observatory (ESO), Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Geologia/Geology, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

Questo video inizia con una panoramica della Via Lattea e, attraverso successivi ingrandimenti, termina con un primo piano dell’ammasso di galassie Abell 2597. Le osservazioni di ALMA e i dati dello spettrografo MUSE installato sul VLT dell’ESO hanno rivelato una colossale sorgente di gas molecolare alimentata da un buco nero nella galassia più brillante dell’ammasso Abell 2597 – il ciclo galattico che alimenta questa vasta fontana cosmica non era mai stato osservato prima d’ora così chiaramente.
L’immagine finale è un composito dell’ammasso di galassei Abell 2597 che mostra il flusso di gas, che ricorda lo spruzzo di una fontana, alimentato dal buco nero supermassiccio nel cuore della galassia centrale dell’ammasso. In giallo i dati di ALMA mostrano la distribuzione del gas freddo, mentre in rosso i dati dello strumento MUSE montato sul VLT (Very Large Telescope) dell’ESO mostrano l’idrogeno gassoso, caldo, nella stessa regione. In blu-viola è mostrato invece il gas caldissimo, ionizzato, rivelato dall’osservatorio per raggi X Chandra.

Crediti:ESO and Digitized Sky Survey 2, N. Risinger (skysurvey.org)
Music: Astral Electronic.

La “luce del portico” interstellare potrebbe aiutarci a trovare gli alieni spaziali

Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Geologia/Geology, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

15 novembre 2018

Un nuovo articolo suggerisce che gli extraterrestri potrebbero segnare la loro presenza con un raggio laser super luminoso.

Interstellar Porch Light


Di Seth Shostak, Senior Astronomer
La radio è stata a lungo la modalità di scelta quando si tratta di cercare gli alieni e potenzialmente di conversare con loro.

Ma la radio non è l’unico gioco in città. Un recente articolo su The Astrophysical Journal suggerisce un approccio diverso. In esso, due ricercatori del MIT sostengono che potrebbe essere più facile trovare residenti cosmici se segnano la loro posizione con luci brillanti.

L’idea di segnalare con la luce non è nuova. Negli anni ’90, gli scienziati coinvolti nella ricerca dell’intelligenza extraterrestre (SETI) hanno considerato la seguente impostazione ipotetica: Fase uno: trovare il laser più potente del mondo. Fase due: mettere a fuoco il laser con un telescopio con uno specchio di almeno 10 metri di diametro, producendo un raggio più stretto di un letto singolo. Fase tre: intermittenza del flash del laser, con ciascun flash che dura un milionesimo di secondo circa.

Il risultato da capogiro? Questo puntatore laser titanico produrrebbe un impulso che avrebbe messo in ombra il sole, anche se visto da anni luce di distanza. Ovviamente, lo farebbe solo durante quel flash di microsecondi. E sarebbe visibile solo a qualcuno nel raggio del laser. Ma l’idea che un pezzo di tecnologia del 21 ° secolo potrebbe momentaneamente offuscare 500 milioni di miliardi di watt di luce solare è un incredibile fattoide, sicuro di impressionare il set nerd.

Se gli umani potessero farlo, forse alcuni alieni lo stanno già facendo. Questa possibilità ha spinto una piccola manciata di cosiddetti esperimenti “SETI ottici” che hanno cercato – e continuano a cercare – impulsi di luce molto brevi dal cielo. Ma nel loro nuovo articolo, James Clark e Kerri Cahoy suggeriscono che potrebbe essere più interessante costruire un diverso tipo di segnale luminoso: uno che non solo lampeggia occasionalmente ma è sempre acceso. La madre di tutte le luci del portico.

Come funzionerebbe? Ancora una volta si inizia con un potente laser, uno in esecuzione a diversi milioni di watt. E useresti un laser che brilla nell’infrarosso, non nella luce visibile. Di nuovo, un massiccio telescopio verrebbe usato per focalizzare il laser, producendo un raggio che i ricercatori stimano potrebbero essere rilevati da un raggio di 20.000 anni luce – un’indicazione sempre presente della presenza di qualcuno.

Nella maggior parte dei luoghi della galassia, ci sono circa 10 miliardi di sistemi stellari all’interno di quella distanza, quindi questo raggio potrebbe raggiungere molti mondi.

Ci sono grandi vantaggi nell’usare la luce a infrarossi. Passa senza ostacoli attraverso la polvere e il gas che riempiono lo spazio interstellare. E le stelle come il sole non producono naturalmente molta luce infrarossa, facendo risaltare di più un brillante laser a infrarossi su qualsiasi pianeta orbitante. (Nota che a distanza di anni luce, la luce proveniente dalla stella e dal pianeta sembrerebbe provenire dallo stesso luogo.) Qualsiasi astronomo che misura la luce da un tale sistema vedrebbe un eccesso di infrarossi e deduce rapidamente che qualcosa “non- naturale “stava succedendo.

Naturalmente, una vera luce del portico splende in tutte le direzioni. Il laser altamente focalizzato proposto dagli scienziati del MIT brillerebbe in uno solo. Quindi, se i terrestri dovessero costruire una di queste cose con l’idea di annunciare la presenza dell’Homo sapiens, dovremmo davvero riposizionarla incessantemente, puntando a una stella dopo l’altra, sperando di suscitare qualche benevole interesse dall’altra parte.

Non ci sono piani per costruire questo dispositivo ora. Gli scienziati del MIT si stavano impegnando in un esperimento mentale per vedere se un raggio laser sempre attivo fosse fattibile. Bene, apparentemente lo è, e potrebbe offrire uno schema efficace per trovare compagnia tra le stelle. Avremmo solo bisogno di accendere il nostro laser, far brillare un po ‘di luce sugli alieni e aspettare che tornino da noi. Naturalmente, quell’attesa potrebbe essere lunga decenni, secoli o più.

Intendiamoci, non tutti sono entusiasti di costruire un faro luminoso che dice agli altri che siamo a casa. Potrebbe solo provocare un’azione ostile da parte di extraterresti violenti. Ma anche se decidessimo di non mettere una luce sulla Terra, è possibile che altre società galattiche meno paranoiche lo abbiano fatto. Ed è un semplice esperimento per cercare il tipo di lustro di stelle modificate che tale tecnologia produrrebbe.

Ovviamente, dovremmo cercare. Forse qualcuno ha lasciato la luce accesa per noi.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su NBCNews, https://www.nbcnews.com/mach/science/interstellar-porch-light-just-might-help-us-find-space-aliens-ncna935181

Aggiornamento dal SETI Institute NAI Team 2018 Expedition to the Andes

Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Geologia/Geology, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

13 novembre 2018

“Sentiero delle stelle”

star trail

Il nostro campo di notte. Proprio al centro del percorso stellare, le due Nubi di Magellano danno visioni di mondi alieni. Foto di credito: Victor Robles, Campoalto e il SETI Institute NAI Team.

Nathalie Cabrol, direttrice del Centro Carl Sagan per lo studio della vita nell’universo, guida il team di SETI Institute NAI nella sua spedizione sul campo del 2018 alle Ande:

“Quest’anno, tra il 17 ottobre e il 20 novembre 2018, la mia squadra e io torneremo sulle Ande cilene,” disse Nathalie. “Lì, continueremo lo sviluppo di nuove strategie, strumenti e sistemi di esplorazione planetaria, che nel prossimo futuro cambieranno radicalmente il modo in cui cerchiamo la vita oltre la Terra. Il nostro progetto è supportato dall’Istituto di Astrobiologia della NASA e aiuta a preparare missioni come Mars 2020 e ExoMars che presto cercheranno tracce di antiche biosignature sul Pianeta Rosso. “

Mentre la squadra è in Cile, Nathalie fornirà aggiornamenti quando sarà in una zona con una connessione Internet. Le foto sono fantastiche!

Segui insieme a noi:

Aggiornamento sul campo 1.
Pajonales: Rilevamento della biosignatura in ambiente analogico di Marte
Il nostro team è arrivato sano e salvo in Cile e ha trascorso diversi giorni (1-3 novembre) nel nostro primo sito, Salar de Pajonales, distribuendo strumenti ed eseguendo esperimenti. Alcuni degli strumenti che abbiamo portato con noi sono equivalenti a quelli che saranno a bordo della Mars 2020 della NASA e degli ExoMars dell’ESA.

Il nostro obiettivo è supportare queste missioni comprendendo come passiamo dalla caratterizzazione dell’abitabilità planetaria – il tipo di esplorazione che è stata eseguita negli ultimi 15 anni, alla ricerca di biosignature antiche o recenti su Marte, che è l’obiettivo delle prossime missioni .

L’abitabilità è principalmente definita dall’astronomia e dall’ambiente (condizioni fisico-chimiche), mentre gli habitat antichi sono definiti dalla biologia, in questo caso la vita microbica. Le loro scale (abitabilità vs habitat) e la risoluzione necessaria per esplorarle sono molto diverse, il che significa che le strategie e i metodi di esplorazione devono adattarsi. Una delle domande principali è allora quanto i dati che abbiamo a livello globale o regionale ci informano sugli schemi che dovremmo cercare quando esploriamo gli habitat microbici e su come possiamo integrare queste informazioni dall’orbita a terra?

Questo è ciò che stiamo documentando in Cile nelle prossime 3 settimane con un numero di macchine fotografiche, tra cui una camera visibile, spettrometri Raman e XRD-XRF, droni, trapani, esperimenti che includono sostanze organiche, DNA, ogni tipo di rilevamento e campionamento microambiente, e altro ancora. Salar de Pajonales è per la maggior parte un laghetto arido con un vasto campo di tumuli di gesso e poligoni che offrono habitat molto localizzati e su piccola scala, ripetibili agli estremofili. Situato ai confini del deserto di Atacama, fornisce un ottimo analogo agli antichi laghi marziani (vedi foto).

Salar de Pajonales

Salar de Pajonales (foto 80) (3.600 m / 11.800 piedi) | Paesaggio ultraterreno al confine tra il deserto di Atacama e l’Altiplano. All’orizzonte, il vulcano Lastaria continua a vomitare grandi pennacchi di vapore acqueo e zolfo. Immagine di credito: Michael Phillips, University of Tennessee Knoxville e il SETI Institute NAI Team.

Human scale exploration

Scala umana di esplorazione (foto 81) | Le immagini di Drone forniscono la visione a volo d’uccello del nostro team al lavoro a Salar de Pajonales. Rivela inoltre indizi critici sui paesaggi e sui modelli associati agli habitat microbici che non sono sempre facilmente visibili da terra. Ad esempio, mentre piccoli campi di poligoni sono evidenti quando camminiamo nel salar, i modelli di poligoni più grandi diventano evidenti solo dall’aria. Immagine di credito: Michael Phillips, University of Tennessee Knoxville e il SETI Institute NAI Team.

windstorm


Tempesta di vento (foto 82) | Il 2 novembre, una tempesta di vento è iniziata al mattino presto e si è interrotta bruscamente come era iniziata verso le 17:00. Il vento era feroce e ha creato un fantastico gioco di ombre e luce tutto il giorno. In questo deserto arido, la vita non si vede da nessuna parte in superficie. Si nasconde in habitat sottosuolo molto localizzati. Immagine di credito: Michael Phillips, University of Tennessee Knoxville e il SETI Institute NAI Team.

La spedizione dai numeri

19 scienziati
13 istituzioni e aziende
4 paesi (Cile, Stati Uniti, Spagna, Messico)
2 medici
2 cuochi
Un team di 5 membri per supporto logistico
2 fotografi del National Geographic
7 camioncini; 1 camion per l’attrezzatura
4,5 tonnellate di attrezzature
5 siti di esplorazione
E l’odometro è ancora in funzione. Siamo appena tornati dal sito uno e il contachilometri per il nostro convoglio è già vicino a 1.000 km, la maggior parte dei quali in condizioni che non si qualificherebbe veramente come piste sterrate. Noi lo chiamiamo il “massaggio” degli altiplanici.

Istituzioni e società partecipanti

  • The SETI Institute
  • Campoalto
  • Carnegie Mellon University, The Robotics Institute
  • Centro de Astrobiología de Madrid, Spain
  • Honeybee Robotics
  • National Geographic
  • Pacific Northwest National Laboratory
  • Panorama Research Institute
  • Universidad Catolica del Norte, Antofagasta, Chile
  • University of Guam
  • University of Montana
  • University of Southern California
  • University of Tennessee, Knoxville

Comete e asteroidi potrebbero diffondere la vita attraverso la galassia

Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Geologia/Geology, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

31 ottobre 2018

I germi provenienti dallo spazio sono la fonte della vita sulla Terra? La terra ferma è inequivocabilmente il luogo di nascita dell’umanità?

Oumaumau

Oggetti interstellari come Oumuamua potrebbero essere la fonte della vita così come la conosciamo. ESA / Hubble, NASA, ESO, M. Kornme

Di Seth Shostak, Senior Astronomer

Siamo veramente terrestri? La terra ferma è inequivocabilmente il luogo di nascita dell’umanità?

Forse no. Un nuovo articolo di un trio di ricercatori dell’Università di Harvard sostiene che tutti noi potremmo essere immigranti dallo spazio profondo, portati sulla Terra attraverso un meccanismo chiamato panspermia.

Mentre la saggezza convenzionale dei biologi è da lungo tempo che la vita sulla Terra è iniziata sulla Terra, la fantascienza non è così fuddy-duddy. “Prometheus”, il prequel di Ridley Scott del 2012 in franchising “Alien”, è uno dei tanti film che affermano che il nostro pianeta è stato seminato dalla vita extraterrestre.

Nei film, gli alieni usano una sorta di sistema di trasporto progettato per arrivare qui – per esempio razzi o wormhole. Panspermia non fa richieste tecniche del genere. Ecco l’idea di base: una meteora sbatte contro un pianeta dove la vita esiste, e la collisione sottoterra nello spazio una zolla di sporco contenente microbo. La zolla alla fine sbatte contro un altro mondo e la infetta con la vita.

Molti scienziati spaziali pensano che la panspermia possa funzionare all’interno di un sistema solare. Ad esempio, è possibile che la vita sia sorto su Marte più di 4 miliardi di anni fa e – grazie alla panspermia – abbia mandato emissari microbici sulla Terra, dove si sono evoluti nella flora e nella fauna che oggi ti piacciono.

Ma la panspermia è stata a lungo considerata una portata limitata. Anche se i microbi sono più duri della bistecca economica, sembra improbabile che sopravvivrebbero a un viaggio tra i sistemi stellari. Sarebbero morti all’arrivo – anzi, morti prima dell’arrivo – uccisi dalle radiazioni che permeano lo spazio e la mancanza di acqua liquida in rotta. E le probabilità che una sporca sporcizia stacchi da un sistema stellare colpisca effettivamente un pianeta in un altro sono paragonabili alle probabilità di abbattere un piccione di argilla a trilioni di chilometri di distanza.

Oumuamua ha cambiato le cose. Quando questo visitatore cosmico (gli scienziati non sono sicuri se l’oggetto lungo 700 piedi è una cometa o un asteroide) ha navigato attraverso il nostro sistema solare l’anno scorso, gli scienziati di Harvard hanno capito che oggetti di grandi dimensioni potrebbero essere in grado di seminare la vita negli anni luce di distanza – anche attraverso la galassia. Questo è possibile, suggeriscono, perché ci sono modi per accelerare il “bio-pacchetto” a velocità molto maggiori di qualsiasi zolla di terra, e farlo catturare gravitazionalmente da qualche altro sistema stellare dove gira intorno, alla fine si scontra con un pianeta e fornisce il suo pacchetto pieno di protoplasma.

Questo gioco di cattura funzionerebbe meglio per i sistemi a stella doppia. Circa la metà di tutte le stelle della Via Lattea hanno amici stellari, e i campi gravitazionali in questi sistemi sono in continua evoluzione. I sistemi lanciano occasionalmente asteroidi, comete e persino lune o pianeti nello spazio profondo ad alta velocità. I sistemi a stella doppia sono anche abili nell’afferrare oggetti di grandi dimensioni che stanno arrivando.

Dopo alcuni abili calcoli matematici, i ricercatori hanno concluso che potrebbero esserci orde di asteroidi espulsi, comete, lune e pianeti che navigano nella galassia. Potrebbero coprire le distanze interstellari in milioni di anni. Questa è una corsa lunga, ma alcuni batteri sono noti per rimanere dormienti e fattibili così a lungo.

Se questo scenario è giusto, il rapporto che hai ricevuto da Ancestry.com o 23andMe potrebbe essere incompleto. Invece di essere bosniaco o bengalese, la tua vera origine potrebbe risalire a un pianeta ancora sconosciuto. Significherebbe anche che la vita è onnipresente.

Ma non è ancora chiaro che la vita possa davvero fare un viaggio del genere. Rocco Mancinelli, uno scienziato ricercatore presso il Centro di ricerca Ames della NASA, è tra coloro che sono scettici sul fatto che qualsiasi batterio possa sopravvivere a un pellegrinaggio così panspermiano. “Se il viaggio durasse milioni di anni, quella vita sarebbe morta e non importa se si tratta della vita terrestre o della vita non terrestre”, ha detto. “Perché? Perché sarebbe distrutto dalla radiazione cosmica. E anche se potesse sopravvivere, la radiazione emessa dal minerale nella roccia stessa lo distruggerebbe. “

A parte tali obiezioni, l’idea della panspermia è perennemente popolare. Forse è perché vogliamo vedere le buone notizie della biologia diffondere il più possibile nella creazione. Poi di nuovo, forse è perché non siamo completamente soddisfatti dell’idea che i nostri lontani antenati fossero feccia di stagno di bassa qualità. È più gratificante pensare che abbiamo origini più esotiche. Se non siamo discesi dagli dei, almeno potremmo discendere dagli antenati su un pianeta molto, molto lontano.

Originariamente pubblicato su NBC.com