È morto il Nobel Riccardo Giacconi

Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Fisica/Physics, Geologia/Geology, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

11 dicembre 2018

È morto il Nobel Riccardo Giacconi
 (Franco Cavassi/AGF)

Aveva 87 anni, nel 2002 aveva ricevuto il premio Nobel per la fisica ed era considerato il padre dell’astronomia a raggi X. Dal 1993 al 1999 aveva diretto l’European Southern Observatory. In suo ricordo pubblichiamo un articolo scritto per “Le Scienze”di (red)

fisica astrofisica

Domenica 9 dicembre, all’età di 87 anni, è morto il fisico Riccardo Giacconi, nato a Genova. Premio Nobel nel 2002, Giacconi era considerato il padre dell’astronomia a raggi X. Dopo la laurea in fisica all’Università degli Studi di Milano, nel 1959 si trasferì negli Stati Uniti, in Massachusetts, per lavorare all’American Science and Engineering, società presso cui cominciò lo studio della radiazione X proveniente dal cosmo.

Nel 1962 ottenne un risultato di enorme importanza, la scoperta della prima sorgente X al di fuori del sistema solare; questa scoperta motivò la costruzione e il lancio di UHURU, all’inizio degli anni settanta, il primo osservatorio orbitante per raggi X. Trasferitosi nel 1973 all’l’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, Giacconi guidò la costruzione dell’osservatorio spaziale HEAO-2 (noto anche come Einstein). E in seguito partecipò alla progettazione del telescopio Chandra per raggi X, lanciato nel 1999 e ancora in funzione. Dal 1993 al 1999 fu direttore dell’European Southern Observatory.

Nel 1980 sul numero di aprile “Le Scienze” ha pubblicato l’articolo L’Osservatorio Einstein. Il pdf è disponibile gratuitamente a questo link.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...