La grazia di un Sombrero…

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Fisica/Physics, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

E’ una immagine decisamente pacificante quella che ci restituisceil sito Astronomical Picture of the Day, come prima immagine del nuovo anno, ed è anche una testimonianza viva dell’immensa varietà che caratterizza le galassie sparse per l’universo.

Quella che ammirate qui sotto è la Galassia Sombrero (anche chiamata Messier 104), che rappresenta una delle galassie più grandi nel vicino ammasso della Vergine. La parte intermedia della galassia rimarrebbe nascosta a motivo della grande quantità di gas e polveri, mentre brilla nelle bande infrarosse. Questa immagine, in particolare, è realizzata come composizione di dati infrarossi del Telescopio Spaziale Spitzer con dati ottici provenienti da Hubble (in falsi colori, per una migliore visibilità).

Crediti: R. Kennicutt (Steward Obs.) et al., SSCJPLCaltechNASA

In questo modo possiamo vedere sia la parte centrale e i bordi, sia penetrare attraverso la polvere delle zone intermedie per vedere come anch’esse – pur a frequenza diversa – risplendano davvero.

Le galassie sono forse tra gli oggetti celesti più felicemente segnati da una stupenda varietà di realizzazioni, e ci aiutano a comprendere la grandissima diversità che regna nel cosmo. Non c’è regola, nel cielo, non c’è standard, c’è una naturale apertura alla più alta differenziazione, sempre con pari dignità.

Dal punto di vista scientifico, l’osservazione accurata della morfologia delle diverse galassie, ci aiuta sempre di più ad entrare nei dettagli del meccanismo di nascita e formazione di queste strutture così complesse, che spesso ospitano stelle dei tipi più diversi, in termini di composizione chimica e di età. Vi sono catalogazioni che vengono usate da tempo, ma questo nemmeno può rendere ragione esaustivamente dell’estrema varietà di quello che possiamo vedere in cielo.

Varietà che si traduce esteticamente, in inesausta bellezza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...