Luccichio di stelle in Canis Major

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Neuroscienze/Neuroscience, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo del Sud (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life
Luccichio di stelle in Canis Major

È impossibile non notare la star in questa foto della settimana di ESO – orgogliosamente raggiante dal centro del massiccio sistema a stelle multiple Tau Canis Majoris, il membro più brillante dell’ammasso Tau Canis Majoris (NGC 2362), nell’omonima costellazione del Cane Maggiore. A parte Canis Majoris, l’ammasso è popolato da molte stelle giovani e meno alla ricerca di attenzione. Queste stelle hanno solo quattro o cinque milioni di anni, dunque hanno appena iniziato la loro vita cosmica.

L’ammasso di Tau Canis Majoris è un ammasso aperto – un gruppo di stelle nato dalla stessa nube molecolare. Ciò significa che tutti gli abitanti dell’ammasso condividono una composizione chimica comune e sono legati debolmente dalla gravità. Essendo nati insieme, essi formano un laboratorio stellare ideale per testare le teorie dell’evoluzione stellare, cioè la catena di eventi che porta dalla nascita di una stella in una nuvola di gas freddo e denso fino alla sua morte finale.

Anche se le stelle in questa immagine sono state tutte create nello stesso momento, le loro diverse masse significano che seguiranno vite molto diverse. Siccome Tau Canis Majoris è una delle stelle più massicce e di breve durata, brucerà il suo combustibile nucleare molto prima dei suoi compagni più piccoli, che continueranno a brillare per miliardi di anni.

Questa immagine è stata presa nell’ambito del programma Cosmic Gems dell’ESO, un’iniziativa di sensibilizzazione per produrre immagini di oggetti interessanti, intriganti o visivamente attraenti, usando i telescopi dell’ESO a fini educativi e divulgativi. Il programma utilizza il tempo del telescopio che non può essere utilizzato per le osservazioni scientifiche. Nel caso in cui i dati raccolti possano essere utili per futuri scopi scientifici, queste osservazioni sono salvate e rese disponibili agli astronomi attraverso l’archivio scientifico di ESO.

Crediti:ESO

Annunci

Fuochi d’artificio della natura

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Neuroscienze/Neuroscience, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio del Sud Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo del Sud (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life
Fuochi d'artificio della natura

Questa stupefacente immagine illustra chiaramente perché gli osservatori astronomici sono abitualmente costruiti in luoghi remoti e spesso inospitali. All’osservatorio La Silla dell’ESO, in Cile, il cielo è così limpido e non turbato da fonti artificiali di luce che sembra come se fosse in corso uno spettacolo pirotecnico di colori vivaci!

Questa fotografia, scattata dall’ambasciatore fotografo dell’ESO Petr Horálek, è stata proiettata digitalmente per mostrare il più possibile il cielo. Questo è il motivo per cui le strade che portano al telescopio New Technology Telescope(a sinistra) da 3,58 metri e al telescopio da 3,6 metri (a destra) appaiono distorte, e il fiume luminoso di luce che è la Via Lattea sembra curvare nel cielo, che si estende da orizzonte a orizzonte.

A parte i fuochi d’artificio cosmici, questa scena è piena di incredibili fenomeni. I “fuochi d’artificio” rosa sono in realtà grandi accumuli di gas incandescente noti come nebulose. A destra della Via Lattea si trovano le Nubi di Magellano, due galassie nane vicine. Ad alzarsi dall’orizzonte a sinistra dell’immagine è una pallida colonna di luce bianca. Questo è il bagliore della luce zodiacale, causato dalla luce solare che sparge particelle di polvere nel sistema solare. Al centro dell’immagine c’è un’altra regione luminosa, questa volta verde. Questo è un fenomeno atmosferico (chiamato airglow in inglese) che si verifica in alto nell’atmosfera terrestre, dove una varietà di processi crea luce colorata spettrale.Crediti:

P. Horálek/ESO

Perché l’universo è fatto di materia e non di antimateria? — OggiScienza

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Neuroscienze/Neuroscience, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio del Sud Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo del Sud (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life

Quasi 14 miliardi di anni fa, subito dopo il Big Bang, materia e antimateria formavano l’universo primordiale. Oggi invece la materia è prevalsa sull’antimateria e costituisce il cosmo così come lo conosciamo. Gli scienziati però continuano a chiedersi quali siano i processi che hanno portato a una tale asimmetria. Una domanda a cui i fisici…

Perché l’universo è fatto di materia e non di antimateria? — OggiScienza

50 anni fa dalla Terra alla Luna

Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Neuroscienze/Neuroscience, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio del Sud Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo del Sud (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life


euronews (in Italiano)



Pubblicato il 25 mar 2019

Una mostra a Pisa celebra i 50 anni della conquista dello spazio a partire dal primo passo sulla Luna…
ALTRE INFORMAZIONI : https://it.euronews.com/2019/03/25/50…

euronews: il canale di informazione più seguito in Europa.
Abbonati ! http://www.youtube.com/subscription_c…

euronews è disponibile in 13 lingue: https://www.youtube.com/user/euronews…

In italiano:
Sito web: http://it.euronews.com/
Facebook: https://www.facebook.com/euronews
Twitter: http://twitter.com/euronewsit

Categoria
Notizie e politica

Vola attraverso il GAMA Galaxy Survey (Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories)

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Neuroscienze/Neuroscience, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio del Sud Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo del Sud (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

Il catalogo Galaxy and Mass Assembly è una mappa dettagliata dell’Universo che mostra dove le galassie sono in 3D.

Questo fly-through simulato mostra le posizioni reali e le immagini delle galassie che sono state mappate finora. 
Le distanze sono in scala, ma le immagini della galassia sono state ingrandite per il piacere della visione.

Credito: prodotto da Will Parr, dal dott. Mark Swinbank e dal dott. Peder Norberg (Università di Durham) utilizzando i dati delle indagini SDSS e GAMA. 
Questo lavoro è stato sostenuto da Ogden Trust, STFC e Royal Society.

Musica composta e creata da Holly Broadbent.

ICRAR

Astroquest tutorial (Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories)

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Neuroscienze/Neuroscience, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio del Sud Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo del Sud (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

Be an AstroQuester and do real astronomy!
Join in and help out at astroquest.net.au

ICRAR

(Osservatori Astronomici Australiani)

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Neuroscienze/Neuroscience, Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio del Sud Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life
(Osservatori Astronomici Australiani)

Galaxy Explorer Wrap-Up

Uno sguardo sui risultati del nostro precedente progetto di scienza cittadina – Galaxy Explorer

Il sondaggio Galaxy and Mass Assembly (GAMA) è un grande progetto che combina spettri profondi e immagini da UV a infrarosso per galassie oltre 294 gradi quadrati di cielo.

Gli spettri ci hanno detto quanto siano lontane queste galassie, rendendo possibile per noi creare una mappa 3D di circa 300.000 galassie nell’universo locale: ecco un’animazione interessante che mostra questo:

Vola attraverso il catalogo GAMA Galaxy da ICRAR su Vimeo .

L’UV attraverso le immagini a infrarossi ci aiuta a capire come si sono formate queste galassie e come si stanno comportando, ma per fare ciò abbiamo avuto bisogno di un modo per misurare con precisione la quantità di luce proveniente da ogni galassia.

Sfortunatamente, misurare la luce delle galassie in modo completamente automatico è difficile per i computer, poiché spesso possono confondersi con fonti luminose vicine (come le stelle). Nel team GAMA abbiamo “fissato a mano” alcune migliaia di aperture che definiscono le regioni in cui le galassie sono visibili sulle immagini. Tuttavia, con circa 300.000 galassie, l’intero campione GAMA è troppo grande per una piccola squadra composta da poche dozzine di scienziati.

Per aiutare a risolvere questo problema abbiamo creato l’iniziativa “citizen science” di Galaxy Explorer. In collaborazione con l’ABC, abbiamo chiesto ai membri del pubblico di aiutarci a misurare la quantità di luce proveniente da ogni galassia, regolando le aperture ellittiche che definiscono l’estensione della luce visibile in ogni immagine.

La risposta è stata sorprendente con decine di migliaia di membri del pubblico che hanno fissato centinaia di migliaia di aperture galattiche, e ogni galassia è stata vista circa dieci volte da persone diverse.

Armati di queste stime migliorate della reale portata della luce, il team GAMA è ora in grado di calcolare le proprietà della galassia con maggiore accuratezza, ad esempio migliori tassi di formazione stellare (quante nuove stelle si formano ogni anno) e masse stellari (quanto è massiccia la la galassia è).

Ad esempio, l’immagine sopra mostra la vecchia apertura (verde) e l’apertura fissa presa da Galaxy Explorer (giallo). La vecchia misurazione della luce era troppo grande poiché l’apertura si era avvolta attorno alla stella luminosa nella parte superiore dell’immagine. La nuova apertura si adatta perfettamente alla reale estensione della galassia al centro dell’immagine e contiene molte volte meno luce.

Le nuove aperture sono utilizzate per migliorare le nostre misure di luce a più lunghezze d’onda. La luce combinata a più lunghezze d’onda per una singola sorgente è nota come distribuzione spettrale dell’energia (SED). Di seguito è riportato un esempio di SED vecchio rispetto a nuovo, entrambi elaborati con LAMBDAR. Le aperture fisse Galaxy Explorer producono un SED molto più fluido, che è quello che ci aspetteremmo per una galassia ben elaborata.

Ogni anno vengono pubblicati una dozzina di documenti di ricerca utilizzando il sondaggio GAMA e le misurazioni della luce migliorate vengono utilizzate regolarmente dagli scienziati di tutto il mondo per migliorare la qualità del loro lavoro. Tutto questo grazie al nostro team di cittadini scienziati che hanno utilizzato Galaxy Explorer per correggere le aperture del computer.

Grazie squadra!

Completa ricerche per aiutare gli scienziati australiani a capire come le galassie crescono e si evolvono. (Osservatori Astronomici Australiani)

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Neuroscienze/Neuroscience, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio del Sud Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo del Sud (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

Accesso

AstroQuest

Completa ricerche per aiutare gli scienziati australiani a capire come le galassie crescono e si evolvono.

  • 1505 galassie ispezionate
  • 539 Astro Questers
Come posso essere coinvolto?

Come posso essere coinvolto?

Perché gli astronomi vogliono che ispezioniamo le galassie?

Perché gli astronomi vogliono che ispezioniamo le galassie?

Diventa un Astro Quester e fai vera astronomia!

Gli astronomi hanno guardato in profondità nell’universo e hanno esaminato milioni di galassie. Ma per aiutare a trovare scoperte in queste indagini, dobbiamo identificare attentamente il confine di ogni galassia. I computer sono piuttosto bravi in ​​questo, ma non sempre lo fanno bene. Ecco dove entri! Abbiamo bisogno del tuo aiuto per ispezionare ogni galassia e assicurarci di avere il risultato giusto.

L’astronomo AstroQuest, Luke Davies, spiega la scienza alla base del progetto

(Osservatori Astronomici Australiani)
Coinvolgi la tua scuola

Coinvolgi la tua scuola

Guida di AstroQuest

Guida di AstroQuest

Come si evolvono e crescono le galassie?

Come si evolvono e crescono le galassie?

Come è stato progettato AstroQuest?

Come è stato progettato AstroQuest?

Galaxy Explorer Wrap-Up

AstroQuest fa seguito a Galaxy Explorer, sviluppato da ABC Science con il supporto di ICRAR. Leggi la scienza a cui hanno contribuito i nostri ultimi scienziati cittadini.

Questa iniziativa di Inspiring Australia è supportata dal governo australiano

AstroQuest, sfida ai confini della galassia

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Neuroscienze/Neuroscience, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio del Sud Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo del Sud (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

MEDIAINAF TV

Pubblicato il 22 mar 2019

Per provarlo: https://astroquest.net.au/

Se è vero che robot e computer prendono sempre più spesso il posto di noi umani – al lavoro, in casa, alla guida dell’auto – ogni tanto accade anche il contrario. È il caso di AstroQuest, l’ultimo progetto di citizen science dell’istituto di radioastronomia australiano Icrar. Progetto che fa appello alle capacità del nostro cervello umano per rimediare agli errori compiuti dai computer degli astronomi. Quali errori è presto detto: ogni tanto gli algoritmi, per quanto sofisticati, sbagliano a tracciare correttamente i bordi delle galassie. Compito che il nostro cervello è invece spesso in grado di compiere con grande facilità, anche se non sappiamo niente di astronomia. È sufficiente avere qualche minuto di tempo, per aiutarli. Come? Giocando. Sì, perché è tutto progettato come un gioco. Si va sul sito AstroQuest, ci si registra, si segue un breve tutorial, e si è pronti per partire. Ci viene proposta una galassia e il contorno tracciato dal computer. Variando manualmente opacità e canali cercheremo di capire se il computer ha fatto un buon lavoro o meno. In quest’ultimo caso, ci armeremo di gomma e matita per rimediare. E invieremo infine il lavoro corretto al programma, che ci ringrazierà mostrandoci qualche informazione sulla galassia alla cui conoscenza abbiamo appena dato il nostro contributo. Poi via con la successiva.

Servizio di Marco Malaspina

MediaInaf Tv è il canale YouTube di Media Inaf (http://www.media.inaf.it/)

Categoria
Scienze e tecnologie

Gaia, la mappa 3D della Via Lattea che ha cambiato l’astronomia — OggiScienza

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Città del Vaticano/Vatican City, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Matematica/Mathematics, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

SPAZIO – Osservare la Via Lattea con un dettaglio mai raggiunto prima e realizzare un catalogo con libero accesso a tutta la comunità scientifica. Questo l’obiettivo pienamente raggiunto nel 2018 dalla missione Gaia dell’Agenzia spaziale europea (ESA). Un risultato che ha portato alla creazione di una mappa tridimensionale formata da circa 1.7 miliardi di stelle […]

Gaia, la mappa 3D della Via Lattea che ha cambiato l’astronomia — OggiScienza