Marco Bersanelli – L’universo visto da Planck: verso l’alba del tempo

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio del Sud Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio di Antenne Radio di un Chilometro Quadrato/Square Kilometre Array Observatory (SKAO), Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo del Sud (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope (EHT), Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

Festa Scienza Filosofia

Pubblicato il 23 apr 2015

Festa di Scienza e Filosofia, quarta edizione. Foligno, Monastero di Sant’Anna – Sala Beata Angelina, 11 aprile 2014

Categoria
Persone e blog
Annunci

Marco Bersanelli svela i misteri dell’universo e si racconta a Soul

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio del Sud Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio di Antenne Radio di un Chilometro Quadrato/Square Kilometre Array Observatory (SKAO), Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo del Sud (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope (EHT), Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life


Tv2000it


Pubblicato il 13 giu 2015

#Soul incontra un astronomo, astrofisico, docente universitario, Marco Bersanelli.
Mentre ci esaltiamo per il ritorno dal lungo viaggio spaziale di AstroSamantha, e impariamo a guardare con familiarità alle stelle, Bersanelli spalanca la meraviglia della ricerca scientifica che arriva a esplorare l’origine dell’universo, là, nel grumo di materia incandescente dell’inizio del tempo, la cui luce arriva ed è rilevabile fino a noi.
E’ così ovvio che la nostra ragione riesca a leggere la realtà? Si possono raggiungere certezze nella scienza?
I perché sono tutti spiegabili?
Bersanelli, abituato alle più esclusive platee internazionali di astrofisica, come a quelle di giovani, nelle scuole e in università, sa spiegare con semplicità e senza banalizzazioni l’immutato stupore davanti all’ordine dell’universo, le sfide e i pericoli, ma soprattutto il fascino del mistero che si svela, e rimanda a un più grande Mistero.
Non c’è contraddizione possibile tra scienza e fede: ci sono domande.
E l’esperienza cristiana non censura nulla dell’uomo, nulla gli vieta, se volto al bene di sé e degli altri uomini.

Categoria
Intrattenimento

Alla ricerca delle stelle perdute del Centauro: intervista a Michele Bellazzini

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio del Sud Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio di Antenne Radio di un Chilometro Quadrato/Square Kilometre Array Observatory (SKAO), Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo del Sud (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope (EHT), Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

MEDIAINAF TV

Pubblicato il 22 apr 2019

[English, French, and Italian subs available when captions are enabled]

Il nome ce l’ha da tre secoli e mezzo: Omega del Centauro. Glielo aveva dato nel 1677 niente meno che Edmond Halley, quello della cometa. Ma pensava che si trattasse di una stella. E invece, andando ad ingrandire, si scopre che di stelle, lì, ce ne sono a milioni. Se ne accorge per primo, nel 1830, John Herschel, che lo classifica dunque come un ammasso globulare: il più massiccio di tutta la Via Lattea.

Ma la natura di questo oggetto si rivelerà ancora più sfuggente, ancora differente: né stella né propriamente ammasso, è in realtà un’antica galassia nana. Questo già si sapeva, però c’era un problema: alcune stelle mancavano all’appello. Stelle che avrebbero dovuto disperdersi nel processo di fusione della galassia nana con la Via Lattea, ma delle quali non si trovava traccia. Solo oggi, grazie al satellite Gaia dell’Agenzia spaziale europea, un team di astronomi guidato da Rodrigo Ibata dell’Università di Strasburgo, e del quale fa parte Michele Bellazzini dell’Inaf di Bologna, è riuscito a trovarle.

Servizio di Marco Malaspina

Per saperne di più: https://www.media.inaf.it/2019/04/23/…


MediaInaf Tv è il canale YouTube di Media Inaf (http://www.media.inaf.it/)

Categoria
Scienze e tecnologie

Cosa vediamo quando guardiamo un buco nero?

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio del Sud Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio di Antenne Radio di un Chilometro Quadrato/Square Kilometre Array Observatory (SKAO), Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo del Sud (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope (EHT), Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

MEDIAINAF TV

Pubblicato il 11 apr 2019

Intervista a Luciano Rezzolla dell’Università Goethe di Francoforte, responsabile del progetto scientifico Blackholecam, che ha presentato il 10 aprile 2019 la prima immagine mai ottenuta della materia luminosa attorno a un buco nero.

Servizio di Maura Sandri e Giuseppe Fiasconaro, montaggio di Stefano Parisini, Media Inaf

Per saperne di più: https://www.media.inaf.it/2019/04/11/…

MediaInaf Tv è il canale YouTube di Media Inaf (http://www.media.inaf.it/)

Categoria
Scienze e tecnologie




Costante di Hubble, la forbice si allarga. E la tensione aumenta

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio del Sud Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio di Antenne Radio di un Chilometro Quadrato/Square Kilometre Array Observatory (SKAO), Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo del Sud (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope (EHT), Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

MEDIAINAF TV

Pubblicato il 26 apr 2019

Per misurare la costante di Hubble – ovvero quanto aumenta la velocità di allontanamento fra regioni separate dell’universo con l’aumentare della loro distanza reciproca – occorre misurare, appunto, una velocità e una distanza.

Ora, per la velocità gli astrofisici hanno escogitato un metodo semplice ed efficientissimo: la ricavano attraverso misure spettroscopiche dal redshift – ovvero dallo spostamento verso il rosso – di determinate righe spettrali relative a elementi presenti nelle galassie osservate. È un po’ come valutare la velocità di un’ambulanza che si allontana misurando di quanto la frequenza della sirena è inferiore rispetto a quella di un’ambulanza ferma. Più le onde sonore risultano allungate, a causa dell’effetto Doppler, e più l’ambulanza s’allontana veloce da noi.

Più complicata è invece la misura precisa della distanza delle galassie remote. In questo caso, occorrono tre passaggi. Tre gradini lungo quella che gli astrofisici chiamano la scala della distanza cosmica. Tre gradini basati su tre metodi utili a misurare una distanza: il calcolo della parallasse, ottimo per distanze brevi; l’osservazione delle stelle cefeidi, più adatto a distanze medie; e infine l’osservazione delle supernove, utilizzabile anche su lunghe distanze.

Come si procede lungo la scala è presto detto. Con la parallasse si calcola la distanza d’un ampio campione di stelle cefeidi, e poiché queste hanno la caratteristica di pulsare con una frequenza strettamente correlata alla loro luminosità, è possibile ricavare una relazione precisa fra il loro aspetto da una parte e la loro distanza dall’altra. E spingersi così a misurare distanze anche oltre, dove il metodo della parallasse risulterebbe inutilizzabile.

Ma ancora non basta, occorre salire un altro gradino. E qui viene in aiuto una particolare classe di supernove, quelle di tipo Ia, che hanno la caratteristica di produrre, all’esplosione, una quantità di luce sempre costante. Ecco allora che è sufficiente trovare galassie non troppo lontane che ospitino un buon numero di cefeidi, delle quali già sappiamo come misurare la distanza, e vedere quanto appaiano luminose le supernove di quelle stesse galassie per stabilire una seconda relazione, questa volta fra la luminosità apparente di una supernova di tipo Ia e la sua distanza da noi. Ovviamente, salendo quest’ulteriore gradino, l’incertezza della misura aumenta, ma in compenso possiamo spingerci a distanze molto maggiori, perché la luce emessa delle supernove è enormemente più intensa di quella delle cefeidi.

È così che, osservando la luminosità apparente delle loro supernove, gli astrofisici possono ricavare la distanza delle galassie che le ospitano, anche di quelle assai remote. E mettendo questa distanza in relazione con la loro velocità di allontanamento possono ricavare la costante di Hubble.

L’ultimo valore ottenuto attraverso questo metodo da Adam Riess e colleghi, usando il telescopio spaziale Hubble, è 74.03, con un’incertezza dell’1.91 per cento. Un valore così grande, e un errore così ridotto, da porre un serio problema: è infatti incompatibile con il valore della costante di Hubble ottenuto con un altro metodo, quello impiegato dal telescopio spaziale Planck avvalendosi della misura delle anisotropie del fondo cosmico a microonde, che restituisce il numero 67.4.

Ora si tratta di capire per quale motivo la costante di Hubble sembri avere due valori così diversi.

Servizio di Marco Malaspina


MediaInaf Tv è il canale YouTube di Media Inaf (http://www.media.inaf.it/)

Categoria
Scienze e tecnologie

Tess ha individuato un pianeta delle dimensioni della Terra | Reccom Magazine

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio del Sud Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio di Antenne Radio di un Chilometro Quadrato/Square Kilometre Array Observatory (SKAO), Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo del Sud (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope (EHT), Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

Secondo i tecnici, TESS dovrebbe individuare circa 300 esopianeti di dimensioni pari a quelle della Terra o un po’ più grandi durante la sua missione che durerà due anni

Origen: Tess ha individuato un pianeta delle dimensioni della Terra | Reccom Magazine

L’universo si sta espandendo così velocemente che potremmo aver bisogno di una nuova fisica per spiegarlo | Reccom Magazine

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio del Sud Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio di Antenne Radio di un Chilometro Quadrato/Square Kilometre Array Observatory (SKAO), Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo del Sud (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope (EHT), Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

Torna alla ribalta il problema dei due diversi valori attribuiti alla costante di Hubble che ci dicono che l’universo si sta espandendo più velocemente di quanto dovrebbe

Origen: L’universo si sta espandendo così velocemente che potremmo aver bisogno di una nuova fisica per spiegarlo | Reccom Magazine

Le stelle nane di tipo M potrebbero impedire la nascita della vita sui loro pianeti | Reccom Magazine

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio del Sud Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio di Antenne Radio di un Chilometro Quadrato/Square Kilometre Array Observatory (SKAO), Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo del Sud (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope (EHT), Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

Un recente studio sembra dimostrare che le stelle nane rosse di classe M, quelle su cui stiamo concentrandoci nella ricerca della vita, potrebbero distruggere sul nascere l’atmosfera dei loro pianeti, rendendoli definitivamente inadatti alla nascita della vita

Origen: Le stelle nane di tipo M potrebbero impedire la nascita della vita sui loro pianeti | Reccom Magazine

Prima foto di un buco nero : Cosa ci ha insegnato ?

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio del Sud Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio di Antenne Radio di un Chilometro Quadrato/Square Kilometre Array Observatory (SKAO), Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo del Sud (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope (EHT), Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

link4universe


Pubblicato il 23 apr 2019

SUPPORTA IL CANALE: https://www.patreon.com/link4universe _______________________________________________________________
PER APPROFONDIMENTI SULLA PUNTATA
https://eventhorizontelescope.org
Cosa sono gli ammassi stellari?
https://youtu.be/OrXjX4c5oQ0
Come nasce un buco nero?
https://youtu.be/EX11qpy5vGU
Di cosa sono fatti i buchi neri ?
https://youtu.be/40ZYvde3UeE
Top 10 buchi neri più massicci dell’universo
https://youtu.be/iLh-qnfuh6M
_______________________________________________________________
EHI! ho scritto un nuovo libro sull’esplorazione del sistema solare, ed in particolare da Giove ad Ultima Thule, si chiama
“SU NETTUNO PIOVONO DIAMANTI”
https://amzn.to/2EWKC1J
mentre il primo libro si intitola
“A PIEDI NUDI SU MARTE”
https://amzn.to/2FLKa57
_______________________________________________________________
DOVE TROVARMI:
PATREON:
https://www.patreon.com/link4universe
INSTAGRAM
profilo canale:
https://www.instagram.com/link4universe
profilo personale:
https://www.instagram.com/adrianfartade
FACEBOOK
pagina:
https://www.facebook.com/link2universe
profilo personale:
https://www.facebook.com/adrian.linku
TWITTER
https://www.twitter.com/link4universe
TUMBLR
https://link4universe.tumblr.com
TELEGRAM
https://www.telegram.me/link4universe
@adrianfartade MAIL info.link4universe@gmail.com

Categoria
Istruzione

Le informazioni ricavate dai FlyBY di New Horizon rivelano che mancano molti oggetti nella Fascia di Kuiper | Reccom Magazine

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio del Sud Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio di Antenne Radio di un Chilometro Quadrato/Square Kilometre Array Observatory (SKAO), Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo del Sud (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope (EHT), Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

I risultati degli studi effettuati su Plutone, Caronte e Ultima Thule hanno detto agli scienziati che nella fascia di Kuiper c’è una sconcertante carenza di oggetti di piccole dimensioni

Origen: Le informazioni ricavate dai FlyBY di New Horizon rivelano che mancano molti oggetti nella Fascia di Kuiper | Reccom Magazine