Beresheet si è schiantata sulla Luna

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Custodia di Terra Santa/Custody of the Holy Land, Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio del Sud Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio di Antenne Radio di un Chilometro Quadrato/Square Kilometre Array Observatory (SKAO), Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo del Sud (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope (EHT), Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Terra Santa/Holy Land, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

UN PROBLEMA AL MOTORE PRINCIPALE

Era un grande sogno – forse troppo grande, per il budget a disposizione – quello della compagnia israeliana SpaceIL: un atterraggio morbido sul nostro satellite. Un sogno che si è infranto poco prima di mezzanotte a una dozzina di km dal suolo, quando il lander ha iniziato ad andare fuori controllo di Marco Malaspina   venerdì 12 Aprile 2019 @ 00:52

Fotogramma tratto dalla diretta streaming. Crediti: SpaceIL

Allacciatevi le cinture, stiamo per atterrare sulla Luna. Con questo titolo aveva avuto inizio la diretta su YouTube della fase finale di approdo della navicella spaziale israeliana Beresheet sulla Luna. Ma le cinture non sono bastate: dopo quasi due mesi di navigazione, proprio durante gli ultimissimi minuti della fase di discesa, a pochi km dalla superficie del nostro satellite naturale – come una rete subita al novantesimo – qualcosa è andato storto.

“Pare che ci sia un problema al motore principale”, si sente dire dal commentatore al minuto 36:24della diretta YouTube. Il problema, stando agli indicatori, è che il motore non va. I responsabili della missione decidono a questo punto di tentare una manovra disperata: un reset completo di Beresheet per riavviare il motore. Per un istante il miracolo sembra avverarsi: le spie si accendono, scatta l’applauso. Ma dura meno di un secondo: subito le luci tornano grigie. “No, no”, si sente, mentre l’applauso ancora deve smorzarsi.

Fotogramma tratto dalla diretta streaming. Crediti: SpaceIL

La persistenza del problema la si intuisce osservando la brusca impennata nella velocità verticale di discesa del modulo, passata dai 25 metri al secondo prima che si interrompesse la telemetria – quando la sonda era ancora a 13 km di distanza dal suolo – ai 60, poi 70 e infine oltre i 100 metri al secondo. La telemetria si interrompe definitivamente quando la navicella è a 149 metri dal suolo.

È la fine del sogno di Israele di posarsi sulla Luna. Per ora. Un grande sogno per un piccolo paese che ambiva a diventare il quarto – dopo l’ex Unione sovietica, gli Usa e la Cina – a posare un proprio lander sulla Luna. Soprattutto, un grande sogno per un minuscolo budget: la cifra investita nell’impresa – 100 milioni di dollari di costo complessivo, versati quasi interamente da privati – era forse troppo ridotta rispetto all’ambizioso obiettivo. Ma essere arrivati così vicini alla meta significa che non è un sogno impossibile: superata la delusione iniziale, Israele potrà riprovarci. Comunque è entrato a far parte del ridotto club di paesi che sono riusciti a entrare in orbita lunare. E insieme al dispiacere, insieme alle congratulazioni – a partire da quelle del capo della Nasa Jim Bridenstine – per esserci arrivati a un soffio, è già giunto anche un primo segnale concreto di incoraggiamento a riprovarci: il presidente della X Prize Foundation, Peter Diamandis, ha infatti annunciato con un tweet che SpaceIL riceverà in ogni caso il milione di dollari del Moonshot Award per continuare a lavorare su Beresheet 2.0.

Don’t stop believing! We came close but unfortunately didn’t succeed with the landing process. More updates to follow.#SpaceIL #Beresheet pic.twitter.com/QnLAwEdKRv

— Israel To The Moon (@TeamSpaceIL) April 11, 2019

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...