La Befana vien di notte

Racconti di Fantasia/Tales of Fantasy

di Marco Casolino

Il Collega aveva a disposizione una tecnologia molto più avanzata, ma lei era vincolata a mezzi di propulsione convenzionale. Nonostante i continui malfunzionamenti era sempre riuscita a coprire il suo territorio, più piccolo di quello Collega, ma quest’anno era stato più difficile del solito. Aveva dovuto rammendare ogni toppa del vestito, sigillare scarpe e copricapo, modificare il rapporto combustibile/comburente del Mezzo, ma alla fine era riuscita a raggiungere l’orbita bassa. Entrare nella Stazione Spaziale era stato un gioco da ragazzi, porte e portelloni non l’avevano mai ostacolata. La stazione appariva abbandonata, dato che l’equipaggio era nel periodo di sonno. Raggiunse senza ostacoli la sezione russa e trovò senza problemi il suo obiettivo. Era uno stivale della tuta spaziale, che riempì di doni proprio come una calza terrestre. “Buona Befana, Comandante”, mormorò prima di lasciare la stazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...