Tante stelle nella Grande Nube di Magellano

Ammassi di Galassie/Clusters of Galaxies, Ammassi Globulari/Globular Clusters, Ammassi Stellari Aperti/Open Star Clusters, Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso di Galassie/Cluster of Galaxies, Ammasso Globulare/Globular Cluster, Ammasso Stellare Aperto/Open Star Cluster, Ammasso Stellare/Star Cluster, Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Bracci a Spirale Galattici/Galactic Spiral Arms, Braccio a Spirale Galattico/Galactic Spiral Arm, Buchi neri/Black holes, Buco Nero/Black Hole, Cosmologia/ Cosmology, Energia oscura/Dark energy, Fisica/Physics, Galassia Nana/Dwarf Galaxy, Galassia/Galaxy, Galassie Nane/Dwarf Galaxies, Galassie/Galaxies, Materia oscura/Dark matter, Multiversi/Multiverses, Multiverso/Multiverse, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Stella di Neutroni/Star of Neutrons, Stella/Star, Stelle di Neutroni/Neutron Stars, Stelle/Stars, Superammassi di Galassie/Superclusters of Galaxies, Superammasso di Galassie/Super-cluster of Galaxies, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale Hubble/Hubble Space Telescope, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Universi Paralleli/Parallel Universes, Universo Parallelo/Parallel Universe
MEDIAINAF TV
Le Nubi di Magellano sono due piccole galassie irregolari, che orbitano attorno alla nostra Via Lattea come satelliti. Sono visibili ad occhio nudo nel cielo notturno dell’emisfero sud, e prendono il loro nome dal navigatore portoghese Ferdinando Magellano, la cui spedizione 500 anni fa circumnavigò il globo per la prima volta. Qui vediamo la maggiore delle due, la Grande Nube, fotografata con un livello di dettaglio senza precedenti dal telescopio europeo Vista, collocato all’osservatorio Eso del Paranal, sulle Ande cilene. Questa piccola galassia, distante 163000 anni luce, possiede una vigorosa attività di formazione stellare ed è considerata un laboratorio ideale per studiare i processi che formano e trasformano le galassie. Grazie alle osservazioni del telescopio Vista, gli astronomi hanno potuto analizzare in dettaglio circa 10 milioni di stelle nella Grande Nube di Magellano, determinandone l’età e scoprendo inaspettatamente che le stelle più giovani tracciano in questa galassia bracci a spirale multipli. L’avere un dettaglio di così tante stelle è stata possibile grazie al fatto che Vista osserva il cielo a lunghezze d’onda nel vicino infrarosso e questo permette al telescopio di vedere attraverso le nuvole di polvere cosmica che oscurano parti della galassia. Tali nuvole bloccano infatti una grande porzione di luce visibile ma sono trasparenti alle lunghezze d’onda maggiori a cui sono sensibili i rilevatori di Vista. Ed ecco che, quasi per magia, divengono chiaramente distinguibili, rispetto a un’immagine ripresa nell’ottico, molte più stelle singole che popolano il centro della galassia.

Servizio di Stefano Parisini, Media Inaf

Crediti video: Eso/Vmc Survey

Musica: Velasquez, Roberto Vecchioni

MediaInaf Tv è il canale YouTube di Media Inaf (http://www.media.inaf.it/)

Categoria
Scienze e tecnologie
Annunci

Bubble Hubble

Ammassi di Galassie/Clusters of Galaxies, Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso di Galassie/Cluster of Galaxies, Ammasso Stellare/Star Cluster, Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Buchi neri/Black holes, Buco Nero/Black Hole, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Cosmologia/ Cosmology, Energia oscura/Dark energy, Fisica/Physics, Galassia/Galaxy, Galassie/Galaxies, Geologia/Geology, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Materia oscura/Dark matter, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Stella/Star, Stelle/Stars, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Superammassi di Galassie/Superclusters of Galaxies, Superammasso di Galassie/Super-cluster of Galaxies, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale Hubble/Hubble Space Telescope, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Universi Paralleli/Parallel Universes, Universo Parallelo/Parallel Universe, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

FOTORITRATTO PER NGC 2022

Il telescopio spaziale Hubble cattura una nebulosa planetaria nella costellazione di Orione. Una bolla di gas luminescente che custodisce al suo interno una stella nella fase di gigante rossa, sorgente della luce ultravioletta che illumina questo scatto

di Davide Coero Borga Segui @@dcoeroborga

lunedì 19 Agosto 2019 @ 11:23

Crediti: Esa / Hubble / Nasa, R. Wade

Un’efira al microscopio, una giovane medusa che si contrae ritmicamente nel liquido di un campione da laboratorio. Che dite? Potrebbe sembrare, almeno a prima vista. O, perché no, una bolla colorata! Come quelle sputate dal simpatico draghetto del videogioco arcade Bubble Bobble.

E invece quello che potete osservare in questa bella immagine raccolta dal telescopio spaziale Hubble nella costellazione di Orione è Ngc 2022, una gigantesca bolla di gas “soffiata” nello spazio da una stella che invecchia; una stella ben visibile al centro dello scatto mentre riluce attraverso la coltre di gas che per gran parte della vita ne ha costituito il corpo.

Sic transit gloria mundi. Quando una stella di massa paragonabile a quella del nostro Sole invecchia, si espande e si spoglia degli strati esterni di materiale che l’hanno composta, trasformandosi in quella che gli astronomi chiamano gigante rossa. Più della metà della massa di una stella può essere liberata in questo modo, dando forma a un guscio di gas attorno ad essa. Una bolla resa luminescente dall’emissione ultravioletta proveniente da Ngc 2022, il cui nucleo si restringe e diventa più caldo.

Questo tipo di oggetti viene chiamato, in modo un po’ confuso, nebulosa planetaria. Sebbene, come è evidente, non abbiano nulla a che fare con pianeti e sistemi planetari. Colpa dell’astronomo William Herschel, al quale l’aspetto arrotondato – simile a un pianeta – di questi oggetti nei primi telescopi sembrò quello di un sistema planetario in fase di formazione. Gli astronomi mantennero il nome dato da Herschel nel 1780 senza modificarlo. Si tratta comunque di un fenomeno relativamente breve se paragonato alla vita complessiva di una stella: poche decine di migliaia di anni.

MARATONA UNIVERSI PARALLELI (9 video)

Ammassi di Galassie/Clusters of Galaxies, Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso di Galassie/Cluster of Galaxies, Ammasso Stellare/Star Cluster, Astrofisica/Astrophysics, Astronautica/Astronautics, Astronomia/Astronomy, Buchi neri/Black holes, Buco Nero/Black Hole, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Cosmologia/ Cosmology, Energia oscura/Dark energy, Fisica/Physics, Galassia/Galaxy, Galassie/Galaxies, Geologia/Geology, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Materia oscura/Dark matter, Multiversi/Multiverses, Multiverso/Multiverse, Neuroscienze/Neuroscience, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Stella/Star, Stelle/Stars, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Superammassi di Galassie/Superclusters of Galaxies, Superammasso di Galassie/Super-cluster of Galaxies, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale Hubble/Hubble Space Telescope, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Universi Paralleli/Parallel Universes, Universo Parallelo/Parallel Universe, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

[OBY] Divulgazione Scientifica
Trasmesso in anteprima il giorno 17 ago 2019

GRUPPO OBY – DIVULGAZIONE SCIENTIFICA https://www.facebook.com/groups/12747…

PLAYLIST UNIVERSI PARALLELI
https://www.youtube.com/playlist?list…

Categoria
Scienze e tecnologie



Creature galattiche in gioco

Ammassi di Galassie/Clusters of Galaxies, Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso di Galassie/Cluster of Galaxies, Ammasso Stellare/Star Cluster, Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Buchi neri/Black holes, Buco Nero/Black Hole, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Cosmologia/ Cosmology, Energia oscura/Dark energy, Fisica/Physics, Galassia/Galaxy, Galassie/Galaxies, Geologia/Geology, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Materia oscura/Dark matter, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Stella/Star, Stelle/Stars, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Superammassi di Galassie/Superclusters of Galaxies, Superammasso di Galassie/Super-cluster of Galaxies, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale Hubble/Hubble Space Telescope, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

Creature galattiche in gioco

09-08-2019 10:53 AM CEST

europeanspaceagency ha  pubblicato una foto:

Creature galattiche in gioco

La coppia di strane creature luminescenti in gioco in questa immagine sono in realtà galassie – regni di milioni e milioni di stelle. 

Questo duo galattico è noto come UGC 2369. Le galassie stanno interagendo, il che significa che la loro reciproca attrazione gravitazionale li sta avvicinando sempre di più e distorcendo le loro forme nel processo.Un tenue ponte di gas, polvere e stelle può essere visto collegando le due galassie, durante le quali hanno estratto materiale nello spazio attraverso il divario in diminuzione tra di loro. 

L’interazione con gli altri è un evento comune nella storia della maggior parte delle galassie. Per le galassie più grandi come la Via Lattea, la maggior parte di queste interazioni coinvolge le cosiddette galassie nane significativamente più piccole. Ma ogni pochi eoni, può verificarsi un evento più importante. Per la nostra galassia, il prossimo grande evento avrà luogo tra circa quattro miliardi di anni, quando si scontrerà con il suo vicino più grande, la Galassia di Andromeda.Nel tempo, le due galassie probabilmente si fonderanno in una sola, già soprannominata Milkomeda. 

Crediti:  ESA / Hubble & NASA, A. Evans; CC BY 4.0

TEST DI DISPIEGAMENTO DELLO SPECCHIO SECONDARIO DI WEBB

Ammassi di Galassie/Clusters of Galaxies, Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso di Galassie/Cluster of Galaxies, Ammasso Stellare/Star Cluster, Astrofisica/Astrophysics, Astronautica/Astronautics, Astronomia/Astronomy, Buchi neri/Black holes, Buco Nero/Black Hole, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Cosmologia/ Cosmology, Energia oscura/Dark energy, Fisica/Physics, Galassia/Galaxy, Galassie/Galaxies, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Materia oscura/Dark matter, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Stella/Star, Stelle/Stars, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Superammassi di Galassie/Superclusters of Galaxies, Superammasso di Galassie/Super-cluster of Galaxies, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale Hubble/Hubble Space Telescope, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

ESA Space in Images 2019 08 > Test di dispiegamento dello specchio secondario di Webb

 (3.37 MB)

DETTAGLI

Aperto chiuso
  • Test di dispiegamento dello specchio secondario di Webb
  • Rilasciato il 19/08/2019 alle 10:00
  • Copyright NASA / C. Gunn
  • Descrizione Lo specchio secondario – visibile nell’angolo in alto a destra dell’immagine – è tra i pezzi più importanti dell’attrezzatura sul NASA / ESA / CSA James Webb Space Telescope (JWST) ed è essenziale per il successo della missione. Ripiegato insieme agli altri componenti dell’osservatorio durante il lancio, lo specchio secondario verrà dispiegato come parte di una complessa coreografia che darà vita all’osservatorio una volta nello spazio. Quando dispiegato, come in questa vista, affronta l’iconico motivo a nido d’ape di Webb di 18 segmenti dello specchio primario  esagonali con rivestimento dorato . Questa struttura speculare primaria è visibile nella parte inferiore sinistra dell’immagine nella sua configurazione piegata, mostrando solo 12 segmenti.Una volta che l’osservatorio è nello spazio, la luce proveniente da stelle e galassie distanti raggiungerà prima il suo specchio primario, che lo rifletterà in un raggio focalizzato verso lo specchio secondario. Da lì, il raggio viene quindi inviato attraverso il ‘buco’ nella struttura dello specchio primario negli specchi terziari e fini, e infine ai quattro strumenti scientifici , che risiedono dietro lo specchio primario in questa vista. Tecnici e ingegneri hanno recentemente testato una parte fondamentale del telescopio svolgendo la coreografia e comandando con successo a Webb di dispiegare la struttura di supporto che mantiene in posizione il suo specchio secondario. Questa è una pietra miliare fondamentale nella preparazione dell’osservatorio per il suo viaggio in orbita, poiché il corretto dispiegamento e posizionamento dello specchio secondario del telescopio sono fondamentali per eseguire la scienza rivoluzionaria della missione.Questo test di successo ha anche fornito un’altra dimostrazione che la connessione elettronica tra l’astronave e il telescopio funziona correttamente ed è in grado di fornire comandi a tutto l’osservatorio come previsto. Il prossimo nella lista delle pietre miliari della missione chiave è l’integrazione delle due metà del James Webb Space Telescope – l’elemento telescopio, che comprende gli specchi e gli strumenti scientifici, e l’elemento spaziale e parasole – nella sua forma finale come osservatorio completo. Attualmente il telescopio si trova presso il Northrop Grumman Aerospace Systems a Redondo Beach, in California, Webb è programmato per il lancio su un razzo europeo Ariane 5 dalla Guyana francese nel marzo 2021. James Webb Space Telescope è un progetto internazionale guidato dalla NASA con i suoi partner, l’ESA e l’agenzia spaziale canadese. Come parte del suo contributo al progetto, l’ESA fornisce lo strumento NIRSpec, l’assemblaggio dello strumento ottico MIRI, il lanciatore Ariane 5 e il personale per supportare le operazioni di missione presso lo Space Telescope Science Institute (STScI) a Baltimora, USA.
  • Id 426782

Gli Scienziati stanno per Dimostrare che l’Universo dello Specchio esiste

Ammassi di Galassie/Clusters of Galaxies, Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso di Galassie/Cluster of Galaxies, Ammasso Stellare/Star Cluster, Astrofisica/Astrophysics, Astronautica/Astronautics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Buchi neri/Black holes, Buco Nero/Black Hole, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Consorzio del Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope Consortium (EHTC), Energia oscura/Dark energy, Fisica/Physics, Galassia/Galaxy, Galassie/Galaxies, Geologia/Geology, Grande Schieramento Millimetrico di Antenne Radio in Atacama/Atacama Large Millimeter Array (ALMA), Materia oscura/Dark matter, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio di Antenne Radio di un Chilometro Quadrato/Square Kilometre Array Observatory (SKAO), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Stella/Star, Stelle/Stars, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Superammassi di Galassie/Superclusters of Galaxies, Superammasso di Galassie/Super-cluster of Galaxies, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope (EHT), Telescopio Sferico con Apertura di Cinquecento Metri/Five Hundred Meter Aperture Spherical Telescope (FAST), Telescopio Spaziale Hubble/Hubble Space Telescope, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

IL LATO POSITIVO

Pubblicato il 27 lug 2019

La teoria degli universi multipli, o paralleli, offusca la linea tra realtà scientifica e fantascienza.
Oh sì, ed è un argomento di dibattito piuttosto vasto nella comunità scientifica, con grandi nomi da entrambe le parti.
Se credi nell’esistenza di universi multipli, allora ti farà sicuramente piacere sapere che hai dalla tua parte il grande Stephen Hawking! Ha una teoria piuttosto spettacolare sugli universi multipli.
Sì, l’idea è che tutto ciò che conosci: il nostro pianeta, il sistema solare, la nostra galassia, tutte le altre stelle e galassie là fuori che riescono a vedere i nostri telescopi; sono solo una parte minuscola di un puzzle inconcepibilmente gigante!

Segnalibri:
Che cosa è un “multiverso” 1:33
Ci sono infiniti me e ognuno è nel proprio universo 😱 3:02
Che aspetto hanno questi universi 3:39
Come sarebbe una versione parallela del nostro mondo? 4:45
Come si può dimostrare? 5:39
Come si può viaggiare in un altro universo? 8:27

#scienza #universo #latopositivo

SOMMARIO:

– Fino a pochi anni fa, gli scienziati erano sicuri che esistesse un solo universo che contenesse tutto ciò che è noto all’umanità, tra cui un unico universo.
– Questo è ora noto come teoria dei mondi multipli. (Sì, ci sono punti di vista diversi tra tutti i sostenitori del multiverso, e quello di Everett è solo uno dei tanti!) Quindi come funziona? Puoi immaginarlo come un diagramma di flusso che continua a ramificarsi.
– Alcuni credono che questi universi siano come delle bolle, totalmente invisibili l’una dall’altra perché, beh, non abbiamo una tale tecnologia! C’è anche il modello che mostra gli universi come dei fogli di carta impilati uno sopra l’altro.
– Quindi, come sarebbe una versione parallela del nostro mondo? Bene, alcuni attributi del nostro universo potrebbero essere diversi, mentre alcuni potrebbero essere uguali! Ad esempio, forse la versione parallela del nostro pianeta ha erba, alberi e uccelli che volano nel cielo e quant’altro.
– Comunque, prima di poter viaggiare in questi mondi, dobbiamo sapere che sono effettivamente reali. Dimostrare o smentire la loro esistenza non è un compito facile.
– L’idea è di far esplodere una manciata di particelle subatomiche attraverso un tunnel di 15 metri, oltrepassando un magnete, e sbattendo, alla fine, contro un muro. Se, dall’altra parte, alcune di quelle particelle escono come un’immagine speculare di sé stesse, ciò significherebbe che la scienza ha fatto una svolta di proporzioni galattiche!
– Alcuni scienziati ritengono che il Big Bang, che ha dato il via a tutto, potrebbe essere stato causato da due universi che si sono scontrati per formarne uno nuovo!
– Come è possibile viaggiare verso un nuovo universo? Naturalmente, stiamo parlando di fisica teorica, e ci sono molte teorie! Prima di tutto, ci sono gli wormhole!
– E, beh, c’è sempre la teoria di Stephen Hawking su come viaggiare in un altro universo: tutto ciò che devi fare è saltare in un buco nero!

Musica di Epidemic Sound
https://www.epidemicsound.com/

Materiali usato (foto, filmati e altro):
https://www.depositphotos.com
https://www.shutterstock.com
https://www.eastnews.ru

Iscriviti a “Il Lato Positivo”:
https://goo.gl/LRxYHU
Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI:
https://goo.gl/TXK8uY
Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI
https://bit.ly/2wevtol

Categoria
Persone e blog

Quanto Lontano Potremo Spingerci Nel Cosmo?

Ammassi di Galassie/Clusters of Galaxies, Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso di Galassie/Cluster of Galaxies, Ammasso Stellare/Star Cluster, Astrofisica/Astrophysics, Astronautica/Astronautics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Buchi neri/Black holes, Buco Nero/Black Hole, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Consorzio del Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope Consortium (EHTC), Energia oscura/Dark energy, Fisica/Physics, Galassia/Galaxy, Galassie/Galaxies, Geologia/Geology, Grande Schieramento Millimetrico di Antenne Radio in Atacama/Atacama Large Millimeter Array (ALMA), Materia oscura/Dark matter, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio di Antenne Radio di un Chilometro Quadrato/Square Kilometre Array Observatory (SKAO), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Stella/Star, Stelle/Stars, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Superammassi di Galassie/Superclusters of Galaxies, Superammasso di Galassie/Super-cluster of Galaxies, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope (EHT), Telescopio Sferico con Apertura di Cinquecento Metri/Five Hundred Meter Aperture Spherical Telescope (FAST), Telescopio Spaziale Hubble/Hubble Space Telescope, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life
IL LATO POSITIVO
Pubblicato il 5 lug 2019

La nostra mappa del mondo era finalmente completa intorno al 1820, con la scoperta dell’Antartide.
Ma perché fermarsi ai confini del mondo?
E la luna allora?
E più in là ancora, fino a dove?
Malgrado i nostri grandi progressi, per millenni la curiosità umana è stata costretta ad accontentarsi dei limiti della Terra.
Ma tutto cambiò il 12 Aprile 1961, il giorno in cui il primo essere umano si spinse oltre il nostro pianeta.
Il cosmonauta russo Yuri Gagarin, il primo uomo nello spazio.
Gagarin orbitò sopra la Terra per un totale di 108 minuti.

SOMMARIO:

– Nel 1969, la missione Apollo 11 portò due uomini a posare i piedi sulla Luna.
– Nell’aprile 1970, l’equipaggio della missione NASA Apollo 13 circumnavigò la luna spingendosi fino al suo lato nascosto, osservandola da un’altezza di 254 km, e ad una distanza di oltre 400.000 km dalla Terra.
– Tutto cominciò quando gli astronomi si accorsero che alcune stelle erano meno splendenti di altre.
– Henrietta Swan Leavitt studiò migliaia di stelle variabili, ovvero le stelle che, viste dalla Terra, presentano fluttuazioni di luminosità.
– Più o meno nello stesso periodo venne installato il telescopio Hooker nell’osservatorio di Mount Wilson, in California. È stato il telescopio più grande del mondo dal 1917 al 1949.
– La galassia più lontana mai osservata è la EGS-zs8-1. Si trova a ben 13,1 miliardi di anni-luce da noi.
– Nessuno sa con certezza cosa c’è nei punti più lontani da noi, o quanto grande sia davvero l’universo. C’è chi dice che l’universo sia infinito, mentre altri propongono la teoria del multiverso.

#fattisullospazio #illatopositivo #galassia

Musica di Epidemic Sound
https://www.epidemicsound.com/

Materiali usato (foto, filmati e altro):
https://www.depositphotos.com
https://www.shutterstock.com
https://www.eastnews.ru

Iscriviti a “Il Lato Positivo”:
https://goo.gl/LRxYHU
Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI:
https://goo.gl/TXK8uY
Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI
https://bit.ly/2wevtol

Categoria
Persone e blog



Gli Astronomi hanno Scoperto un Pianeta Proibito e Sanno il Perché della sua Esistenza

Ammassi di Galassie/Clusters of Galaxies, Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso di Galassie/Cluster of Galaxies, Ammasso Stellare/Star Cluster, Astrofisica/Astrophysics, Astronautica/Astronautics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Buchi neri/Black holes, Buco Nero/Black Hole, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Consorzio del Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope Consortium (EHTC), Energia oscura/Dark energy, Fisica/Physics, Galassia/Galaxy, Galassie/Galaxies, Geologia/Geology, Grande Schieramento Millimetrico di Antenne Radio in Atacama/Atacama Large Millimeter Array (ALMA), Materia oscura/Dark matter, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio di Antenne Radio di un Chilometro Quadrato/Square Kilometre Array Observatory (SKAO), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Stella/Star, Stelle/Stars, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Superammassi di Galassie/Superclusters of Galaxies, Superammasso di Galassie/Super-cluster of Galaxies, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope (EHT), Telescopio Sferico con Apertura di Cinquecento Metri/Five Hundred Meter Aperture Spherical Telescope (FAST), Telescopio Spaziale Hubble/Hubble Space Telescope, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life
IL LATO POSITIVO
Pubblicato il 1 lug 2019

Secondo gli astronomi, pianeti delle dimensioni di Nettuno non sono in grado di formare e sostenere alcun tipo di atmosfera mentre orbitano attorno e in prossimità delle stelle madri.
Beh, dimenticati di ciò che ho appena detto, anche perché non ho capito molto.
Ma l’anno scorso, gli astronomi hanno trovato questo tipo di pianeta!
E non è l’unico pianeta che sfida tutte le nostre convinzioni.
Gli esopianeti sono il tema più caldo in astronomia, e con ogni nuova scoperta, abbiamo un’idea più chiara dell’universo in cui viviamo.
Ma alcune di queste scoperte lasciano tutti sbigottiti.
Gli scienziati dovranno riconsiderare l’idea che si erano fatti dell’Universo?
Scopriamolo!

Segnalibri:
Cosa c’è di così speciale in questo pianeta? 0:55
Uno strano gigante gassoso 2:46
Quando un anno dura solo 8,5 ore 3:52
Il pianeta “Bob” (orbita intorno a una stella binaria!) 5:31
Plutone non è un pianeta?! 6:56
Il pianeta X nel sistema solare 8:03

#spazio #pianeti #latopositivo

Musica di Epidemic Sound https://www.epidemicsound.com/

Materiali usati (foto, filmati e altro):
https://www.depositphotos.com
https://www.shutterstock.com
https://www.eastnews.ru

SOMMARIO:
– NGTS-4b è, almeno per ora, l’unico pianeta noto di dimensioni sub-nettuniani che orbita intorno alla sua stella in un cosiddetto “deserto nettuniano”.
– Questo pianeta ha ancora un’atmosfera, e ha l’80% delle dimensioni di Nettuno. Orbita attorno alla stella a una velocità sorprendente: una rotazione completa in 1,3 giorni.
– Il 31 ottobre, 2017, il pianeta NGTS-1b è stato scoperto. Ma la cosa strana di questo pianeta è che orbita attorno a una stella nana rossa che è grande solo la metà del nostro Sole. Questo non è mai stato visto prima, e in teoria, pianeti cosi grandi non dovrebbero orbitare attorno a stelle così piccole.
– Kepler-78b è il nome del pianeta. Presumibilmente, è denso come la Terra e ha una composizione simile, ma è ancora più vicino alla sua stella rispetto a NGTS-4b. Un anno su questo pianeta dura solo 8,5 ore.
– Per quanto ne sappiamo, non c’è nessuna spiegazione per cui un pianeta come Kepler- 78b si sia formato così vicino a una stella, e non c’è nemmeno una spiegazione per cui ha migrato così vicino senza schiantarsi contro la stella.
– Parliamo di un pianeta che è così lontano dalla sua stella, che non dovrebbe esistere. Il pianeta di cui sto parlando è, preparati perché sarà una bella botta, HD 106906 b. Per semplicità, chiamiamolo ” Bob “.
– Il pianeta è 11 volte più massiccio di Giove e orbita intorno a una stella binaria a una distanza inimmaginabile.
– C’è un una grande collezione di asteroidi, ghiaccio, e polvere, chiamata la fascia di Kuiper. Qui sono stati scoperti altri oggetti, alcuni grandi come Plutone. – Le prove trovate nel 2016 dagli astronomi Gongjie Li e Fred Adams, suggeriscono che, in realtà, esiste uno strano “pianeta X” nel sistema solare. Solo che è molto più distante da Plutone e dalla fascia di Kuiper.
– La spiegazione più probabile per la distanza del non pianeta è che un tempo era un gigante gassoso, come Giove, ma non poteva competere, e le forze gravitazionali di altri pianeti lo hanno spinto più lontano.

Iscriviti a “Il Lato Positivo”:
https://goo.gl/LRxYHU

Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI:
https://goo.gl/TXK8uY

Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI
https://bit.ly/2wevtol

Categoria
Persone e blog

Un secolo di relatività… sperimentale!

Ammassi di Galassie/Clusters of Galaxies, Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso di Galassie/Cluster of Galaxies, Ammasso Stellare/Star Cluster, Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Buchi neri/Black holes, Buco Nero/Black Hole, Consorzio del Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope Consortium (EHTC), Consorzio del Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Telescope Consortium of the Events Horizon (EHTC), Consorzio Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope Consortium (Ehtc), Energia oscura/Dark energy, Fisica/Physics, Galassia/Galaxy, Galassie/Galaxies, Grande Schieramento Millimetrico di Antenne Radio in Atacama/Atacama Large Millimeter Array (ALMA), Materia oscura/Dark matter, Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio del Sud Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio di Antenne Radio di un Chilometro Quadrato/Square Kilometre Array Observatory (SKAO), Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo del Sud (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Stella/Star, Stelle/Stars, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Superammassi di Galassie/Superclusters of Galaxies, Superammasso di Galassie/Super-cluster of Galaxies, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope (EHT), Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Telescope of the Events Horizon (EHT), Telescopio Sferico con Apertura di Cinquecento Metri/Five Hundred Meter Aperture Spherical Telescope (FAST), Telescopio Spaziale Hubble/Hubble Space Telescope, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU)

29 maggio 2019

di Emiliano Ricci

Composizione digitale di 22 immagini dell’eclissi di Sole dell’11 agosto 1999 (Science Photo Library / AGF) 

Il 29 maggio 1919 la teoria generale della relatività di Albert Einstein ottenne la sua prima conferma sperimentale grazie a un’eclissi totale di SoleLa guerra, si sa, non rende mai agevoli le comunicazioni, soprattutto se ci si trova su fronti contrapposti, a combattere gli uni contro gli altri. E nel 1915, anno in cui il tedesco Albert Einstein presentò all’Accademia prussiana delle scienze la sua teoria della relatività generale, l’Impero tedesco e l’Impero britannico (come si chiamavano allora) erano impegnati – assieme a gran parte dei paesi europei – nel tentativo di annientarsi reciprocamente, piuttosto che a scambiarsi informazioni scientifiche. Pubblicata in tedesco, su una rivista tedesca, la nuova teoria della gravità non trovò inizialmente una grande diffusione, né fra gli scienziati né, tantomeno, fra il pubblico.

Fortuna volle che i Paesi Bassi, durante un conflitto che stava devastando l’intero continente, fossero rimasti neutrali. All’epoca, all’Università di Leida, prestigiosa istituzione olandese, era professore un certo Willem de Sitter, matematico e fisico, diventato più tardi noto per i suoi studi di cosmologia (proprio grazie all’applicazione della teoria della relatività generale). Arrivatagli notizia della teoria di Einstein, de Sitter – scienziato illuminato – ne comprese presto l’importanza e decise di divulgarne i contenuti principali scrivendo alcuni articoli in lingua inglese.

Fu proprio grazie a questo passaggio in una terra neutrale che la teoria della relatività poté varcare il canale della Manica e arrivare in Inghilterra, dove trovò subito un sostenitore entusiasta: l’astrofisico Arthur Stanley Eddington, già titolare delle cattedre di astronomia teorica e sperimentale a Cambridge. È curioso pensare che Eddington iniziò ad apprezzare il lavoro di Einstein, ancora prima che per la rilevanza in fisica, per l’eleganza dell’elaborazione matematica. Fatto è che, grazie a questa sua immediata attenzione nei confronti della nuova teoria della gravità, quest’ultima trovò modo di diffondersi anche nei paesi anglosassoni, in particolare proprio per un celebre articolo scritto da Eddington stesso, dal titolo Report on the Relativity Theory of Gravitation, pubblicato nel 1920 dalla Physical Society of London.

Sir Arthur Stanley Eddington (1882-1944)

Eddington, a quel punto, non era più solo affascinato dalla “bellezza matematica” della teoria di Einstein, ma aveva potuto saggiarla sul campo, mettendola direttamente alla prova dei fatti. L’anno prima, quindi nel 1919, era riuscito a farsi finanziare dalla Royal Society e dalla Royal Astronomical Society una costosa missione scientifica volta proprio a dimostrare per la prima volta sperimentalmente la validità della teoria di Einstein. A convincere le due prestigiose istituzioni britanniche fu ancora uno scritto di Eddington, che nel 1918 – a guerra ancora in corso, quindi in condizioni di grande difficoltà anche economica del paese, impegnato nello sforzo bellico – arrivò a tessere le lodi di una teoria formulata da un tedesco (quindi tecnicamente un nemico) scrivendo una relazione per diffonderla fra i suoi colleghi britannici ed esaltando proprio la bellezza della “potenza insita nel ragionamento matematico”, come scrisse nella prefazione.

E siamo quindi al 1919, il 29 maggio, per la precisione. Un secolo fa esatto. La missione scientifica richiesta da Eddington riguardava l’osservazione dell’eclissi totale di Sole che si verificò proprio in quella data. Lo scopo dichiarato era effettuare misurazioni che avrebbero permesso di valutare le previsioni della teoria di Einstein relativamente alla deflessione dei raggi di luce a opera del campo gravitazionale. L’idea era misurare le posizioni apparenti di alcune stelle di sfondo in prossimità del disco solare occultato dalla Luna e di confrontarle con le rispettive posizioni assunte a distanza di alcuni mesi, quando quelle stesse stelle si trovano angolarmente più distanti dal Sole e possono pertanto essere osservate di notte. Quell’eclissi si verificava in condizioni particolarmente favorevoli da questo punto di vista: il campo stellare da osservare era quello dell’ammasso delle Iadi, nella costellazione del Toro, composto da stelle piuttosto luminose e facilmente riconoscibili.

Per inciso, la deflessione della luce è anche all’origine del fenomeno delle lenti gravitazionali: quando lungo la linea di vista fra noi e una sorgente lontana si trova una galassia o anche un ammasso di galassie, la luce della sorgente lontana viene deflessa più o meno intensamente proprio a causa della presenza di quella grande massa. Il risultato è che la sorgente lontana (un quasar, una galassia e così via) viene osservata deformata e talvolta addirittura moltiplicata. La lente gravitazionale – appunto la massa della galassia o dell’ammasso di galassie lungo la linea di vista – può deflettere in maniera diversa la luce a seconda della distribuzione della sua massa, potendo produrre anche immagini multiple della stessa sorgente lontana.

Ma torniamo a Eddington e alla “sua” eclissi. Per tutelarsi da eventuali problemi logistici, meteorologici e altro, furono organizzate due spedizioni scientifiche, naturalmente in due località toccate dalla fascia di totalità dell’eclissi, che avrebbe attraversato l’Oceano Atlantico, dal Brasile all’Africa occidentale. Sotto il coordinamento complessivo di Eddington, la prima spedizione, guidata dall’astronomo Andrew Crommelin, dell’Osservatorio di Greenwich, ebbe come destinazione Sobral, nel nord del Brasile, l’altra l’isola Príncipe, al largo delle coste africane della Guinea, guidata dallo stesso Eddington. E, a posteriori, bisogna dire che l’idea di organizzare due spedizioni fu vincente. Le osservazioni di Eddington furono di bassa qualità, prevalentemente per motivi meteo, mentre da Sobral il gruppo di Crommelin osservò l’eclissi in condizioni ottimali.

Le misurazioni sulle lastre raccolte da più strumenti, rese difficoltose non solo dalla qualità delle immagini, che mostravano poche stelle riconoscibili, ma anche dall’entità della deflessione (inferiore a 2 secondi d’arco), portarono a risultati incerti affetti da errori piuttosto rilevanti, ma comunque compatibili con le previsioni di Einstein. E in ogni caso Eddington non si fece frenare dall’incoerenza di alcuni numeri: la conclusione delle necessarie elaborazioni fu che la teoria generale della relatività era confermata (e, verrebbe da dire, non poteva essere altrimenti).

L’annuncio che la teoria di Einstein aveva ricevuto la prima conferma sperimentale, dato il 6 novembre dello stesso anno nel corso di una riunione congiunta dei due enti finanziatori, Royal Society e Royal Astronomical Society, ebbe immediata e ampia eco non solo nella comunità scientifica, ma anche su quotidiani e riviste sia britanniche sia statunitensi, consegnando definitivamente l’ex oscuro impiegato dell’Ufficio brevetti di Berna alla fama mondiale.

Fu così che, nonostante le ampie e giustificate critiche portate da molti fisici di rilievo alle misurazioni realizzate da Eddington e collaboratori, la relatività generale prese il volo. Un successo più che meritato, certo, anche perché quella nuova e rivoluzionaria teoria della gravità, dopo quella prima verifica, è stata sottoposta a numerose altre verifiche sperimentali che hanno – almeno fino a oggi – confermato la sua validità, ma che, almeno in quel momento, fece affidamento più sul grande entusiasmo di Eddington nei confronti della teoria che sulla reale affidabilità dei dati raccolti durante quell’eclissi di un secolo fa.

C’è una “nuova Terra”, ci sarà anche la vita?

Ammassi di Galassie/Clusters of Galaxies, Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso di Galassie/Cluster of Galaxies, Ammasso Stellare/Star Cluster, Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Buchi neri/Black holes, Buco Nero/Black Hole, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Cristianesimo/Christianity, Energia oscura/Dark energy, Fisica/Physics, Galassia/Galaxy, Galassie/Galaxies, Materia oscura/Dark matter, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Stella/Star, Stelle/Stars, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Superammassi di Galassie/Superclusters of Galaxies, Superammasso di Galassie/Super-cluster of Galaxies, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

 NEWS

© NASA

Lucandrea Massaro/Aleteia | Lug 24, 2015

La scoperta di Kepler 452b, di dimensioni e condizioni simili alla Terra rilancia l’interrogativo: siamo soli?

E’ forse la notizia dell’estate, di certo è – per gli scienziati – una notizia epocale: un pianeta simile alla Terra finalmente è stato trovato. Grande giubilo per gli scienziati della Nasa alla continua ricerca di risultati da esibire con molteplici fronti aperti (non dimentichiamo le recenti immagini di Plutone finalmente raggiunto da una sonda). Il nome del pianeta è “Kepler 452b” osservato proprio grazie al telescopio spaziale Keplero. Kepler 452b è più grande e più anziano della Terra e orbita attorno ad un sole il 10% più grande del nostro, la particolarità è che la sua orbita è alla distanza “giusta” per ospitare acqua allo stato liquido, indispensabile per i processi vitali, dunque è ipotizzabile che ci sia (o ci sia stata) la vita, anche se la distanza (1400 anni luce) non ci permetterà forse mai di scoprirlo davvero.

Cosa dice la Nasa
Come spiega John Grunsfeld della Nasa, in un briefing in corso con altri esperti: “Gli anni su Kepler 452B sono della stessa lunghezza che qui sulla Terra ed ha trascorso miliardi di anni intorno la zona ‘abitabile’ della sua stella. Il che significa che potrebbe aver ospitato vita sulla sua superficie ad un certo punto, o potrebbe ospitarla ora” “Kepler 452B – hanno spiegato ancora gli esperti – ha un’eta’ di 6 miliardi di anni e riceve il 10% in piu’ di energia dalla sua stella rispetto alla Terra”. La sua dimensione e’ compatibile con quella della Terra – ossia una volta e mezza il nostro globo – ed il suo sistema solare anche (Ansa, 23 luglio).

Ma gli alieni credono in Dio?
Una domanda che – specialemente per i credenti – nasce spontanea è se i “marziani” credono in Dio, o se Gesù ha fatto loro visita in qualche modo. Non è fantascienza, ma una domanda che sacerdoti e teologi si sono posti.
 

“La fede cristiana non pare avere argomenti pregiudiziali contro la presenza di vita e di vita intelligente nel cosmo (come potrebbe trattandosi di eventi che apparterrebbero all’ordine fattuale?), ma neanche si può qualificare come antiscientifico il ritenere ragionevole, in mancanza di dati cogenti, la “soluzione classica” che prevede l’unicità dell’essere umano.

L’immagine di Dio uno e trino consegnata dalla Rivelazione ebraico-cristiana non è geocentrica, né antropocentrica, bensì universale e trascendente, soggetto di una onnipotenza creatrice la cui portata è di ordine cosmico generale e certamente non locale. Sono infatti concetti universali l’esistenza di una paternità e di una filiazione, la cui intelligibilità è legata ad un processo generativo comune ad ogni vivente, ed è universale il concetto di un Amore-Dono, lo Spirito Santo, la cui comprensione rimanda all’idea di comunione, di altruismo e di donazione, comune ad ogni intelligenza cosciente. Anche l’Incarnazione del Verbo possiede un valore rivelativo di ambito universale, non solo locale.” (Avvenire, 22 novembre 2012)

E riferendosi al libro del teologo tedesco Armin Kreiner “Gesù, gli UFO e gli alieni. L’intelligenza extraterrestre come sfida alla teologia cristiana”(Queriniana, 2012, a cura di A. Aguti) troviamo questa riflessione:
 

“Qui abbiamo un teologo che si confronta con le implicazioni della presenza extraterrestre dal punto di vista dell’universalità della salvezza cristiana. L’autore insegna nella Facoltà di teologia cattolica di Monaco di Baviera ed affronta con chiarezza e rigore il problema della compatibilità o meno della teologia cristiana con l’esistenza di esseri intelligenti non umani e probabilmente dotati di una loro religiosità.

Nella prima parte del libro, effettuando una ricognizione di ipotesi e teorie oggi esistenti, l’Autore ritiene alta la probabilità che esistano intelligenze extraterrestri. Sembra così legittimo chiedersi quali siano le conseguenze per la teologia cattolica. La risposta implica un ripensamento del tema dell’«incarnazione», partendo dalla pista tracciata da teologi medioevali come san Bonaventura e Duns Scoto.

Per costoro l’incarnazione è un evento collegato al disegno complessivo di Dio rispetto al mondo. Non abbiamo dunque l’incarnazione come risposta al peccato originale, bensì ci poniamo all’interno di una visione più allargata. Ed anche problematica perché nella teologia medioevale convivono aspetti diversi. Ad esempio Anselmo d’Aosta riteneva l’incarnazione necessaria a motivo del peccato umano.

Kreiner è fautore di una teologia che ritiene possibile un’incarnazione come quella di Cristo anche in altri luoghi dell’universo, favorevole ad un Dio creatore dell’universo e dunque di tutte le forme di vita esistenti, ognuna con una strada di salvezza e tutte insieme riconducenti ad un unico Dio” (Vatican Insider, 30 ottobre 2012)

In fondo gli alieni potrebbero non aver peccato contro Dio oppure stare cercando anch’essi la Salvezza, in attesa che il Vangelo venga loro annunciato. Domande affascinanti che lasciano nel cuore del fedele solo una certezza: Dio è un creativo, avrà trovato una soluzione…

Tags: VITA EXTRATERRESTRE