Chi sono e cosa hanno scoperto i Premi Nobel per la Fisica 2019 ?

Ammassi di Galassie/Clusters of Galaxies, Ammassi Globulari/Globular Clusters, Ammassi Stellari Aperti/Open Star Clusters, Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso di Galassie/Cluster of Galaxies, Ammasso Globulare/Globular Cluster, Ammasso Stellare Aperto/Open Star Cluster, Ammasso Stellare/Star Cluster, Asteroide/Asteroid, Asteroidi/Asteroids, Astrofisica/Astrophysics, Astronautica/Astronautics, Astronomia/Astronomy, Bolide/Fireball, Bolidi/Fireballs, Bracci a Spirale Galattici/Galactic Spiral Arms, Braccio a Spirale Galattico/Galactic Spiral Arm, Buchi neri/Black holes, Buco Nero/Black Hole, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Consorzio del Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope Consortium (EHTC), Consorzio del Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Telescope Consortium of the Events Horizon (EHTC), Consorzio Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope Consortium (Ehtc), Cosmologia/ Cosmology, Energia oscura/Dark energy, Fisica/Physics, Galassia Nana/Dwarf Galaxy, Galassia/Galaxy, Galassie Nane/Dwarf Galaxies, Galassie/Galaxies, Geologia/Geology, Grande Schieramento Millimetrico di Antenne Radio in Atacama/Atacama Large Millimeter Array (ALMA), Materia oscura/Dark matter, Meteora/Meteor, Meteore/Meteors, Meteorite, Meteoriti/Meteorites, Meteoroide/Meteoroid, Meteoroidi/Meteoroids, Multiversi/Multiverses, Multiverso/Multiverse, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio del Sud Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio di Antenne Radio di un Chilometro Quadrato/Square Kilometre Array Observatory (SKAO), Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo del Sud (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Stella di Neutroni/Star of Neutrons, Stella/Star, Stelle di Neutroni/Neutron Stars, Stelle/Stars, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Superammassi di Galassie/Superclusters of Galaxies, Superammasso di Galassie/Super-cluster of Galaxies, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope (EHT), Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Telescope of the Events Horizon (EHT), Telescopio Sferico con Apertura di Cinquecento Metri/Five Hundred Meter Aperture Spherical Telescope (FAST), Telescopio Spaziale Hubble/Hubble Space Telescope, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Universi Paralleli/Parallel Universes, Universo Parallelo/Parallel Universe, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

link4universe
17 ott 2019

SUPPORTA IL CANALE https://www.patreon.com/link4universe

LE MAGLIETTE CHE INDOSSO LE TROVI SU PAMPLING https://bit.ly/2pldLji

20% DI SCONTO su qualsiasi acquisto usando il codice ADRIANL4U

___________________________________________________________

PER APPROFONDIMENTI SULLA PUNTATA
The Nobel Prize in Physics 2019 https://www.nobelprize.org/prizes/phy…

Dov’è il Centro dell’universo e dove sono i Margini? https://youtu.be/5e6tHLv1hRY
L’universo si espande più veloce della luce ? https://youtu.be/_CGbWUjKoVo

___________________________________________________________

EHI! ho scritto un nuovo libro sull’esplorazione del sistema solare, ed in particolare da Giove ad Ultima Thule, si chiama “SU NETTUNO PIOVONO DIAMANTI” https://amzn.to/2EWKC1J

mentre il primo libro si intitola “A PIEDI NUDI SU MARTE” https://amzn.to/2FLKa57

___________________________________________________________

DOVE TROVARMI:

PATREON:https://www.patreon.com/link4universe

INSTAGRAM profilo canale: https://www.instagram.com/link4universe

profilo personale: https://www.instagram.com/adrianfartade

FACEBOOK pagina: https://www.facebook.com/link2universe

profilo personale: https://www.facebook.com/adrian.linku

TWITTER https://www.twitter.com/link4universe

TUMBLR https://link4universe.tumblr.com

TELEGRAM https://www.telegram.me/link4universe

@adrianfartade MAIL info.link4universe@gmail.com

#link4universe #nobel2019 #fisica

Categoria
Istruzione



Annunci

5 incredibili oggetti nell’Universo, che nessuno è in grado di spiegare

Ammassi di Galassie/Clusters of Galaxies, Ammassi Globulari/Globular Clusters, Ammassi Stellari Aperti/Open Star Clusters, Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso di Galassie/Cluster of Galaxies, Ammasso Globulare/Globular Cluster, Ammasso Stellare Aperto/Open Star Cluster, Ammasso Stellare/Star Cluster, Asteroide/Asteroid, Asteroidi/Asteroids, Astrofisica/Astrophysics, Astronautica/Astronautics, Astronomia/Astronomy, Bolide/Fireball, Bolidi/Fireballs, Bracci a Spirale Galattici/Galactic Spiral Arms, Braccio a Spirale Galattico/Galactic Spiral Arm, Buchi neri/Black holes, Buco Nero/Black Hole, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Consorzio del Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope Consortium (EHTC), Consorzio del Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Telescope Consortium of the Events Horizon (EHTC), Consorzio Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope Consortium (Ehtc), Cosmologia/ Cosmology, Energia oscura/Dark energy, Fisica/Physics, Galassia Nana/Dwarf Galaxy, Galassia/Galaxy, Galassie Nane/Dwarf Galaxies, Galassie/Galaxies, Geologia/Geology, Grande Schieramento Millimetrico di Antenne Radio in Atacama/Atacama Large Millimeter Array (ALMA), Materia oscura/Dark matter, Meteora/Meteor, Meteore/Meteors, Meteoriti/Meteorites, Meteoroide/Meteoroid, Meteoroidi/Meteoroids, Multiversi/Multiverses, Multiverso/Multiverse, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio del Sud Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio di Antenne Radio di un Chilometro Quadrato/Square Kilometre Array Observatory (SKAO), Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo del Sud (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Stella di Neutroni/Star of Neutrons, Stella/Star, Stelle di Neutroni/Neutron Stars, Stelle/Stars, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Superammasso di Galassie/Super-cluster of Galaxies, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope (EHT), Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Telescope of the Events Horizon (EHT), Telescopio Sferico con Apertura di Cinquecento Metri/Five Hundred Meter Aperture Spherical Telescope (FAST), Telescopio Spaziale Hubble/Hubble Space Telescope, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Universi Paralleli/Parallel Universes, Universo Parallelo/Parallel Universe, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

L’Inspiegabile
17 ott 2019

Il mio libro “L’Inspiegabile” (https://amzn.to/2l4O0SE), edito da De Agostini, è già disponibile in tutte le librerie.

Puoi seguirmi anche su Facebook: https://goo.gl/zH8dc0
Seguimi anche su Instagram: https://goo.gl/EeWC5c

Se vuoi suggerirmi nuovi argomenti, puoi mandarmi un’email all’indirizzo: linspiegabile@gmail.com

Vi sono oggetti nell’Universo che, a tutt’oggi, rappresentano un grande mistero per l’umanità. Oggi te ne farò conoscere 5 che, incredibilmente, la scienza non è ancora stata in grado di spiegare.

Categoria
Intrattenimento

Un religioso BIG BANG

Ammassi di Galassie/Clusters of Galaxies, Ammassi Globulari/Globular Clusters, Ammassi Stellari Aperti/Open Star Clusters, Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso di Galassie/Cluster of Galaxies, Ammasso Globulare/Globular Cluster, Ammasso Stellare Aperto/Open Star Cluster, Ammasso Stellare/Star Cluster, Asteroide/Asteroid, Asteroidi/Asteroids, Astrofisica/Astrophysics, Astronautica/Astronautics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Bolide/Fireball, Bolidi/Fireballs, Bracci a Spirale Galattici/Galactic Spiral Arms, Braccio a Spirale Galattico/Galactic Spiral Arm, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Buchi neri/Black holes, Buco Nero/Black Hole, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Consorzio del Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope Consortium (EHTC), Consorzio del Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Telescope Consortium of the Events Horizon (EHTC), Consorzio Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope Consortium (Ehtc), Cosmologia/ Cosmology, Cristianesimo/Christianity, Energia oscura/Dark energy, Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Father Josè Gabriel Funes SJ, Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Galassia Nana/Dwarf Galaxy, Galassia/Galaxy, Galassie Nane/Dwarf Galaxies, Galassie/Galaxies, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Grande Schieramento Millimetrico di Antenne Radio in Atacama/Atacama Large Millimeter Array (ALMA), Matematica/Mathematics, Materia oscura/Dark matter, Meteora/Meteor, Meteore/Meteors, Meteorite, Meteoriti/Meteorites, Meteoroide/Meteoroid, Meteoroidi/Meteoroids, Multiversi/Multiverses, Multiverso/Multiverse, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio del Sud Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio di Antenne Radio di un Chilometro Quadrato/Square Kilometre Array Observatory (SKAO), Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo del Sud (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Padre Josè Gabriel Funes SJ, Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Stella di Neutroni/Star of Neutrons, Stella/Star, Stelle di Neutroni/Neutron Stars, Stelle/Stars, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Superammassi di Galassie/Superclusters of Galaxies, Superammasso di Galassie/Super-cluster of Galaxies, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope (EHT), Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Telescope of the Events Horizon (EHT), Telescopio Sferico con Apertura di Cinquecento Metri/Five Hundred Meter Aperture Spherical Telescope (FAST), Telescopio Spaziale Hubble/Hubble Space Telescope, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Teologia/Theology, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Universi Paralleli/Parallel Universes, Universo Parallelo/Parallel Universe, Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

IL DIRETTORE DELLA SPECOLA VATICANA Angelo Secchi FU IL PIONIERE DELLA SPETTROSCOPIA

«Scusi, ma come fa ad essere sicuro che l’universo è nato 13,7 miliardi di anni fa?». Siamo a il Festival della Scienza, l’auditorium è gremito di spettatori di tutte le età e, dalle domande al termine della conferenza, si percepisce un curioso imbarazzo. Sul palco c’è un prete che parla di astronomia e dice cose che non tutti si aspettavano di ascoltare.
«Immaginiamo di comprimere la storia dell’universo in un solo anno», dice padre José Gabriel Funes SJ. «Il Big Bang è avvenuto il primo gennaio. A febbraio è nata la Via Lattea e il 3 settembre la Terra. Le scoperte di Galileo, risalgono a un secondo fa». Perché quando a parlare sul tema «L’evoluzione dell’universo» c’è il direttore della Specola Vaticana – avamposto astronomico della Chiesa dal 1891 – il pubblico si divide fatalmente in due: quelli che sperano di sentirgli dire che il creazionismo è una fandonia, e quelli che sperano di ascoltare parole sulla supremazia della fede sulla scienza.
Ma non aspettatevi questo da José Gabriel Funes SJ, nato a Cordoba in Argentina , astronomo e gesuita che si divide fra Città del Vaticano e Tucson, in Arizona, dove la Specola Vaticana ha un osservatorio celeste. «Il Big Bang – risponde padre Funes a quel ragazzo che nutre dubbi sull’esplosione primordiale – è la migliore spiegazione che abbiamo oggi sulla nascita dell’universo: è comprovata scientificamente da numerose osservazioni e non è in contrasto con la fede. La Bibbia non è una spiegazione scientifica del mondo: è stata scritta da uomini ispirati da Dio, migliaia di anni fa».
«Non c’è nessuna contraddizione, fra essere un teologo e un astronomo», ci assicura più tardi, seduto davanti a un caffè. Difatti, a nominargli Galileo, risponde con la facilità di chi si è sentito fare mille volte la stessa domanda. «Non è facile ammettere i propri errori e la Chiesa, seppur tardivamente, lo ha fatto. Credo sia il momento di voltare pagina e guardare avanti. Per quanto mi riguarda, è grazie a Galileo, se io sono qui».
Per l’esattezza, è grazie a Gregorio XIII – l’artefice del Calendario gregoriano – se il Vaticano cominciò già nel lontano 1582 a occuparsi di astronomia. Il primo osservatorio era a San Pietro ma, per difendersi dall’inquinamento luminoso, è stato prima spostato a Castel Gandolfo (1935) e poi sul monte Graham in Arizona (1993). «Nessuno dovrebbe meravigliarsi: padre Secchi diceva le stesse cose che dico io», si schernisce Funes. Angelo Secchi, gesuita, nato nel 1818, è il suo più insigne predecessore alla direzione dell’Osservatorio Vaticano: fu il primo astronomo a classificare le stelle a seconda del loro spettro o, se volete, della loro temperatura.
La questione però, come dimostra il composito pubblico genovese, è decisamente più spinosa: non tutti, dentro alla Chiesa, la pensano come Secchi e soprattutto come Funes, ora che nell’ultimo secolo la scienza ha guardato meglio dentro al cosmo. Perché, in qualche modo, una visione più moderna del mondo non vede più il genere umano al centro del creato.
«Si calcola che ci siano 100 miliardi di galassie – dice Funes al suo pubblico – ovvero 15 galassie per ogni essere umano vivente. Ognuna, può contenere 100 miliardi di stelle». «Non abbiamo ancora la prova che esistano altre civiltà, ma ci sono alte probabilità e questa sarebbe una delle scoperte più importanti della storia. E chi dice che questa non sia la posizione della Chiesa? Non è vero». E ancora: «La teoria della stringhe è molto interessante, seppur tutta da confermare. Qualora si rivelasse esatta, invece di un solo universo, potrebbero essercene molti. E se ce n’è uno con 100 miliardi di galassie, perché non ce ne possono essere tanti?».
L’astronomo Funes è sicuro che l’universo sia nato 13,7 miliardi di anni fa. Il teologo Funes è convinto che sia opera di un Creatore. «Non si può spiegare tutto con la scienza, perché nell’essere umano c’è molto più di quel che si può scientificamente osservare. Ma se la religione si chiude alla scienza diventa fondamentalista, con tutti i suoi rischi». Del resto, «sia la scienza che la religione, ci dicono che chi cerca la verità, la troverà». E così sia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Quando esplose il centro della galassia

Ammassi di Galassie/Clusters of Galaxies, Ammassi Globulari/Globular Clusters, Ammassi Stellari Aperti/Open Star Clusters, Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso di Galassie/Cluster of Galaxies, Ammasso Globulare/Globular Cluster, Ammasso Stellare Aperto/Open Star Cluster, Ammasso Stellare/Star Cluster, Asteroide/Asteroid, Asteroidi/Asteroids, Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Bolide/Fireball, Bolidi/Fireballs, Bracci a Spirale Galattici/Galactic Spiral Arms, Braccio a Spirale Galattico/Galactic Spiral Arm, Buchi neri/Black holes, Buco Nero/Black Hole, Cosmologia/ Cosmology, Energia oscura/Dark energy, Fisica/Physics, Galassia Nana/Dwarf Galaxy, Galassia/Galaxy, Galassie Nane/Dwarf Galaxies, Galassie/Galaxies, Geologia/Geology, Materia oscura/Dark matter, Meteora/Meteor, Meteore/Meteors, Meteoriti/Meteorites, Meteoroide/Meteoroid, Meteoroidi/Meteoroids, Multiversi/Multiverses, Multiverso/Multiverse, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Stella di Neutroni/Star of Neutrons, Stella/Star, Stelle di Neutroni/Neutron Stars, Stelle/Stars, Superammassi di Galassie/Superclusters of Galaxies, Superammasso di Galassie/Super-cluster of Galaxies, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale Hubble/Hubble Space Telescope, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Universi Paralleli/Parallel Universes, Universo Parallelo/Parallel Universe

MEDIAINAF TV
10 ott 2019

Per saperne di più: https://www.media.inaf.it/2019/10/10/…

Nel 2003 sono stati scoperti per la prima volta i residui di un’intensa emissione di energia dal centro della nostra galassia, una gigantesca esplosione che ha prodotto due lobi di gas, uno sopra e uno sotto il disco della Via Lattea.

Se il primo a intravedere questa struttura fu un prototipo di satellite spia per missili intercontinentali, è stato poi nel 2010 l’osservatorio spaziale Fermi della Nasa a disegnarne i precisi contorni in raggi gamma, mostrando l’enorme potenza dell’evento che ha dato origine a tale poderosa struttura, ora denominata bolle di Fermi.

Evento che, come spiega Joss Bland-Hawthorn dell’Università di Sidney, uno degli scopritori delle bolle, deve essere stato originato dal buco nero centrale della nostra galassia, Sagitarrius A*, a causa – diciamo così – di un pasto eccessivamente abbondante e frettoloso. Tuttavia, finora non si aveva idea di quando fosse avvenuta questa esplosione.

Ora, uno studio guidato dallo stesso ricercatore, è riuscito a determinare che il pantagruelico banchetto deve essere avvenuto circa tre milioni e mezzo di anni fa: un battito di ciglia nella vita di una galassia!

Per arrivare al risultato il gruppo di ricerca, ha preso in considerazione la cosiddetta corrente magellanica, un flusso d’idrogeno che scorre dalle Nubi di Magellano, formato dall’interazione gravitazionale tra la Via Lattea e le due piccole galassie satelliti.

Il getto energetico prodotto dal buco nero centrale, durato per qualcosa come 300mila anni, ha dato origine a due enormi “coni di ionizzazione” che si sono espansi sempre più mano a mano che uscivano dalla galassia, arrivando a interessare alcune zone della corrente di Magellano, ionizzando l’idrogeno presente.

Grazie ad osservazioni spettroscopiche con il telescopio Hubble, che hanno sfruttato la luce retrostante di alcuni quasar, i ricercatori sono riusciti a ricostruire a ritroso la storia della bolle di Fermi, datando la loro origine, come si diceva, attorno ai 3 milioni e mezzo di anni fa.
Un’epoca in cui sulla Terra un nostro progenitore, alzando gli occhi verso il centro della Via Lattea, avrebbe probabilmente potuto scorgere uno strano bagliore.

Servizio di Stefano Parisini, Media Inaf Crediti video: J. Josephides/T. Tepper-Garcia/ASTRO 3D, NASA/Goddard Space Flight Center Musica: Obscure, Ghibli on Dune, gentilmente concesse da Andrea Michele Vincenti

Per saperne di più leggi l’articolo su Media Inaf con l’intervista all’italiana Magda Guglielmo dell’Università di Sidney: https://www.media.inaf.it/2019/10/10/…

MediaInaf Tv è il canale YouTube di Media Inaf (http://www.media.inaf.it/)

Categoria
Scienze e tecnologie

Scienziati scoprono un enorme vuoto nei pressi della nostra Galassia

Ammassi di Galassie/Clusters of Galaxies, Ammassi Globulari/Globular Clusters, Ammassi Stellari Aperti/Open Star Clusters, Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso di Galassie/Cluster of Galaxies, Ammasso Globulare/Globular Cluster, Ammasso Stellare Aperto/Open Star Cluster, Ammasso Stellare/Star Cluster, Asteroide/Asteroid, Asteroidi/Asteroids, Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Bolide/Fireball, Bolidi/Fireballs, Bracci a Spirale Galattici/Galactic Spiral Arms, Braccio a Spirale Galattico/Galactic Spiral Arm, Buchi neri/Black holes, Buco Nero/Black Hole, Cosmologia/ Cosmology, Energia oscura/Dark energy, Fisica/Physics, Galassia Nana/Dwarf Galaxy, Galassia/Galaxy, Galassie Nane/Dwarf Galaxies, Galassie/Galaxies, Geologia/Geology, Materia oscura/Dark matter, Meteora/Meteor, Meteore/Meteors, Meteoriti/Meteorites, Meteoroide/Meteoroid, Meteoroidi/Meteoroids, Multiversi/Multiverses, Multiverso/Multiverse, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Stella di Neutroni/Star of Neutrons, Stella/Star, Stelle di Neutroni/Neutron Stars, Stelle/Stars, Superammassi di Galassie/Superclusters of Galaxies, Superammasso di Galassie/Super-cluster of Galaxies, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Universi Paralleli/Parallel Universes, Universo Parallelo/Parallel Universe
IL LATO POSITIVO
7 ott 2019

“Il cosmo è in costante espansione.” Lo avrai sentito dire chissà quante volte, eppure siamo sicuri di averci mai ragionato su? Se la Terra è uno dei pianeti del sistema solare, il quale a sua volta è una minuscola parte della Via Lattea, la quale a sua volta è solo una delle infinite galassie sparse per l’universo… Immagina se casa tua, anziché trovarsi in un grazioso quartiere con belle stradine, boschetti con scoiattoli e chioschi di gelati, fosse isolata in mezzo al nulla. Fuori casa vedresti nient’altro che un vuoto inabitabile, a perdita d’occhio. Bene, quella casa è la nostra galassia, appesa nel cosmo in un immenso mare di nulla. Un nulla che peraltro continua ad espandersi, esponenzialmente.

SEGNALIBRI:

L’inizio di tutte le cose 1:13
Un’area di Nulla appena accanto a noi 3:20
Come mai è così interessante per gli scienziati 3:49
Una mappa 3D della galassia 5:37
Perché è definito “vuoto”? 7:25
… E di che cosa è composto? 7:52

#spazio #astronomia #illatopositivo

SOMMARIO:

– Tutto iniziò con il Big Bang. Nello spazio di piccole frazioni di secondo (per la precisione, una frazione a 31 zeri!), l’universo ebbe inizio e ragazzi ne ha fatta di strada da allora!

– La nostra galassia, la Via Lattea, fa parte di un gruppo con altre galassie, denominato “Gruppo Locale”.

– Il Gruppo Locale è solo una piccola ramificazione di un gruppo ancora più grande, chiamato Supercluster di Laniakea. Ne fanno parte oltre 100.000 galassie, e la nostra è solo una delle tante.

– Accanto a noi esiste un’area immensamente vasta di puro nulla, che gli astronomi hanno battezzato Vuoto Locale.

– La Via Lattea si sta allontanando da questo vuoto a più di 250 km al SECONDO!

– La gravità spinge le galassie ad avvicinarsi tra loro, di conseguenza il vuoto si espande sempre di più.

– Gli astrofisici sperano inoltre che queste regioni “vuote” ci facciano capire qualcosa di più sull’energia oscura.

– L’autore dello studio, R. Brent Tully, è stato anche a capo del team che ha scoperto il vuoto locale, nel 1987.

– Grazie ai dati raccolti nelle loro osservazioni e alle misurazioni di tutto ciò che hanno visto o soltanto intuito, i ricercatori hanno potuto ricostruire una mappa 3D del nostro angolino di universo.

– La mappa dimostra che, così come tutto l’universo, anche il Vuoto è in espansione.

– Nel corso degli ultimi 30 anni, gli astronomi hanno lavorato sodo per capire meglio il moto della Via Lattea, di Andromeda e delle varie galassie nane. Dai risultati sembra chiaro che il loro moto precede l’espansione dell’universo di circa 600 km al secondo.

– Ma quindi davvero nel vuoto locale c’è unicamente il nulla, per 150 milioni di anni-luce? Praticamente sì.

– Ironicamente, proprio a causa del fatto che questi immensi spazi vuoti nel cosmo contengono poca o nessuna materia, finiscono col riempirsi di qualcos’altro. E quel qualcos’altro è l’Energia Oscura.

– La scienza non ha ancora chiarito di cosa si tratta, ma molto probabilmente c’entra con il vuoto cosmico e lo spazio-tempo.

– Tornando al vuoto locale, quello vicino alla nostra galassia, lì dentro c’è praticamente il nulla assoluto, perciò l’energia oscura ha via libera.

Musica di Epidemic Sound https://www.epidemicsound.com/

Materiali usato (foto, filmati e altro):
https://www.depositphotos.com https://www.shutterstock.com https://www.eastnews.ru

Iscriviti a “Il Lato Positivo”: https://goo.gl/LRxYHU
Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: https://goo.gl/TXK8uY
Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI https://bit.ly/2wevtol

Categoria
Persone e blog

Gli Scienziati hanno appena Scoperto 300.000 Galassie nascoste

Ammassi di Galassie/Clusters of Galaxies, Ammassi Globulari/Globular Clusters, Ammassi Stellari Aperti/Open Star Clusters, Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso di Galassie/Cluster of Galaxies, Ammasso Globulare/Globular Cluster, Ammasso Stellare Aperto/Open Star Cluster, Ammasso Stellare/Star Cluster, Asteroide/Asteroid, Asteroidi/Asteroids, Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Bolide/Fireball, Bolidi/Fireballs, Bracci a Spirale Galattici/Galactic Spiral Arms, Braccio a Spirale Galattico/Galactic Spiral Arm, Buchi neri/Black holes, Buco Nero/Black Hole, Cosmologia/ Cosmology, Energia oscura/Dark energy, Fisica/Physics, Galassia Nana/Dwarf Galaxy, Galassia/Galaxy, Galassie Nane/Dwarf Galaxies, Galassie/Galaxies, Geologia/Geology, Materia oscura/Dark matter, Meteora/Meteor, Meteore/Meteors, Meteoriti/Meteorites, Meteoroide/Meteoroid, Meteoroidi/Meteoroids, Multiversi/Multiverses, Multiverso/Multiverse, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Stella di Neutroni/Star of Neutrons, Stella/Star, Stelle di Neutroni/Neutron Stars, Stelle/Stars, Superammassi di Galassie/Superclusters of Galaxies, Superammasso di Galassie/Super-cluster of Galaxies, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Universi Paralleli/Parallel Universes, Universo Parallelo/Parallel Universe
IL LATO POSITIVO
25 lug 2019

Avete mai guardato il cielo notturno e siete rimasti affascinati da quella brillante fascia luminosa di stelle? Beh, quella è la Via Lattea, la galassia dove si trova il nostro sistema solare. E il sole non è l’unica stella nella Via Lattea, e la Via Lattea non è l’unica galassia nell’universo. Da tempo gli astronomi stanno cercando di scoprire esattamente quante galassie ci sono nell’universo e non crederai ai numeri che hanno tirato fuori! Oggi abbiamo telescopi sia a terra che nello spazio, che osservano costantemente il vasto universo per rilevare le galassie più deboli e distanti. Nel 2016, uno studio condotto da un team di astronomi, guidato da un astrofisico dell’Università di Nottingham, ha utilizzato un modello 3D delle immagini raccolte in 20 anni dal telescopio spaziale Hubble per determinare il numero di galassie esistenti. Quello che hanno trovato è stato sorprendente…

Segnalibri:

Le stelle variabili 1:17
125 miliardi di galassie? Beh, non sono molte… 3:11
Che cos’è l’universo osservabile è 3:46
La galassia più lontana (è davvero molto, molto lontana) 4:28
La stella che vediamo a 4 anni nel passato 5:10
Quanti anni ha l’universo? 5:54
La stella più lontana che abbiamo visto fino ad oggi 7:18
E che dire di 300.000 nuove galassie? 8:44

#lospazio #pianeti #latopositivo

SOMMARIO:

– Con il passare del tempo, man mano che gli umani progredivano, anche la nostra visione dell’universo si trasformava.

– Per gran parte della storia umana, abbiamo considerato la Via Lattea come l’unico universo.
E abbiamo pensato che tutte le stelle che vediamo appartengano ad essa.

– La nostra convinzione non cambiò fino al 1900, quando scienziati come Henrietta Swan Leavitt ed Edwin Hubble identificarono le stelle la cui luminosità sembrava cambiare quando osservata dalla terra.

– Poi venne Hubble, che, usando il telescopio “Hooker” al “Mount Wilson Observatory”, in California, identificò molte di queste stelle variabili.

– Oggi abbiamo telescopi sia a terra che nello spazio, che osservano costantemente il vasto universo per rilevare le galassie più deboli e distanti.

– Gli scienziati hanno determinato che ci sono circa 125 miliardi di galassie.
Ma quel numero era nulla rispetto a ciò che gli scienziati avrebbero scoperto qualche anno dopo.

– Nel 2016, un team di astronomi ha affermato che ci sono oltre 2 trilioni di galassie.
Queste galassie si trovano in quello che è noto come l’universo osservabile.

– La luce del nostro Sole, che è solo circa 150 milioni di km lontano dalla Terra, impiega 8 minuti e 20 secondi per arrivare qui.
E così, se la luce della stella più vicina, Alpha Centauri, ci mette più di 4 anni per raggiungerci, significa che noi vediamo quella stella a 4 anni nel suo passato.

– È ormai constatato che l’universo ha circa 13,8 miliardi di anni.

– Un aspetto molto affascinante, eppure a volte confuso, è che la sua dimensione non è permanente.
Invece, sta crescendo da quando è stata creata dal Big Bang.

– L’enorme stella blu soprannominata “Icaro” è la stella individuale più lontana che abbiamo visto fino ad oggi.
– Ma anche con questi sistemi avanzati, gli scienziati dicono che finora sono stati in grado di tracciare solo il 2% del cielo.

Musica di Epidemic Sound

https://www.epidemicsound.com/

Materiali usato (foto, filmati e altro):

https://www.depositphotos.com
https://www.shutterstock.com
https://www.eastnews.ru

Iscriviti a “Il Lato Positivo”: https://goo.gl/LRxYHU
Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: https://goo.gl/TXK8uY
Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI https://bit.ly/2wevtol

Categoria
Persone e blog



Lungo le vie dell’idrogeno della rete cosmica

Ammassi di Galassie/Clusters of Galaxies, Ammassi Globulari/Globular Clusters, Ammassi Stellari Aperti/Open Star Clusters, Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso di Galassie/Cluster of Galaxies, Ammasso Globulare/Globular Cluster, Ammasso Stellare Aperto/Open Star Cluster, Ammasso Stellare/Star Cluster, Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Bracci a Spirale Galattici/Galactic Spiral Arms, Braccio a Spirale Galattico/Galactic Spiral Arm, Buchi neri/Black holes, Buco Nero/Black Hole, Cosmologia/ Cosmology, Energia oscura/Dark energy, Fisica/Physics, Galassia Nana/Dwarf Galaxy, Galassia/Galaxy, Galassie Nane/Dwarf Galaxies, Galassie/Galaxies, Materia oscura/Dark matter, Multiversi/Multiverses, Multiverso/Multiverse, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Stella di Neutroni/Star of Neutrons, Stella/Star, Stelle di Neutroni/Neutron Stars, Stelle/Stars, Superammassi di Galassie/Superclusters of Galaxies, Superammasso di Galassie/Super-cluster of Galaxies, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale Hubble/Hubble Space Telescope, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Universi Paralleli/Parallel Universes, Universo Parallelo/Parallel Universe
MEDIAINAF TV
Filamenti di gas che ricordano i dendriti e gli assoni d’una rete neurale. Lunghi però milioni di anni luce. Attraversano il cosmo collegando fra loro le galassie e rifornendole di carburante. Questi che vedete, osservati ora grazie allo strumento MUSE del Very Large Telescope dell’ESO, in Cile, si trovano a 12 miliardi di anni luce dalla Terra – in direzione della costellazione dell’Acquario – nel protoammasso di galassie SSA22. E sono una struttura che risale all’universo primordiale. È lungo questi filamenti la gravità delle galassie starburst risucchia l’idrogeno necessario alla loro frenetica attività di formazione stellare. Ed è là nelle dense regioni in cui questi filamenti si intersecano che si incontrano i buchi neri supermassicci presenti nel cuore delle galassie dal nucleo attivo.
Servizio di Marco Malaspina
Colonna sonora gentilmente concessa da Andrea Michele Vincenti

MediaInaf Tv è il canale YouTube di Media Inaf (http://www.media.inaf.it/)

Categoria
Scienze e tecnologie

Tante stelle nella Grande Nube di Magellano

Ammassi di Galassie/Clusters of Galaxies, Ammassi Globulari/Globular Clusters, Ammassi Stellari Aperti/Open Star Clusters, Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso di Galassie/Cluster of Galaxies, Ammasso Globulare/Globular Cluster, Ammasso Stellare Aperto/Open Star Cluster, Ammasso Stellare/Star Cluster, Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Bracci a Spirale Galattici/Galactic Spiral Arms, Braccio a Spirale Galattico/Galactic Spiral Arm, Buchi neri/Black holes, Buco Nero/Black Hole, Cosmologia/ Cosmology, Energia oscura/Dark energy, Fisica/Physics, Galassia Nana/Dwarf Galaxy, Galassia/Galaxy, Galassie Nane/Dwarf Galaxies, Galassie/Galaxies, Materia oscura/Dark matter, Multiversi/Multiverses, Multiverso/Multiverse, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Stella di Neutroni/Star of Neutrons, Stella/Star, Stelle di Neutroni/Neutron Stars, Stelle/Stars, Superammassi di Galassie/Superclusters of Galaxies, Superammasso di Galassie/Super-cluster of Galaxies, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale Hubble/Hubble Space Telescope, Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Universi Paralleli/Parallel Universes, Universo Parallelo/Parallel Universe
MEDIAINAF TV
Le Nubi di Magellano sono due piccole galassie irregolari, che orbitano attorno alla nostra Via Lattea come satelliti. Sono visibili ad occhio nudo nel cielo notturno dell’emisfero sud, e prendono il loro nome dal navigatore portoghese Ferdinando Magellano, la cui spedizione 500 anni fa circumnavigò il globo per la prima volta. Qui vediamo la maggiore delle due, la Grande Nube, fotografata con un livello di dettaglio senza precedenti dal telescopio europeo Vista, collocato all’osservatorio Eso del Paranal, sulle Ande cilene. Questa piccola galassia, distante 163000 anni luce, possiede una vigorosa attività di formazione stellare ed è considerata un laboratorio ideale per studiare i processi che formano e trasformano le galassie. Grazie alle osservazioni del telescopio Vista, gli astronomi hanno potuto analizzare in dettaglio circa 10 milioni di stelle nella Grande Nube di Magellano, determinandone l’età e scoprendo inaspettatamente che le stelle più giovani tracciano in questa galassia bracci a spirale multipli. L’avere un dettaglio di così tante stelle è stata possibile grazie al fatto che Vista osserva il cielo a lunghezze d’onda nel vicino infrarosso e questo permette al telescopio di vedere attraverso le nuvole di polvere cosmica che oscurano parti della galassia. Tali nuvole bloccano infatti una grande porzione di luce visibile ma sono trasparenti alle lunghezze d’onda maggiori a cui sono sensibili i rilevatori di Vista. Ed ecco che, quasi per magia, divengono chiaramente distinguibili, rispetto a un’immagine ripresa nell’ottico, molte più stelle singole che popolano il centro della galassia.

Servizio di Stefano Parisini, Media Inaf

Crediti video: Eso/Vmc Survey

Musica: Velasquez, Roberto Vecchioni

MediaInaf Tv è il canale YouTube di Media Inaf (http://www.media.inaf.it/)

Categoria
Scienze e tecnologie

VISTA svela una nuova immagine della Grande Nube di Magellano

Ammassi di Galassie/Clusters of Galaxies, Ammassi Globulari/Globular Clusters, Ammassi Stellari Aperti/Open Star Clusters, Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso di Galassie/Cluster of Galaxies, Ammasso Globulare/Globular Cluster, Ammasso Stellare Aperto/Open Star Cluster, Ammasso Stellare/Star Cluster, Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Bracci a Spirale Galattici/Galactic Spiral Arms, Braccio a Spirale Galattico/Galactic Spiral Arm, Buchi neri/Black holes, Buco Nero/Black Hole, Cosmologia/ Cosmology, Fisica/Physics, Galassia Nana/Dwarf Galaxy, Galassia/Galaxy, Galassie Nane/Dwarf Galaxies, Galassie/Galaxies, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Stella di Neutroni/Star of Neutrons, Stella/Star, Stelle di Neutroni/Neutron Stars, Stelle/Stars, Superammassi di Galassie/Superclusters of Galaxies, Superammasso di Galassie/Super-cluster of Galaxies, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU)

eso1914it — Foto Comunicato Stampa

13 Settembre 2019

Il telescopio VISTA dell’ESO rivela una straordinaria immagine della Grande Nube di Magellano, una delle galassie più vicine alla nostra. VISTA ha osservato questa galassia e la sua cugina, la Piccola Nube di Magellano, oltre ai loro dintorni, con dettagli senza precedenti. Questa survey consente agli astronomi di osservare un gran numero di stelle, aprendo nuove opportunità di studiare l’evoluzione stellare, la dinamica galattica e le stelle variabili.

La Grande Nube di Magellano, o LMC, è una delle galassie più vicine a noi, a soli 163000 anni luce dalla Terra. Insieme con la cugina, la Piccola Nube di Magellano, sono tra le galassie nane satelliti più vicine alla Via Lattea. L’LMC è anche la sede di vari conglomerati stellari ed è un laboratorio ideale per gli astronomi che studiano i processi che modellano le galassie.

Il telescopio VISTA dell’ESO ha osservato queste due galassie nell’ultimo decennio. L’immagine presentata oggi è il risultato di una delle molte survey che gli astronomi hanno eseguito con questo telescopio. L’obiettivo principale di VMC (survey delle Nubi di Magellano con VISTA) è stato quello di mappare la storia della formazione stellare della Grande e della Piccola Nube di Magellano, nonché la loro struttura tridimensionale.

VISTA è stata fondamentale per la realizzazione di questa immagine perché osserva il cielo a lunghezze d’onda nel vicino infrarosso. Questo permette di vedere attraverso nuvole di polvere che oscurano parti della galassia. Queste nuvole bloccano una grande porzione di luce visibile ma sono trasparenti alle lunghezze d’onda maggiori, quelle per cui VISTA è stata costruita. Di conseguenza, sono chiaramente visibili molte più stelle singole che popolano il centro della galassia. Gli astronomi hanno analizzato in dettaglio circa 10 milioni di stelle nella Grande Nube di Magellano e ne hanno determinato l’età utilizzando modelli stellari all’avanguardia [1]. Hanno scoperto che le stelle più giovani tracciano in questa galassia bracci a spirale multipli.

Per millenni, le Nubi di Magellano hanno affascinato gli abitanti dell’emisfero meridionale, ma erano praticamente sconosciute agli europei fino al momento della scoperta da parte dei primi esploratori. Il nome che usiamo oggi richiama l’esploratore Ferdinando Magellano, che 500 anni fa iniziò la prima circumnavigazione della Terra. I documenti che la spedizione riportò in Europa rivelarono per la prima volta luoghi e cose agli europei. Lo spirito di esplorazione e scoperta è ancora più vivo oggi nel lavoro degli astronomi di tutto il mondo, tra cui l’equipe della Survey VMC, le cui osservazioni hanno portato a questa straordinaria immagine dell’LMC.

Note

[1] I modelli stellari consentono agli astronomi di prevedere la vita e la morte delle stelle, fornendo informazioni su proprietà quali l’età, la massa e la temperatura.

Ulteriori Informazioni

Le stelle rivelate in questa immagine sono discusse nell’articolo “The VMC Survey – XXXIV. Morphology of Stellar Populations in the Magellanic Clouds” che verrà pubblicato sulla rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society.

LESO (European Southern Observatory, o Osservatorio Australe Europeo) è la principale organizzazione intergovernativa di Astronomia in Europa e di gran lunga l’osservatorio astronomico più produttivo al mondo. È sostenuto da 15 paesi: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia, e Svizzera, oltre al paese che ospita l’ESO, il Cile e l’Australia come partner strategico. L’ESO svolge un ambizioso programma che si concentra sulla progettazione, costruzione e gestione di potenti strumenti astronomici da terra che consentano agli astronomi di realizzare importanti scoperte scientifiche. L’ESO ha anche un ruolo di punta nel promuovere e organizzare la cooperazione nella ricerca astronomica. L’ESO gestisce tre siti osservativi unici al mondo in Cile: La Silla, Paranal e Chajnantor. Sul Paranal, l’ESO gestisce il Very Large Telescope, osservatorio astronomico d’avanguardia nella banda visibile e due telescopi per survey. VISTA, il più grande telescopio per survey al mondo, lavora nella banda infrarossa mentre il VST (VLT Survey Telescope) è il più grande telescopio progettato appositamente per produrre survey del cielo in luce visibile. L’ESO è il partner principale di APEX e di ALMA, il più grande progetto astronomico esistente, sulla piana di Chajnantor. E sul Cerro Armazones, vicino al Paranal, l’ESO sta costruendo l’Extremely Large Telescope o ELT (significa Telescopio Estremamente Grande), un telescopio da 39 metri che diventerà “il più grande occhio del mondo rivolto al cielo“.

La traduzione dall’inglese dei comunicati stampa dell’ESO è un servizio dalla Rete di Divulgazione Scientifica dell’ESO (ESON: ESO Science Outreach Network) composta da ricercatori e divulgatori scientifici da tutti gli Stati Membri dell’ESO e altri paesi. Il nodo italiano della rete ESON è gestito da Anna Wolter.

Links

Contatti

Anna Wolter
INAF – Osservatorio Astronomico di Brera
Milano, ITALY
Tel.: +39-02-72320321
E-mail: anna.wolter@inaf.it

Maria-Rosa Cioni
Leibniz-Institut für Astrophysik Potsdam (AIP)
Potsdam, Germany
Tel.: +49 331 7499 651
E-mail: mcioni@aip.de

Mariya Lyubenova
ESO Head of Media Relations
Garching bei München, Germany
Tel.: +49 89 3200 6188
E-mail: pio@eso.org

Connect with ESO on social media

Questa è una traduzione del Comunicato Stampa dell’ESO eso1914.

Sul Comunicato Stampa

Comunicato Stampa N”:eso1914it
Nome:Large Magellanic Cloud
Tipo:Local Universe : Galaxy : Type : Irregular
Facility:Visible and Infrared Survey Telescope for Astronomy
Instruments:VIRCAM

Immagini

The Large Magellanic Cloud revealed by VISTA

Immagine CS eso1914aThe Large Magellanic Cloud revealed by VISTA
soltanto in inglese

Highlights of the Large Magellanic Cloud

Immagine CS eso1914bHighlights of the Large Magellanic Cloud
soltanto in inglese

Large Magellanic Cloud

Immagine CS eso1914cLarge Magellanic Cloud
soltanto in inglese


Video

ESOcast 206 Light: VISTA Unveils the Large Magellanic Cloud (4K UHD)

Video CS eso1914aESOcast 206 Light: VISTA Unveils the Large Magellanic Cloud (4K UHD)
soltanto in inglese

Zooming on the Large Magellanic Cloud

Video CS eso1914bZooming on the Large Magellanic Cloud
soltanto in inglese

Comparison of the Large Magellanic Cloud in infrared and visible light

Video CS eso1914cComparison of the Large Magellanic Cloud in infrared and visible light
soltanto in inglese

Comparison of the Tarantula nebula in infrared and visible light

Video CS eso1914dComparison of the Tarantula nebula in infrared and visible light
soltanto in inglese

Panning across the Large Magellanic Cloud

Video CS eso1914ePanning across the Large Magellanic Cloud
soltanto in inglese


Vedere anche

Bando all’inquinamento luminoso

Astrofisica/Astrophysics, Astronomia/Astronomy, Cosmologia/ Cosmology, Fisica/Physics, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU)
Bando all'inquinamento luminoso

Questa bellissima immagine mostra la Via Lattea che s’innalza sopra la “Residencia” all’osservatorio Paranal dell’ESO, essa si staglia sopra alla montagna in lontananza. La Residencia è l’hotel privato dell’ESO per il personale di Paranal, una seconda casa per astronomi, ingegneri, tecnici e altri visitatori del sito. Conosciuta come “oasi per astronomi”, l’edificio comprende un ristorante, una sala da musica, una biblioteca, una piscina e persino una sauna per aiutare gli astronomi a rilassarsi tra e dopo i loro turni. È stata anche presentata nel film di James Bond “Quantum of Solace” (2008).

Questa foto è stata scattata dall’ambasciatore fotografo dell’ESO Petr Horálek ed è una dimostrazione di come la luce artificiale può inquinare il suo ambiente: la luminosità delle luci della Residencia sembra quasi accecante rispetto alle stelle. La luce artificiale si diffonde grazie alle particelle nella nostra atmosfera e può soffocare il cielo notturno 

Preservare i cieli oscuri intorno al Paranal è della massima importanza per l’ESO: l’oscurità che circonda l’osservatorio consente agli astronomi di godere di eccellenti osservazioni. La conservazione dei cieli scuri è fondamentale per la sensibilità e la chiarezza delle osservazioni scientifiche. Le luci non celesti in questa immagine sono relativamente poche: un netto contrasto con le strade tempestate di lampioni e le città illuminate a cui potreste essere abituati.Crediti:

ESO/P. Horálek