Due nuovi studi mettono in discussione l’abitabilità degli esopianeti di TRAPPIST-1. O forse no | Reccom Magazine

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio del Sud Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio di Antenne Radio di un Chilometro Quadrato/Square Kilometre Array Observatory (SKAO), Osservatorio Europeo Australe (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio Europeo del Sud (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Senza categoria, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope (EHT), Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

Dopo diverso tempo giungono due nuovi studi sul sistema Trappist-1. I risultati di questi lavori sono abbastanza ambigui perché da una parte mettono in dubbio la possibilità che qualcuno di quei pianeti possa sostentare la vita, dall’altra potrebbero invece favorirla. Vediamo perché

Origen: Due nuovi studi mettono in discussione l’abitabilità degli esopianeti di TRAPPIST-1. O forse no | Reccom Magazine

Annunci

Hubble scopre migliaia di ammassi globulari di stelle sparsi tra le galassie

Senza categoria

Data di rilascio: 29 novembre 2018 10:00 (EST)

Hubble Uncovers Thousands of Globular Star Clusters Scattered Among Galaxies

L’indagine consentirà la mappatura della materia oscura nell’enorme ammasso di galassie

I cluster di stelle globulari sono i bersagli preferiti per gli osservatori del cielo dilettanti. Ad occhio nudo appaiono come stelle dall’aspetto sfocato. Attraverso un piccolo telescopio si risolvono in scintillanti isole a forma di palla di neve di innumerevoli stelle ammassate insieme. Circa 150 globuli stellari globulari orbitano intorno alla nostra Via Lattea, come api che ronzano intorno a un alveare. Sono le prime famiglie della nostra galassia, contenenti le stelle più antiche conosciute dell’universo.

Hubble è così potente da poter vedere ammassi globulari stellari a 300 milioni di anni luce di distanza. E molti di loro. Sbirciando nel cuore del gigantesco gruppo di galassie di Coma, Hubble catturò 22.426 ammassi globulari stellari. L’indagine ha trovato i cluster globulari sparsi nello spazio tra le 1.000 galassie all’interno del cluster di Coma. Sono rimasti orfani dalla loro galassia di origine a causa della galassia vicino alle collisioni all’interno del cluster di galassie ingolfato. Poiché sono così numerosi nel cluster di Coma, sono eccellenti traccianti dell’intero campo gravitazionale che impedisce alle galassie di lanciarsi nello spazio. La gravità è un tracciante della distribuzione della materia oscura.

Release ID: STScI-2018-44


Release images (3)

Coma Cluster Full Mosaic

Coma Cluster Full Mosaic

Tags Galaxy ClustersGlobular ClustersHubble TelescopeObservations

The Full Story

Data di rilascio: 29 novembre 2018

Numero di comunicato stampa: STScI-2018-44

Guardando oltre 300 milioni di anni luce in una mostruosa città di galassie, gli astronomi hanno usato il telescopio spaziale Hubble della NASA per fare un censimento completo di alcuni dei suoi membri più minuscoli: ben 22.426 ammassi globulari di stelle trovati fino ad oggi.

L’indagine, pubblicata sul Journal of the Astrophysical Journal del 9 novembre 2018, consentirà agli astronomi di utilizzare il campo di ammassi globulari per mappare la distribuzione di materia e materia oscura nel cluster di galassie di Coma, che contiene oltre 1.000 galassie che sono imballate insieme.

Poiché gli ammassi globulari sono molto più piccoli di intere galassie – e molto più abbondanti – sono un tracciante molto migliore di come il tessuto dello spazio sia distorto dalla gravità del gruppo di Coma. In effetti, l’ammasso di Coma è uno dei primi posti in cui le anomalie gravitazionali osservate erano considerate indicative di molta massa invisibile nell’universo – in seguito chiamata “materia oscura”.

Tra i primi homesteader dell’universo, i cluster di stelle globulari sono isole a forma di globo di neve di diverse centinaia di migliaia di stelle antiche. Sono parte integrante della nascita e della crescita di una galassia. Circa 150 ammassi globulari circondano la nostra galassia della Via Lattea e, poiché contengono le stelle più antiche conosciute nell’universo, erano presenti nei primi anni formativi della nostra galassia.

Alcuni dei grappoli globulari della Via Lattea sono visibili ad occhio nudo come “stelle” dall’aspetto sfocato. Ma alla distanza del cluster di Coma, i suoi globulari appaiono come punti luce anche alla visione super nitida di Hubble. L’indagine ha trovato gli ammassi globulari sparsi nello spazio tra le galassie. Sono rimasti orfani dalla loro galassia di origine a causa della galassia in prossimità delle collisioni all’interno del cluster intasato dal traffico. Hubble ha rivelato che alcuni ammassi globulari si allineano lungo schemi simili a ponti. Questa è una prova rivelatrice delle interazioni tra le galassie in cui gravitano l’un l’altro come tirando il taffy.

L’astronomo Juan Madrid dell’Australian Telescope National Facility a Sydney, in Australia, ha inizialmente pensato alla distribuzione di ammassi globulari in Coma quando stava esaminando le immagini di Hubble che mostrano i grappoli globulari che si estendono fino al limite di ogni data foto di galassie nel Coma grappolo.

Non vedeva l’ora di ulteriori dati da uno dei sondaggi legacy di Hubble che era stato progettato per ottenere i dati dell’intero cluster Coma, chiamato Coma Cluster Treasury Survey. Tuttavia, a metà del programma, nel 2006, la potente Advanced Camera for Surveys (ACS) di Hubble ha avuto un guasto elettronico. (L’ACS fu successivamente riparato dagli astronauti durante una missione di manutenzione di Hubble del 2009).

Per colmare le lacune del sondaggio, Madrid e il suo team hanno tirato faticosamente numerose immagini Hubble del cluster di galassie prese da diversi programmi di osservazione di Hubble. Questi sono archiviati nell’archivio Mikulski per telescopi spaziali dello Space Telescope Science Institute di Baltimora, nel Maryland. Ha assemblato un mosaico della regione centrale del cluster, lavorando con gli studenti del programma di ricerca per studenti universitari della National Science Foundation. “Questo programma offre l’opportunità agli studenti iscritti nelle università con poca o nessuna astronomia di acquisire esperienza nel settore”, ha detto Madrid.

Il team ha sviluppato algoritmi per setacciare le immagini del mosaico di Coma che contengono almeno 100.000 fonti potenziali. Il programma utilizzava il colore dei grappoli globulari (dominato dal bagliore delle stelle rosse invecchiate) e la forma sferica per eliminare oggetti estranei – per lo più galassie di sfondo non associate al cluster di Coma.

Anche se Hubble ha rivelatori superbi con una sensibilità e una risoluzione senza pari, il loro principale svantaggio è che hanno campi visivi minuscoli. “Uno degli aspetti interessanti della nostra ricerca è che mette in mostra la straordinaria scienza che sarà possibile con il Wide Field Infrared Survey Telescope (WFIRST) della NASA che avrà un campo di visione molto più ampio di quello di Hubble”, ha affermato Madrid. “Saremo in grado di immaginare interi gruppi di galassie contemporaneamente.”

Hubble Space Telescope è un progetto di cooperazione internazionale tra la NASA e l’ESA (European Space Agency). Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, gestisce il telescopio. Lo Space Telescope Science Institute (STScI) di Baltimora, nel Maryland, conduce operazioni scientifiche di Hubble. STScI è gestito dalla NASA dall’Associazione delle università per la ricerca in astronomia, a Washington, DC.

Credits

Image: NASAESA, J. Mack (STScI), and J. Madrid (Australian Telescope National Facility)

Science: NASAESA, and J. Madrid (Australian Telescope National Facility)

Related Links

This site is not responsible for content found on external links

Contact

Ray Villard 
Space Telescope Science Institute, Baltimore, Maryland 
410-338-4514 
villard@stsci.edu

Juan Madrid 
Australian Telescope National Facility, Sydney, Australia 
jmadrid@astro.swin.edu.au

Email list: Inbox Astronomy
Servicing Missions
Reference Desk
eBooks
WebbTelescope
Amazing Space
Hubble’s 25th Anniversary
HubbleSite iPhone App
About
Get Involved
Contact Us
Copyright

Facebook icon
Twitter icon
YouTube icon
Instagram icon
Flickr icon
RSS icon

STScI logo
Cristianesimo/Christianity, Custodia di Terra Santa/Custody of the Holy Land, Senza categoria, Terra Santa/Holy Land

https://www.cmc-terrasanta.org/embed/la-vita-di-davide-e-proiettata-sulle-mura-della-citta-santa-15207

21 Giugno 2018

La vita di Davide è proiettata sulle Mura della Città Santa

Il biblista Fra Frédéric Manns commenta alcuni aspetti della vita del re Davide, in questi giorni proiettata sulle Mura della Città Vecchia di Gerusalemme

Attualita, Eventi e Società

Betlemme. Il nome di questo centro situato a circa dodici km dalla Città Vecchia di Gerusalemme ci fa subito pensare al luogo in cui nacque il Bambino Gesù!
È interessante notare, tuttavia, che Betlemme fu anche teatro di molti episodi dell’Antico Testamento, come la nascita di Davide, che in seguito sarebbe divenuto re di Israele.Fr. FRÉDÉRIC MANNS, ofm
Studium Biblicum Franciscanum
“Samuele venne a Betlemme e mandò a chiamare il padre [di Davide], Jesse, perché gli presentasse i suoi figli. Nessuno di quelli che Jesse presentò fu scelto. ‘Non ce n’è un altro?’ – chiese Samuele. ‘Sì!’ [rispose il padre di Davide]. ‘Il piccolo che sta con il gregge, il piccolo pastore!’ ‘Chiamalo!’. E quando Samuele lo vide disse: ‘Ecco l’eletto del Signore’. Ricevette l’unzione del Signore e subito lo Spirito del Signore si posò su di lui e lo Spirito non lo lasciò mai più”.Nella Tradizione cristiana, Davide divenne il prototipo del Messia. Entrambi nacquero nella stessa terra e liberarono il popolo d’Israele dai suoi nemici.

Fr. FRÉDÉRIC MANNS, ofm
Studium Biblicum Franciscanum
“Il testo dice: era fulvo, aveva i capelli rossi… Gesù non aveva i capelli rossi, ma i padri della Chiesa diranno poi che li aveva così quando gli fu posta [in testa] la corona di spine, per via del sangue”.

Negli ultimi giorni la storia di questo grande re, basata su fonti bibliche, storiche e archeologiche, è stata proiettata sulle Pareti della Città Santa dal Tower of David Museum, in uno spettacolo di luci. Lo show è cominciato subito dopo il tramonto e ha riunito i principali aspetti della vita del re in una nuova prospettiva, moderna e artistica.

CAROLINE SHAPIRO
International Public Relations Tower of David Museum
“È un’incredibile produzione che unisce cinema, arte, animazione, musica … tutto nella Città Vecchia di Gerusalemme. Stiamo utilizzando una tecnologia di proiezione laser all’avanguardia, proveniente dall’Inghilterra. È impareggiabile vedere le pareti illuminate su circa 35 milioni di pixel, 250.000 luci, per 10 chilometri di cavi che circondano il sito, oltre a 18 proiettori che permettono al pubblico di godersi di questo spettacolo”.

Tra i momenti salienti dello spettacolo si sono succedute opere di artisti come Chagall, Matisse e Michelangelo, nelle quali era rappresentato Davide.

Attraverso esperienze multisensoriali il pubblico si è emozionato ascoltando le canzoni dei famosi Salmi, attribuiti al Re di Israele….Un uomo che ballava persino davanti all’Arca dell’Alleanza!

Fr. FRÉDÉRIC MANNS, ofm
Studium Biblicum Franciscanum
“Quando ballava, Mihal, sua moglie, lo prendeva in giro: ‘Ma che cosa fai??’. Luca si ricorderà di questa tradizione quando Elisabetta andrà a trovare Maria: il piccolo Giovanni Battista nel seno di Elisabetta ballava come Davide”.

Un altro episodio – forse il più importante della sua vita – fu la vittoria sul gigante Golia, anch’essa rappresentata durante la serata.

Fr. FRÉDÉRIC MANNS, ofm
Studium Biblicum Franciscanum
“Il Padre della Chiesa Ippolito di Roma, quando commenta questa pagina, dice: ‘Ecco, noi cristiani siamo uma piccola minoranza nel mondo che è pagano, che è ritornato al paganesimo. Non dobbiamo mettere l’armatura di Saul facendo piani e progetti. Non serve, ci blocca soltanto. Noi dobbiamo prendere il bastone. Il bastone è il simbolo della Croce di Cristo che è morto per ognuno di noi, per la nostra giustificazione’.”

Naturalmente, non poteva mancare la scena che rappresenta la conversione di Davide e la misericordia di Dio che sperimentò!

Fr. FRÉDÉRIC MANNS, ofm
Studium Biblicum Franciscanum
“Davide ha avuto il coraggio di chiedere perdono. Nella Tradizione, il Salmo, Miserere 51, parla del pentimento di Davide, di un cuore affranto e umiliato: ‘Crea in me, o Dio, un cuore puro, rinnova in me uno spirito saldo’. Significa che la conversione è anche un dono di Dio”.



© Christian Media Center 2018