C’è una “nuova Terra”, ci sarà anche la vita?

Ammassi di Galassie/Clusters of Galaxies, Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso di Galassie/Cluster of Galaxies, Ammasso Stellare/Star Cluster, Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Buchi neri/Black holes, Buco Nero/Black Hole, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Cristianesimo/Christianity, Energia oscura/Dark energy, Fisica/Physics, Galassia/Galaxy, Galassie/Galaxies, Materia oscura/Dark matter, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Stella/Star, Stelle/Stars, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Superammassi di Galassie/Superclusters of Galaxies, Superammasso di Galassie/Super-cluster of Galaxies, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

 NEWS

© NASA

Lucandrea Massaro/Aleteia | Lug 24, 2015

La scoperta di Kepler 452b, di dimensioni e condizioni simili alla Terra rilancia l’interrogativo: siamo soli?

E’ forse la notizia dell’estate, di certo è – per gli scienziati – una notizia epocale: un pianeta simile alla Terra finalmente è stato trovato. Grande giubilo per gli scienziati della Nasa alla continua ricerca di risultati da esibire con molteplici fronti aperti (non dimentichiamo le recenti immagini di Plutone finalmente raggiunto da una sonda). Il nome del pianeta è “Kepler 452b” osservato proprio grazie al telescopio spaziale Keplero. Kepler 452b è più grande e più anziano della Terra e orbita attorno ad un sole il 10% più grande del nostro, la particolarità è che la sua orbita è alla distanza “giusta” per ospitare acqua allo stato liquido, indispensabile per i processi vitali, dunque è ipotizzabile che ci sia (o ci sia stata) la vita, anche se la distanza (1400 anni luce) non ci permetterà forse mai di scoprirlo davvero.

Cosa dice la Nasa
Come spiega John Grunsfeld della Nasa, in un briefing in corso con altri esperti: “Gli anni su Kepler 452B sono della stessa lunghezza che qui sulla Terra ed ha trascorso miliardi di anni intorno la zona ‘abitabile’ della sua stella. Il che significa che potrebbe aver ospitato vita sulla sua superficie ad un certo punto, o potrebbe ospitarla ora” “Kepler 452B – hanno spiegato ancora gli esperti – ha un’eta’ di 6 miliardi di anni e riceve il 10% in piu’ di energia dalla sua stella rispetto alla Terra”. La sua dimensione e’ compatibile con quella della Terra – ossia una volta e mezza il nostro globo – ed il suo sistema solare anche (Ansa, 23 luglio).

Ma gli alieni credono in Dio?
Una domanda che – specialemente per i credenti – nasce spontanea è se i “marziani” credono in Dio, o se Gesù ha fatto loro visita in qualche modo. Non è fantascienza, ma una domanda che sacerdoti e teologi si sono posti.
 

“La fede cristiana non pare avere argomenti pregiudiziali contro la presenza di vita e di vita intelligente nel cosmo (come potrebbe trattandosi di eventi che apparterrebbero all’ordine fattuale?), ma neanche si può qualificare come antiscientifico il ritenere ragionevole, in mancanza di dati cogenti, la “soluzione classica” che prevede l’unicità dell’essere umano.

L’immagine di Dio uno e trino consegnata dalla Rivelazione ebraico-cristiana non è geocentrica, né antropocentrica, bensì universale e trascendente, soggetto di una onnipotenza creatrice la cui portata è di ordine cosmico generale e certamente non locale. Sono infatti concetti universali l’esistenza di una paternità e di una filiazione, la cui intelligibilità è legata ad un processo generativo comune ad ogni vivente, ed è universale il concetto di un Amore-Dono, lo Spirito Santo, la cui comprensione rimanda all’idea di comunione, di altruismo e di donazione, comune ad ogni intelligenza cosciente. Anche l’Incarnazione del Verbo possiede un valore rivelativo di ambito universale, non solo locale.” (Avvenire, 22 novembre 2012)

E riferendosi al libro del teologo tedesco Armin Kreiner “Gesù, gli UFO e gli alieni. L’intelligenza extraterrestre come sfida alla teologia cristiana”(Queriniana, 2012, a cura di A. Aguti) troviamo questa riflessione:
 

“Qui abbiamo un teologo che si confronta con le implicazioni della presenza extraterrestre dal punto di vista dell’universalità della salvezza cristiana. L’autore insegna nella Facoltà di teologia cattolica di Monaco di Baviera ed affronta con chiarezza e rigore il problema della compatibilità o meno della teologia cristiana con l’esistenza di esseri intelligenti non umani e probabilmente dotati di una loro religiosità.

Nella prima parte del libro, effettuando una ricognizione di ipotesi e teorie oggi esistenti, l’Autore ritiene alta la probabilità che esistano intelligenze extraterrestri. Sembra così legittimo chiedersi quali siano le conseguenze per la teologia cattolica. La risposta implica un ripensamento del tema dell’«incarnazione», partendo dalla pista tracciata da teologi medioevali come san Bonaventura e Duns Scoto.

Per costoro l’incarnazione è un evento collegato al disegno complessivo di Dio rispetto al mondo. Non abbiamo dunque l’incarnazione come risposta al peccato originale, bensì ci poniamo all’interno di una visione più allargata. Ed anche problematica perché nella teologia medioevale convivono aspetti diversi. Ad esempio Anselmo d’Aosta riteneva l’incarnazione necessaria a motivo del peccato umano.

Kreiner è fautore di una teologia che ritiene possibile un’incarnazione come quella di Cristo anche in altri luoghi dell’universo, favorevole ad un Dio creatore dell’universo e dunque di tutte le forme di vita esistenti, ognuna con una strada di salvezza e tutte insieme riconducenti ad un unico Dio” (Vatican Insider, 30 ottobre 2012)

In fondo gli alieni potrebbero non aver peccato contro Dio oppure stare cercando anch’essi la Salvezza, in attesa che il Vangelo venga loro annunciato. Domande affascinanti che lasciano nel cuore del fedele solo una certezza: Dio è un creativo, avrà trovato una soluzione…

Tags: VITA EXTRATERRESTRE

Annunci

Il gesuita cosmologo: vita extraterrestre, Dio avrà la soluzione

Ammassi di Galassie/Clusters of Galaxies, Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso di Galassie/Cluster of Galaxies, Ammasso Stellare/Star Cluster, Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Buchi neri/Black holes, Buco Nero/Black Hole, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Cristianesimo/Christianity, Energia oscura/Dark energy, Father Gabriele Gionti SJ, Fisica/Physics, Galassia/Galaxy, Galassie/Galaxies, Gesuiti/Jesuits, Materia oscura/Dark matter, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Padre Gabriele Gionti SJ, Papa Francesco/Pope Francis, Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Stella/Star, Stelle/Stars, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Superammassi di Galassie/Superclusters of Galaxies, Superammasso di Galassie/Super-cluster of Galaxies, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

askanews

Pubblicato il 8 mag 2017

Roma, (askanews) – “Sicuramente Dio ha la soluzione”. Il gesuita Gabriele Gionti, cosmologo della Specola vaticana, commenta così le ultime scoperte della Nasa su pianeti che potrebbero ospitare la vita. “Noi sappiamo dalla Sacra scrittura e dalla nostra tradizione che Gesù di Nazareth è stato il messia, figlio di Dio, che ha portato la redenzione sulla terra”, spiega. Se la realtà della vita extra-terrestre venisse confermata “è chiaro che questo porrà dei problemi per la teologia”. Ma “dobbiamo accettare il problema: non abbiamo ancora la soluzione, sicuramente Dio ha la soluzione a questo e ha fatto le cose in modo tale che quando arriveremo anche questa verità teologica ci meraviglieremo. Per adesso non lo sappiamo ma sicuramente lui ci ha donato gli strumenti razionali e spirituali per potere ragigungere anche questa verità”.

Categoria
Notizie e politica

“Sarebbe strano se gli extraterrestri non esistessero”

Ammassi di Galassie/Clusters of Galaxies, Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso di Galassie/Cluster of Galaxies, Ammasso Stellare/Star Cluster, Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Buchi neri/Black holes, Buco Nero/Black Hole, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Cristianesimo/Christianity, Energia oscura/Dark energy, Father Gabriele Gionti SJ, Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Galassia/Galaxy, Galassie/Galaxies, Gesuiti/Jesuits, Materia oscura/Dark matter, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Padre Gabriele Gionti SJ, Papa Francesco/Pope Francis, Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Stella/Star, Stelle/Stars, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Superammassi di Galassie/Superclusters of Galaxies, Superammasso di Galassie/Super-cluster of Galaxies, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life
Interris.it

SABATO 20 LUGLIO 2019 | SANT’ELIA, PROFETA

Aggiornato: 05:03

RELIGIONI

VENERDÌ 19 LUGLIO 2019, 16:04, IN TERRIS

CHIESA E UNIVERSO

Il cosmologo del Papa, fratel Gabriele Gionti, riflette sull’allunaggio e racconta il lavoro della Specola Vaticana

GIACOMO GALEAZZI

Facebook
Twitter
Copia Link
Invia
Scrivici
Papa Francesco in collegamento con il team della Stazione Spaziale Inernazionale il 26 ottobre 2017

Papa Francesco in collegamento con il team della Stazione Spaziale Inernazionale il 26 ottobre 2017

Quando 50 anni fa Neil Armstrong Buzz Aldrin toccarono il suolo lunare davanti a mezzo miliardo di persone incantate davanti alla televisione, fratel Gabriele Gionti, cosmologo del Papa, era appena nato. Non sapeva ancora che quelle immagini suggestive, entrate nella storia, viste e riviste negli anni a venire, lo avrebbero condizionato nella sua carriera. “Sicuramente tutto il seguito, l’interesse che si è avuto per le scienze da allora, mi ha influenzato e mi ha spinto a fare le scelte che ho fatto”, racconta a LaPresse. Gesuita, una laurea in Fisica alla Federico II di Napoli, poi il dottorato in Fisica matematica, specializzazioni in Filosofia e in Teologia. Fu assegnato all’osservatorio vaticano di Tucson, in Arizona, nell’autunno del 2014. Dal 2010 fa parte dello staff della Specola Vaticana, da studioso di gravità quantistica e teoria delle stringhe. Con la Specola, spiega, “Facciamo ricerche osservative, ma anche ricerche più teoriche che hanno a che fare con teorie più scientifiche”. Dei detrattori dello sbarco degli americani sulla Luna, di chi pensa che sia stata una montatura, non vuol sentir parlare: “Mi è capitato di avere a che fare con gente che crede in questa fake news. È completamente falsa, sulla superficie ci sono ancora i resti dell’allunaggio”.  Sul futuro della mobilità spaziale, prestata al turismo, nutre delle perplessità: “Ha un fine commerciale più che scientifico, va preso con le pinze, potrebbe essere pericoloso per chi si avventura. E poi è troppo costoso. Queste teorie per cui la Terra diventerà talmente invivibile da dover essere costretti a spostarsi su un altro pianeta potrebbero essere solo mosse pubblicitarie. Nessuno sa se potrebbe essere davvero così”.

Scienza e teologia

Nell’intervista a LaPresse, Fratel Gionti sembra molto più convinto del futuro della Specola Vaticana: “Continueremo nella ricerca scientifica, spaziando dalla planetologia allo studio di stelle, galassie e dell’universo a larga scala. Sulle teorie di gravità quantistica e sulla fase iniziale dell’universo”. Sulla fase iniziale dell’Universo, in molti pensano che ci sia un punto, la Creazione, in cui la religione si scontri con la scienza. Ma non i gesuiti della Specola: “No, non c’è. Questi ‘scontri’ non sono veri e propri dissidi. Argomenti scientifici e argomenti teologici hanno superato questo conflitto, che nasce solo quando qualcuno vuole vedere nel Big Bang qualcosa che spiega tutto il nostro mondo. Nessuna teoria scientifica può spiegare tutto il nostro mondo”. E neanche il mondo di chi non appartiene alla Terra, che, per Gionti, esiste quasi senza dubbio: “Sarebbe veramente strano se non ci fosse vita altrove nell’Universo”, dice convinto. “Se fosse così sarebbe di per sè un argomento scientifico da spiegare”. Ma che il Vaticano abbia da tempo posizioni aperte sull’esistenza degli extraterrestri non è cosa nuova. “L’Extraterrestre è mio Fratello” disse padre José Gabriel Funes, ex direttore della Specola Vaticana, in un’intervista rilasciata nel 2008 all’Osservatore Romano che fece scalpore. E mai quanto la domanda che si è posto l’attuale direttore, padre Guy Consolmagno in un libro di successo presentato al simposio della Nasa di Washington: “Vuoi battezzare un extraterrestre?”.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

TAGS vaticano spazio luna extraterrestri allunaggio

Il cosmologo del Papa: “Sarebbe strano se non ci fosse vita altrove nell’Universo”

Ammassi di Galassie/Clusters of Galaxies, Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso di Galassie/Cluster of Galaxies, Ammasso Stellare/Star Cluster, Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Buchi neri/Black holes, Buco Nero/Black Hole, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Cristianesimo/Christianity, Energia oscura/Dark energy, Father Gabriele Gionti SJ, Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Galassia/Galaxy, Galassie/Galaxies, Gesuiti/Jesuits, Materia oscura/Dark matter, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Padre Gabriele Gionti SJ, Papa Francesco/Pope Francis, Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Stella/Star, Stelle/Stars, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Superammassi di Galassie/Superclusters of Galaxies, Superammasso di Galassie/Super-cluster of Galaxies, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

HOME » ASTRONOMIA

“Sarebbe veramente strano se non ci fosse vita altrove nell’Universo”, dice. “Se fosse così sarebbe di per sé un argomento scientifico da spiegare”

A cura di Filomena Fotia 19 Luglio 2019 15:19

universo

Quando il 20 luglio 1969 avvenne l’allunaggio, fratel Gabriele Gionticosmologo del Papa, era appena nato: “Sicuramente tutto il seguito, l’interesse che si è avuto per le scienze da allora, mi ha influenzato e mi ha spinto a fare le scelte che ho fatto“, racconta a Maria Elena Ribezzo per LaPresse. Gesuita, laureatosi in Fisica alla Federico II di Napoli, ha conseguito il dottorato in Fisica matematica, specializzandosi in Filosofia e in Teologia. Dal 2010 fa parte dello staff della Specola Vaticana.
In riferimento ai negazionisti dello Sbarco sulla Luna, l’esperto dichiara: “Mi è capitato di avere a che fare con gente che crede in questa fake news. E’ completamente falsa, sulla superficie ci sono ancora i resti dell’allunaggio“.
Sul futuro della Specola Vaticana spiega: “Continueremo nella ricerca scientifica, spaziando dalla planetologia allo studio di stelle, galassie e dell’universo a larga scala. Sulle teorie di gravità quantistica e sulla fase iniziale dell’universo“.
Sul Big Bang? C’è scontro tra religione e scienza? Non per i gesuiti della Specola: “No, non c’è. Questi ‘scontri’ non sono veri e propri dissidi. Argomenti scientifici e argomenti teologici hanno superato questo conflitto, che nasce solo quando qualcuno vuole vedere nel Big Bang qualcosa che spiega tutto il nostro mondo. Nessuna teoria scientifica può spiegare tutto il nostro mondo“.
Sarebbe veramente strano se non ci fosse vita altrove nell’Universo“, dice. “Se fosse così sarebbe di per sé un argomento scientifico da spiegare“.

Gli esperti della Specola Vaticana: possibili forme di vita extraterrestre

Ammassi di Galassie/Clusters of Galaxies, Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso di Galassie/Cluster of Galaxies, Ammasso Stellare/Star Cluster, Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Buchi neri/Black holes, Buco Nero/Black Hole, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Cristianesimo/Christianity, Energia oscura/Dark energy, Father Gabriele Gionti SJ, Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Galassia/Galaxy, Galassie/Galaxies, Gesuiti/Jesuits, Materia oscura/Dark matter, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Padre Gabriele Gionti SJ, Papa Francesco/Pope Francis, Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Stella/Star, Stelle/Stars, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Superammassi di Galassie/Superclusters of Galaxies, Superammasso di Galassie/Super-cluster of Galaxies, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

 NEWS

GALAXY

The Atlantic Photo | Twitter | Fair Use

Gelsomino Del Guercio | Lug 19, 2019

“Possiamo comprendere che un Dio infinito può concentrare la sua attenzione amorevole su qualunque altra creatura ci sia, ci possa essere o ci possa essere stata, in qualunque modo in questo universo”

Vita extraterrestre: gli esperti della Specola Vaticana non lo escludono. Fratel Gabriele Gionti, uno dei cosmologi del Papa, ne ha parlato con La Presse (19 luglio).

Gesuita, laureatosi in Fisica alla “Federico II” di Napoli, ha conseguito il dottorato in Fisica matematica, specializzandosi in Filosofia e in Teologia. Dal 2010 fa parte dello staff della Specola Vaticana, da studioso di gravità quantistica e teoria delle stringhe. Con la Specola, spiega, «facciamo ricerche osservative, ma anche ricerche più teoriche che hanno a che fare con teorie più scientifiche».

cosmologo della specola vaticana
Youtube
Padre Gabriele Gionti

Mobilità spaziale? No grazie

Sul futuro della mobilità spaziale, prestata al turismo, nutre delle perplessità: «Ha un fine commerciale più che scientifico, va preso con le pinze, potrebbe essere pericoloso per chi si avventura. E poi è troppo costoso. Queste teorie per cui la Terra diventerà talmente invivibile da dover essere costretti a spostarsi su un altro pianeta potrebbero essere solo mosse pubblicitarie. Nessuno sa se potrebbe essere davvero così».

Leggi anche: C’è una “nuova Terra”, ci sarà anche la vita?

Big Bang non spiega il mondo

Sul Big Bang? C’è scontro tra religione e scienza? «No, non c’è. Questi ‘scontri’ non sono veri e propri dissidi. Argomenti scientifici e argomenti teologici hanno superato questo conflitto, che nasce solo quando qualcuno vuole vedere nel Big Bang qualcosa che spiega tutto il nostro mondo. Nessuna teoria scientifica può spiegare tutto il nostro mondo».

«Sarebbe veramente strano se non ci fosse vita altrove nell’Universo», chiosa, «se fosse così sarebbe di per sé un argomento scientifico da spiegare» (In Terris, 19 luglio)

L’immensità della Creazione

Fratel Guy Consolmagno, direttore della Specola, evidenzia: «Come credenti, abbiamo imparato che confinare la nostra comprensione di Dio solo al pianeta Terra ha reso Dio – o almeno, la nostra immagine di Dio – troppo piccolo. Il salmista lo sapeva bene, del resto, così come i profeti: quando parlavano delle stelle cantavano a Dio, il loro Creatore. Ma proprio perché apprezziamo l’immensità della creazione possiamo accorgerci di quanto immenso sia Dio».

ALIEN
E’ possibile che esistano gli alieni?

Gli “alieni”

A partire da questo, prosegue Consolomagno, «possiamo comprendere che un Dio infinito può concentrare la sua attenzione amorevole su ciascuno di noi, non soltanto qui e ora sul pianeta Terra ma su qualunque altra creatura ci sia, ci possa essere o ci possa essere stata, in qualunque modo in questo universo. Persino se ci fossero forme indicibilmente bizzarre in qualche luogo lontano dalla Terra non sarebbero “alieni”, ma figli dello stesso Padre.  Questo dovrebbe collocare i nostri problemi in un’altra prospettiva, farci fermare a riflettere e darci speranza» (Toscana Oggi, 21 luglio).

Leggi anche: Come si può conciliare l’ipotesi di vita extraterrestre con la fede?

Lo spettacolo di Eta Carinae nell’ultravioletto

Ammassi Stellari/Star Clusters, Ammasso Stellare/Star Cluster, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Stella/Star, Stelle/Stars, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio Spaziale Hubble/Hubble Space Telescope

03 luglio 2019

L’immagine di Beta Carinae catturata da Hubble (NASA, ESA, N. Smith/University of Arizona, Tucson, J. Morse/BoldlyGo Institute, New York) 

Il telescopio spaziale Hubble dell’ESA/NASA ha raccolto nuove immagini dei materiali espulsi dal sistema stellare doppio più di 150 anni fa, rivelando preziose informazioni sull’evento, noto come Grande Eruzione

In questo articolo parliamo di:

Centocinquant’anni di fuochi d’artificio cosmici. Le nuove immagini raccolte dal telescopio spaziale Hubble dell’ESA/NASA anche nello spettro ultravioletto mostrano con eccezionale accuratezza gli esiti dell’esplosione, avvenuta nel 1838 e poi ancora nel 1844, della stella Eta Carinae, un sistema stellare doppio distante da noi 7500 anni luce. Le riprese hanno catturato i gas che continuano a espandersi verso l’esterno, producendo spettacolari bagliori rossi bianchi e blu, che col tempo vanno attenuandosi.

L’esplosione della metà dell’Ottocento, chiamata anche Grande Eruzione, è stato solo uno degli eventi di espulsione di materia nello spazio dalla stella più grande e massiccia del sistema Eta Carinae, prossima alla fine del suo ciclo vitale. Osservando il cielo in direzione del sistema è possibile distinguere chiaramente l’impronta della Grande Eruzione: gas e polveri proiettati nello spazio dall’esplosione costituiscono una nube dalla caratteristica forma a due lobi conosciuta come Nebulosa dell’Omuncolo.

Hubble ha documentato questi eventi eruttivi e la loro evoluzione nell’arco di 25 anni, ma queste ultime immagini dalla Wide Field Camera 3 hanno una risoluzione senza precedenti e catturano la radiazione nella porzione ultravioletta dello spettro, che consente in particolare di seguire l’evoluzione del magnesio incandescente.

Le osservazioni mostrano una grande quantità di gas caldo espulso nella Grande Eruzione che non è ancora entrato in collisione con l’altro materiale che circonda Eta Carinae. La maggior parte dell’emissione si trova dove ci si aspettava di trovare uno spazio vuoto: questo materiale extra si muove rapidamente e aumenta l’energia totale di un’esplosione stellare già di per sé molto potente. I dati raccolti, sottolineano gli autori, sono importanti per capire come è iniziata l’eruzione, perché rappresentano i getti di materiale più rapidi ed energetici proiettati nello spazio dalla stella poco prima dell’espulsione del resto della nebulosa.

“Avevamo usato Hubble per decenni per studiare Eta Carinae nella luce visibile e all’infrarosso, e pensavamo di avere un resoconto abbastanza completo dei suoi detriti espulsi, ma questa nuova immagine a luce ultravioletta sembra gas che non avevamo visto nelle immagini a luce visibile o infrarosse”, ha spiegato Nathan Smith dello Steward Observatory dell’Università dell’Arizona, a capo del programma di osservazioni di Hubble. “Siamo entusiasti della prospettiva che questo tipo di emissione del magnesio nell’ultravioletto possa evidenziare gas precedentemente nascosto anche in altri tipi di oggetti che espellono materiale, come protostelle o altre stelle morenti, e solo Hubble può ottenere questo tipo di immagini”.

Futuro24: captare le onde radio per svelare i misteri dell’Universo

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Consorzio del Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope Consortium (EHTC), Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Father Josè Gabriel Funes SJ, Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Grande Schieramento Millimetrico di Antenne Radio in Atacama/Atacama Large Millimeter Array (ALMA), Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio di Antenne Radio di un Chilometro Quadrato/Square Kilometre Array Observatory (SKAO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Padre Josè Gabriel Funes SJ, Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope (EHT), Telescopio Sferico con Apertura di Cinquecento Metri/Five Hundred Meter Aperture Spherical Telescope (FAST), Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life

Origen: Futuro24: captare le onde radio per svelare i misteri dell’Universo

Is Our Galaxy a Rebel?

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Consorzio del Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope Consortium (EHTC), Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Father Josè Gabriel Funes SJ, Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Grande Schieramento Millimetrico di Antenne Radio in Atacama/Atacama Large Millimeter Array (ALMA), Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio di Antenne Radio di un Chilometro Quadrato/Square Kilometre Array Observatory (SKAO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Padre Josè Gabriel Funes SJ, Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope (EHT), Telescopio Sferico con Apertura di Cinquecento Metri/Five Hundred Meter Aperture Spherical Telescope (FAST), Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life
avatar

20 settembre 2017

Dr. Brenda Frye

Siamo particolarmente affezionati alla Via Lattea perché è la casa del Sole e della Terra (così come altri 100 miliardi di altre stelle e ancora più pianeti).

La Via Lattea costituisce la pietra angolare su cui basiamo la nostra comprensione di come le altre galassie potrebbero lavorare in dettaglio. La domanda è: può la Via Lattea essere descritta come una tipica galassia a spirale?

Ci sono alcuni segnali che la Via Lattea potrebbe essere un po ‘diversa dai suoi vicini. Un indizio viene dal guardare i centri della galassia. Tutte le massicce galassie a spirale come la Via Lattea ospitano giganteschi buchi neri, tranne che per la Via Lattea questo buco nero supermassiccio centrale è più piccolo.

Un altro indizio viene da un’indagine sui dintorni delle galassie a spirale. La Via Lattea ha dozzine di galassie molto piccole nelle immediate vicinanze che chiamiamo satelliti. Molti di questi satelliti sono stati scoperti solo molto recentemente perché sono molto deboli a causa del fatto che in essi ci sono poche nuove stelle. Allo stesso tempo, altre galassie a spirale vicine hanno satelliti che sostengono tassi molto più alti di formazione stellare.

È in corso una nuova indagine per aumentare la nostra comprensione di queste differenze, denominata sondaggio Satellites Around Galactic Analogs (SAGA) condotto da un team della Yale University.

Imparare a conoscere le differenze tra la Via Lattea e altre galassie, se ce ne sono, può aiutarci a capire meglio il nostro posto nell’universo.

IAU Executive Committee meets at Vatican Observatory

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Consorzio del Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope Consortium (EHTC), Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Father Josè Gabriel Funes SJ, Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Grande Schieramento Millimetrico di Antenne Radio in Atacama/Atacama Large Millimeter Array (ALMA), Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio di Antenne Radio di un Chilometro Quadrato/Square Kilometre Array Observatory (SKAO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Padre Josè Gabriel Funes SJ, Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope (EHT), Telescopio Sferico con Apertura di Cinquecento Metri/Five Hundred Meter Aperture Spherical Telescope (FAST), Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life
avatar

17 maggio 2019

Robert Macke

Scritto da p. Peter Lah, SJ

Il comitato esecutivo della International Astronomical Union (IAU) ha visitato l’Osservatorio Vaticano (Specola Vaticana) il 15 maggio 2019. Il gruppo di 23 membri comprendeva membri del comitato esecutivo (13), presidenti di divisione (8) e due membri del personale di segreteria generale. Hanno tenuto tre sessioni di lavoro nei locali della Specola, seguito dal tour della mostra permanente nelle cupole del telescopio di Villa Barberini. La visita si è conclusa con una cena in cui loro e i loro coniugi sono stati accolti dai membri della comunità dei gesuiti.

Comitato esecutivo IAU, accompagnato da alcuni gesuiti dall’Osservatorio Vaticano, visitando le nostre cupole telescopiche nelle Ville Pontificie. (Foto di Peter Lah SJ)

Lunedì 13 maggio, il comitato esecutivo della IAU si è riunito all’Accademia dei Lincei a Roma. Fr. Paul Mueller, vice direttore della Specola, ha tenuto un discorso sulla storia del rapporto dell’Osservatorio Vaticano con l’Unione. L’Accademia dei Lincei è il luogo della prima Assemblea Generale della IAU nel 1922, durante la quale i partecipanti hanno anche visitato l’Osservatorio Vaticano nella sua posizione nella Città del Vaticano. 
L’ottava Assemblea Generale della IAU si riunì anche a Roma, nel settembre del 1952. In quell’occasione furono ricevuti da Papa Pio XII nella residenza estiva di Castel Gandolfo. Questa visita fu accompagnata da un’altra visita all’Osservatorio, che si era trasferito in quella località nel 1935.
L’Unione Astronomica Internazionale è stata fondata nel 1919. Ripercorre le sue radici al primo progetto multinazionale in astronomia, chiamato il progetto “Carte du Ciel” che ha prodotto una mappa fotografica completa del cielo. Durante la loro ultima visita, i visitatori della IAU erano entusiasti di vedere il telescopio originale che è stato recentemente restaurato. 
L’Osservatorio Vaticano era un partner del progetto Carte du Ciel. I suoi astronomi – padri gesuiti, suore religiose e laici – hanno dedicato decenni di ricerche ad esso. Le lastre fotografiche originali sono attualmente digitalizzate e analizzate dal suo astronomo personale, don Alessandro Omizzolo.

Across the Universe: Faith in the search

Astrofisica/Astrophysics, Astronomi Gesuiti/Jesuit Astronomers, Astronomia/Astronomy, Brother Guy Joseph Consolmagno SJ, Città del Vaticano/Vatican City, Collaborazione Specola Vaticana/Vatican Observatory Collaboration, Compagnia di Gesù/Society of Jesus, Consorzio del Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope Consortium (EHTC), Cristianesimo/Christianity, Father David Brown SJ, Father Gabriele Gionti SJ, Father George V. Coyne SJ - Director of the Vatican Observatory (1978 - 2006), Father Josè Gabriel Funes SJ, Fisica/Physics, Fratello Guy Joseph Consolmagno SJ, Geologia/Geology, Gesuiti/Jesuits, Grande Schieramento Millimetrico di Antenne Radio in Atacama/Atacama Large Millimeter Array (ALMA), Intelligenza Artificiale/Artificial Intelligence, Matematica/Mathematics, Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI)/Unidentified Flying Objects (UFO), Osservatori Astronomici Australiani/Australian Astronomical Observatories, Osservatori Astronomici/Astronomical Observatories, Osservatorio Australe Europeo (ESO)/European Southern Observatory (ESO), Osservatorio di Antenne Radio di un Chilometro Quadrato/Square Kilometre Array Observatory (SKAO), Padre David Brown SJ, Padre Gabriele Gionti SJ, Padre George V. Coyne SJ - Direttore della Specola Vaticana (1978 - 2006), Padre Josè Gabriel Funes SJ, Pianeti del Sistema Solare/Planets of the Solar System, Pianeti Extrasolari/Extrasolar Planets, Progetto SETI/SETI Project, Sonde Interplanetarie/Interplanetary Probes, Specola Vaticana/Vatican Observatory, Storia dell'Astrofisica/History of Astrophysics, Telescopi Spaziali/Space Telescopes, Telescopio dell'Orizzonte degli Eventi/Event Horizon Telescope (EHT), Telescopio Sferico con Apertura di Cinquecento Metri/Five Hundred Meter Aperture Spherical Telescope (FAST), Telescopio Spaziale James Webb/James Webb Space Telescope, Unione Astronomica Internazionale/International Astronomical Union (IAU), Vita Extraterrestre/Extraterrestrial Life, Vita intelligente Extraterrestre/Extraterrestrial intelligent Life
avatar

6 settembre 2018

Br. Guy Consolmagno

Questa voce è la parte 8 di 184 nella serie  Across the Universe

Questa colonna è stata pubblicata per la prima volta su The Tablet  a ottobre 2016

L’istituto SETI nella Silicon Valley in California utilizza notoriamente una serie di radiotelescopi per cercare segnali da extraterrestri intelligenti.Incontrandosi come parte del loro Science Advisory Board [nel 2016], ho sentito la fondatrice Jill Tarter insistere sul fatto che il loro lavoro era basato sulla scienza razionale, non sulla “fede”. Non ero d’accordo.”Non puoi ancora provare che la vita aliena esiste”, ho spiegato. “Ma devi avere fiducia che è lì, nonostante la mancanza di prove; è per questo che continui a cercare. “

Una delle cose più belle dell’essere un astronomo vaticano è che posso uscire con persone davvero fantastiche … come Jill Tarter e Frank Drake al SETI Institute

La vita extraterrestre è un esempio di qualcosa che crediamo dovrebbe esistere, dato come pensiamo che l’universo funzioni, anche senza prove precedenti.Recentemente abbiamo avuto successo cercando cose del genere: il Bosone di Higgs, le Onde gravitazionali.Quelle ricerche richiedevano rivelatori incredibilmente complessi e costosi e enormi team di scienziati per trovare cose che non eravamo sicuri fossero effettivamente lì.

Più spesso in astronomia, però, crediamo nelle cose che non possiamo vedere perché influenzano le cose che possiamo vedere. Infatti, quasi tutti i circa 100 scienziati dell’Istituto SETI lavorano effettivamente su queste domande più tangibili, come trovare pianeti attorno ad altre stelle e capire come potrebbero sostenere la vita. Ora conosciamo migliaia di stelle con sistemi di pianeti non troppo diversi dal nostro sistema solare. Recentemente, la stella più vicina al nostro Sole, Proxima Centauri, è stata aggiunta alla lista più breve di stelle con un pianeta paragonabile alla Terra.

Una manciata di astronomi sta attualmente guardando all’interno del nostro sistema solare per un “pianeta nove” non ancora visto, molto al di là di Nettuno e Plutone. Come ha detto a Space.com Scott Sheppard del Carnegie Institute di Washington, “ci sono un sacco di cose strane che sembrano andare avanti e che potrebbero essere spiegate abbastanza bene con l’esistenza di una specie di pianeta enorme là fuori”. 

Quelle strane cose comprendono una mezza dozzina di pianeti nani distanti le cui orbite insolite sembrano essere state spinte da un corpo del genere. In effetti, il lavoro recente annunciato questo mese suggerisce che potrebbero esserci almeno due di questi pianeti invisibili. Persino qualcosa di così grande come Marte sarebbe difficile da individuare così lontano da noi; ma analizzando le orbite di questi pianeti nani, si può avere una migliore idea di dove esattamente cercare.

Siamo in grado di inviare navi spaziali per visitare questi mondi? La sonda spaziale New Horizons, viaggiando a velocità fino a 84.000 km / h, impiegò quasi dieci anni per arrivare a Plutone. Lo sconosciuto Planet Nine potrebbe essere il doppio più lontano. Per raggiungere Proxima Centauri (40 trilioni di chilometri di distanza) a quella velocità ci sarebbero voluti 55.000 anni.Eppure, possiamo almeno immaginare un simile viaggio.

Dopo il nostro incontro all’Istituto SETI sono volato a Roma per partecipare alla 36ª Congregazione Generale dei Gesuiti. Qui siamo impegnati in un diverso tipo di ricerca. All’età di 80 anni, e in mancanza di salute, il nostro attuale Padre Generale p. Adolfo Nicholás ha presentato le sue dimissioni. Ora stiamo cercando di trovare l’uno tra i 200 di noi come suo successore.Secondo le regole dei gesuiti nessuno può candidarsi né a se stesso né a nessun altro. Invece, passiamo una settimana in preghiere e conversazioni tranquille, uno a uno. 

Sebbene il nostro metodo non richieda attrezzature complesse o costose, sono colpito da quanto sia simile alle nostre ricerche scientifiche. Entrambe richiedono osservazioni accurate, alla ricerca di cambiamenti talvolta sottili … movimenti questa volta non di pianeti, ma delle nostre disposizioni interiori. Abbiamo fede che in questo modo scopriremo colui che lo Spirito Santo, che non possiamo vedere, spinge nella nostra orbita.

Fr. Arturo Sosa SJ ha visitato la VATT in Arizona nel 2015, un anno prima di essere eletto padre generale dei gesuiti. Ha scoperto la neve!

Aggiornamento 2018: il pianeta 9 non è ancora stato scoperto; così come ogni traccia di extraterrestri intelligenti. Tuttavia, nella Congregazione Generale, abbiamo eletto p. Arturo Sosa SJ come nostro nuovo Padre Generale. Il suo precedente lavoro era stato assistente del Padre Generale incaricato di case gesuite internazionali come la Comunità gesuita dell’Osservatorio Vaticano; come tale, ci ha visitato più volte. In realtà, lo abbiamo portato a vedere il Grand Canyon quando ha visitato Tucson, dove ha visto per la prima volta la neve; ed è stato catturato in una bufera di neve.)